Emergenza coprifuoco

Tra il 22 e il 26 ottobre 2020 le regioni Lombardia, Campania, Lazio, Sicilia, Calabria e Piemonte hanno imposto un coprifuoco notturno dalle 23 alle 5 del mattino, come “misura urgente di contenimento del contagio” da Covid-19. Con il DPCM del 3 novembre 2020 il coprifuoco dalle 22 alle 5 è stato esteso in tutta Italia a partire dal 6 novembre. Inizialmente temporaneo, il provvedimento è stato rinnovato più volte ed è tuttora vigente, dopo quasi 5 mesi, senza che il suo rinnovo sia stato accompagnato da una effettiva valutazione, trasparente e pubblica, sulla sua reale efficacia nella riduzione dei contagi.

I media hanno ricordato l’ultimo caso di applicazione del coprifuoco avvenuto in Italia, durante la Seconda guerra mondiale: era il luglio del 1943, quando il maresciallo Badoglio, che era subentrato a Mussolini come Capo del Governo, aveva indetto lo stato d’assedio con la legge del coprifuoco, dalle 20 alle 6 del mattino. La disposizione prevedeva il divieto di uscire di casa dal tramonto all’alba, vietava le riunioni di più di tre persone, proibiva l’affissione di stampati e manifesti.

Tuttavia i media si sbagliano. Un coprifuoco di fatto, che comporta il divieto di uscita notturno, è stato imposto a partire dal 2015 nei confronti di persone assegnate a una determinata categoria giuridica e sociale: richiedenti asilo e rifugiatx che vivono nelle varie tipologie di strutture di accoglienza, e lavoratori e lavoratrici agricole immigratx, alloggiatx nelle tendopoli\campi di lavoro istituzionali.

I regolamenti interni dei centri di accoglienza per persone migranti da sempre prevedono severe misure di controllo: dal rientro obbligatorio notturno, alle firme di presenza fino a 3 volte al giorno, ai rigidi orari di distribuzione dei pasti, alle autorizzazioni necessarie per allontanarsi per alcuni giorni dai centri. Tutte misure che, se violate, portano alla perdita dell’accoglienza e in certi casi anche al respingimento della domanda d’asilo.

Queste limitazioni delle libertà personali incidono pesantemente sulla vita quotidiana delle persone coinvolte. Non è possibile cercarsi un lavoro serale o notturno (dato che molti lavori vengono effettuati a nero, e quindi senza un contratto per giustificare l’uscita), né spostarsi facilmente per lavorare nei dintorni. Non si può socializzare con la comunità circostante, frequentare attività culturali serali, organizzarsi tramite riunioni e iniziative sindacali o politiche, o semplicemente passare del tempo con affetti, conoscenti e amici. Di sera, una persona che è costretta a vivere nei centri e campi per immigrati, per le autorità diventa automaticamente “socialmente pericolosa”, e questo rafforza la ghettizzazione istituzionale delle persone immigrate, dunque lo stigma sociale, e limita le possibilità di migliorare la propria esistenza. Per questi motivi sono state frequentissime le proteste portate avanti in questi anni, e ad ogni protesta è seguito il coro razzista di politici che chiedevano ulteriori strette repressive e controlli sugli immigrati.

Purtroppo di queste comuni e diffuse misure quasi mai si è parlato e men che meno sono state criticate e contrastate, se non dalle persone direttamente interessate, tranne in rari casi quando la “stretta” è giunta da istituzioni come le Prefetture o gli enti locali.

Ad esempio nel settembre 2015 nei centri di accoglienza in Veneto fu imposto un coprifuoco notturno dalla Prefettura. “I rappresentanti del governo in Veneto hanno deciso di imporre una sorta di coprifuoco. Infatti alla caserma Serena di Casier (Treviso) e all’ex convento Costagrande di Grezzana (Verona) i migranti devono rientrare negli alloggi entro le 20, alla base di Cona (Venezia) alle 21, alla Prandina di Padova alle 23,15. Adottiamo limitazioni di orario previste dalla normativa statale, che ci consente di imporre agli ospiti regole di accesso, entrata e uscita dal centro di accoglienza — conferma il prefetto di Treviso, Laura Lega —. Siamo rigorosi nell’applicazione di queste disposizioni generali, che contemplano il pernottamento dentro la struttura di riferimento. Ogni prefettura può adottare l’orario che ritiene più opportuno, a seconda della necessità e dell’ubicazione del presidio di accoglienza“.

Una minima risonanza sui media si ebbe anche nell’ottobre del 2018 quando la Prefettura di Firenze emanò una circolare che prevedeva che “a decorrere dal 1° novembre 2018 gli ospiti (dei centri di accoglienza) dovranno rientrare nelle strutture entro le ore 20 e permanervi fino alle ore 8,00 successive”.

Nell’attuale crisi sanitaria ed economica mondiale il dibattito sui media si è concentrato sull’opportunità di chiamare o meno “Coprifuoco” la misura di obbligo di rientro notturno a cui siamo sottoposti. Più che interrogarsi sull’efficacia in termini sanitari si è sottolineato il sapore “bellico” della parola e sconsigliato l’utilizzo.
Lasciamo sullo sfondo le immagini di un convoglio militare che, colmo di cadaveri, attraversa nella notte una città immersa nella paura e quelle del generale Figliuolo, onnipresente in tv, dopo un anno di sacrifici, solitudini, difficoltà e lutti: chiediamoci se il coprifuoco che viviamo da 143 giorni ha ridotto i contagi o è una forma di disciplinamento che ci avvicina alla rassegnazione.

Da casa si può andare a lavoro, resta giusto il tempo per fare la spesa e tornare a casa.
Chiediamoci perché, anche in “zona bianca”, è una misura che permane modulata alla chiusura di bar e ristoranti.

È importante sottolineare come, nel dopoguerra, l’uso del coprifuoco sia stato quasi esclusivamente adottato come misura repressiva. Il coprifuoco era una delle misure preconizzate dalla dottrina della “guerra contro-insurrezionale”. Fu attuato dal governo francese durante la battaglia d’Algeri nel 1957, e di nuovo nelle città metropolitane francesi nel 1961, quando il governo francese decretò un coprifuoco per le persone di origine algerina (e più in generale i francesi musulmani), tra le 20,30 e le 5,30 del mattino. Il 17 ottobre 1961 una manifestazione contro il coprifuoco fu repressa con un massacro, con centinaia di persone assassinate. Venne imposto anche nel 2005 in alcuni quartieri delle città francesi, dopo la rivolta delle banlieues. Il coprifuoco fu indetto in Egitto nel 2011, durante la rivolta contro il regime di Mubarak, e di nuovo nel 2013 per arginare le proteste contro il governo Morsi. Negli USA è ormai una misura consueta di contrasto delle tensioni sociali, ed è stato applicato a Ferguson nel 2014, a Baltimora nel 2015 e in varie città nel 2020, in tutti i casi dopo le proteste contro le uccisioni di persone afroamericane da parte della polizia.

Forse attendere la “naturale” dissoluzione del coprifuoco con l’arrivo del caldo, la voglia diffusa di non stare chiusi tappati in casa, non impedirà allo Stato di reintrodurlo in qualsiasi momento, dopo averlo testato per quasi 5 mesi sulla popolazione intera del paese, e in precedenza, sulle persone immigrate.

Posted in dalle Frontiere, General | Tagged , , | Leave a comment

Oulx – Dopo lo sgombero della Casa Cantoniera Occupata

fonte: Chez JesOulx – Rifugio Autogestito

***english version below***
***version française ci-dessois***
Il testo seguente rappresenta un tentativo, da parte di alcune persone che erano coinvolte nella Casa Cantoniera Occupata, di analizzare lo sgombero del nostro spazio e di riflettere sugli ultimi anni della nostra presenza da questo lato del confine.

Ora più che mai, vogliamo invitare tuttx a venire in frontiera per dimostrare che lo sgombero dei nostri spazi, la repressione delle persone di passaggio e dei solidalx, non arresteranno la nostra volontà di resistenza. Stiamo provando a ri-unirci e riorganizzare la presenza sul confine. Non sappiamo ancora che forma prenderà ciò che intendiamo fare, poichè dipende dagli eventi dei prossimi giorni e settimane. Se siete interessatx e volete rimanere aggiornatx, scrivete un’e-mail a chezjesoulx[at]riseup.net.

La mattina presto del 23 marzo, la polizia, insieme a vigili del fuoco e ad alcune ONG, hanno sgomberato la Casa Cantoniera occupata a Oulx. I 13 compagni che erano presenti nella casa durante lo sgombero sono stati accusati di occupazione, mentre oltre 60 persone di passaggio sono state sottoposte a test forzati per il coronavirus, identificate, prese le impronte digitali, e poi trasportate in diverse strutture.
Il modo in cui questo sgombero è stato eseguito dimostra ancora una volta tutte le contraddizioni della politica migratoria europea. La repressione della libera circolazione è possibile solo con la complicità delle istituzioni cosiddette “umanitarie”. Mentre i poliziotti sono il volto visibile della repressione statale, le organizzazioni umanitarie sono usate (e con compiacenza) come il volto amico di questa repressione.

La Croce Rossa e l’associazione “Rainbow 4 Africa” hanno fornito l’infrastruttura di trasporto e stivamento per le oltre 60 persone di passaggio che erano presenti nella casa durante lo sgombero, spedendole in diverse direzioni e facendole retrocedere dal confine. I vigili del fuoco hanno aiutato i poliziotti a sfondare le barricate della casa e hanno permesso loro di intrufolarsi nella casa dalle finestre del tetto usando le loro attrezzature. Senza l’aiuto di queste istituzioni, lo sgombero della Casa Cantoniera sarebbe stato molto più difficile e lungo (e, quindi, visibile al pubblico).
Non è la prima volta che la Croce Rossa collabora con la polizia – in questa frontiera o in altri luoghi. Ci sono state varie occasioni in cui i suoi membri sono stati ripetutamente presenti sul confine, cercando (invano) di convincere le persone di passaggio a non attraversare invece di fornire qualcosa di utile o permettere loro di decidere da soli. Spesso sono stati complici dell’intervento della polizia, aiutandola a realizzare i respingimenti. In diverse occasioni la Croce Rossa ha consapevolmente sfruttato la fiducia della gente nella sua istituzione mentre collaborava apertamente con la polizia.
L’associazione Rainbow 4 Africa ha una lunga storia di tentativi di collaborazione con i centri sociali e hanno più volte cercato di forzare la loro presenza sulla Casa Cantoniera. Allo stesso tempo sostengono il CPR di Torino con personale medico e hanno fornito infrastrutture mediche per lo sgombero della casa. Quando la protesta il giorno dello sfratto è arrivata al dormitorio dei Salesiani per portare solidarietà alle famiglie che vi erano state portate, ci siamo accorti che il cancello principale della struttura è stato chiuso a chiave fin dal loro arrivo, impedendo loro di uscire. Questo dimostra ancora una volta che la loro percezione delle persone a cui rivolgono i loro “servizi” non è quella di individui liberi e uguali, ma di oggetti gestibili e confinabili.

Per più di due anni la Casa Cantoniera ha cercato di creare uno spazio di solidarietà concreta e di resistenza contro la frontiera, l’oppressione e la violenza che ne derivano. Uno spazio che rifiutava di partecipare alla “gestione” della migrazione, dove coloro sulle cui spalle si costruiscono i nostri privilegi e le nostre ricchezze non venivano trattati come oggetti, come pericolosi delinquenti o vittime infantilizzate, ma come soggetti individuali in grado di prendere le proprie decisioni. La frontiera è evidentemente permeabile al continuo passaggio di denaro, turismo e commercio, ma non alle persone prive del pezzo di carta “corretto”. Il nostro obiettivo non è mai stato quello di fornire un servizio alla gente, ma di costruire una lotta inclusiva con persone che sono oppresse dal sistema capitalista e dello stato, in diversi modi.

Molte persone che sono passate per la Casa Cantoniera hanno partecipato attivamente alla gestione dei compiti quotidiani. Il fatto che questa casa sia stata aperta alla gente senza pause per 828 giorni è stato possibile solo perché abbiamo raccolto collettivamente le nostre conoscenze e competenze, massimizzando le nostre possibilità, adattandoci e valorizzando le differenze nelle nostre capacità. Condividendo la rabbia e la frustrazione in comune, ma anche passare momenti di affetto e di gioia, ci ha aiutato a diventare più forti e determinati nella nostra opposizione alla realtà violenta di questo mondo.
Nella casa occupata le persone hanno condiviso le loro storie, i loro sogni e le loro lotte tra di loro, trovando forza nel non essere soli. A volte questi momenti consistevano semplicemente nel condividere un caffè al mattino, nel passarsi un piatto di qualcosa di delizioso e fritto da condividere durante le discussioni, nel ballare musica pop da tutto il mondo mentre si preparava un pasto collettivo, o il collettivizzare con quattro persone diverse l’ultima cartina, filtro, ciuffo di tabacco o accendino per una sigaretta tanto necessaria…
Questa opposizione che si crea, non è semplicemente in contrasto con l’oppressione sistemica della frontiera – parallelamente ad essa, cerca di costruire una realtà alternativa. Questa casa è stata un luogo dove ci siamo confrontati molte forme di oppressione:
C’era un orto auto-organizzato, per ripensare il nostro modo di rapportarci al cibo e alla natura rispetto al consumismo.
C’era uno spazio riservato alle donne e agli individui non-binari/non conformi al genere, perché il sistema del patriarcato si smantella in parte, valorizzando e dando spazio.
C’era una biblioteca con libri e testi auto-pubblicati in varie lingue, dai fumetti e romanzi alla auto-cura e al DIY, puntando su un’alternativa radicale* che richiede una costante riflessione, autocritica ed espansione della conoscenza.
Pur avendo, in alcune occasioni, accettato l’appoggio materiale di ONG, non ci siamo mai sottomessi per conformarci ai loro paradigmi e abbiamo sempre cercato di auto-sostenere la casa con l’appoggio finanziario e materiale di persone che condividono o sostengono le nostre idee.

Ovviamente, in un mondo che si basa sulla violenza e in cui tutti noi abbiamo interiorizzato dinamiche di oppressione e certi stereotipi, è impossibile non commettere certi errori. Molte persone che sono passate per la casa sono sopravvissute a traumi e perdite, alcune delle quali non hanno mai avuto il privilegio di vivere senza paura e oppressione.
Non vogliamo negare che la casa ha visto episodi di violenza e che abbiamo commesso errori in certe situazioni, ma per creare qualcosa al di fuori della logica del profitto e del dominio, dobbiamo mettere in pratica ed imparare dagli errori che sono stati fatti in passato, anche se non sempre ci riusciamo. Siamo disgustati dal modo in cui questi episodi sono stati strumentalizzati per sventrare un approccio alternativo, usati per dimostrare che effettivamente un altro mondo non è possibile; in realtà è brutalmente ironico che questi episodi di violenza siano un risultato diretto dei sistemi oppressivi che gli stati nazionali sostengono con tanta vemenza.

Dall’inizio del progetto, molte speculazioni e disinformazioni sono state diffuse su questa casa. Subito dopo l’esecuzione dello sgombero, erano state condivise foto dell’interno della casa (che era in uno stato terribile, come logicamente sono tutte le case dopo gli sgomberi), strumentalizzandole per confermare la loro narrazione degli “sporchi abusivi e malfattori”. Ci rifiutiamo di parlare con i giornalisti, perché non vogliamo essere ritratti secondo l’immagine stereotipata “dell’anarchico” e strumentalizzati per alimentare lo spettacolo.
Così ora questo piccolo spazio di autodeterminazione che ci aveva dato la possibilità di respirare per un momento, pur sempre sommersi da un mondo di politiche dure e leggi razziali, è scomparso.
Lo sfratto della Casa Cantoniera è solo una parte della repressione globale contro la libertà di movimento, le strutture di solidarietà e gli spazi liberati ed occupati in generale. In tutta Europa negli ultimi anni, spazi occupati da tempo sono stati sfrattati, mentre i tentativi di creare nuovi spazi e nuove lotte vengono immediatamente accolti con tutta la forza degli organi statali repressivi. La militarizzazione delle frontiere e la normalizzazione dei respingimenti alle frontiere interne ed esterne dell’Europa, non fa che alimentare sentimenti razzisti sempre maggiori e la fascistizzazione della società. Allo stesso tempo, coloro che si rifiutano di credere in questa logica e continuano a sostenere le persone in movimento sono continuamente colpiti.
A Calais la distribuzione di cibo è stata illegalizzata, in altri luoghi, alle persone viene impedito di praticare la loro solidarietà individualmente e sono costrette a registrarsi presso una ONG. In Ungheria tutte le forme di sostegno alle persone in movimento sono state illegalizzate da anni.
L’obiettivo è da un lato quello di creare le condizioni che rendano la migrazione il più difficile possibile, e che agiscano da deterrente per impedire ad altri di tentare il viaggio. Dall’altro lato, si sta mandando il messaggio che l’umanità e il sostegno sono possibili solo quando sono raccolti in un contesto e una metodologia approvata dallo stato.
Tuttavia, la repressione delle strutture di solidarietà e la fortificazione delle frontiere non impediranno alle persone di esercitare la loro volontà e necessità di migrare. La migrazione è ovecchia come l’umanità, e finché questo mondo sarà parcellizzato in spazi di coloro che sono sfruttati e coloro che traggono profitto da questo sfruttamento – finché le guerre e i conflitti saranno alimentati dal bisogno del capitalismo di produrre profitto e dal bisogno degli stati nazionali di espandere il loro potere e la loro influenza – le persone continueranno a migrare da un luogo all’altro. E finché esisterà questa disuguaglianza tra il “sud globale e il nord globale” del mondo, la gente continuerà a cercare di venire in Europa.

Lo sgombero e la repressione della Casa Cantoniera non impediranno alle persone di passare questa parte della frontiera. Li porterà solo ad essere costretti ad usare percorsi sempre più pericolosi, e per le persone più disperate, e all’utilizzo di passatori che traggono profitto dalla miseria delle persone.
Possono prendere i nostri spazi, possono criminalizzarci e imprigionarci, ma non possono seppellire le nostre idee e non possono mettere a tacere la verità, e questa verità è questa:
Finché il mondo sarà organizzato secondo il principio della dominazione – della natura da parte dell’uomo, o di un tipo di uomo sull’altro, o di un sistema economico basato sullo sfruttamento delle risorse e delle vite umane – non potremo essere liberi. Abbiamo bisogno e troveremo, altri modi di esprimere la nostra opposizione, di costruire e lottare per spazi dove possiamo imparare, creare, vivere in libertà.
* usiamo la parola radicale nel suo senso originale, nel senso che vogliamo arrivare alla “radice” del problema invece di limitarci a riformare ciò che crediamo essere fondamentalmente disfunzionale
————————————– Continue reading

Posted in General | Leave a comment

Spagna – Sciopero della fame per protestare contro il trattenimento a Tenerife

Traduzione da https://www.elsaltodiario.com/migracion/huelga-hambre-continente-tres-meses-espera 

Uno sciopero della fame per arrivare alla penisola dopo tre mesi di attesa

Ieri, sabato 16 gennaio, più di 175 persone, la maggior parte delle quali provenienti dal Senegal, hanno iniziato uno sciopero della fame per protestare contro il loro trattenimento a Tenerife.

Alcuni si trovano da tre mesi nell’hotel Tenerife Ving, una soluzione di accoglienza provvisoria dopo il loro arrivo via mare sull’isola. Il loro obiettivo continua a rimanere lo stesso di quando sono partiti dal Senegal mettendo a rischio la propria vita e passando svariati giorni di angoscia in mezzo al mare: ricongiungersi ai propri familiari in Spagna e trovare un lavoro. Però le settimane passano, e anche se molti dispongono del proprio passaporto, gli viene impedito di arrivare alla penisola dove si trovano i familiari che potrebbero ospitarli e sostenerli. Quando escono in strada sanno di essere esposti al rischio della detenzione, di finire in un CIE (Centro de Internamiento de Extranjeros – i nostri CPR) e di essere deportati. Per tutti questi motivi – dopo lunghe settimane di attesa e tre periodi consecutivi di quarantena dovuti all’arrivo di nuovi gruppi di persone – la mattina di sabato hanno deciso di iniziare uno sciopero della fame, senza prevedere una data di fine. Questa mattina, secondo quanto comunicato a El Salto dall’hotel, una persona ha dovuto essere trasportata in ospedale per le conseguenze dello sciopero. 

Khalifa Ibrahima Ndiaye è arrivato a Tenerife alla fine di ottobre. “Un miracolo”, assicura, dato che sul gommone, di piccole dimensioni, viaggiavano duecento persone. “Mangiavamo un piatto di riso e bevevamo un bicchiere di acqua al giorno”. Hanno avuto fortuna visto che ci hanno messo “solo” sei giorni ad arrivare. Nell’hotel, racconta, ci sono persone che ci hanno messo dieci, dodici giorni ad arrivare. Pensa anche a tutti quelli che si sono fermati lungo il cammino.  Questo studente di diritto, che parla uno spagnolo perfetto, appare in un video nel quale, circondato da altri giovani senegalesi, spiega i motivi per cui ha scelto di smettere di alimentarsi come forma di protesta. Parlando con El Salto, racconta la frustrazione che si respira nell’hotel, una delle infrastrutture turistiche dove sono state distribuite le persone che arrivavano alle isole e il cui utilizzo come luogo temporaneo di accoglienza per i migranti ha suscitato critiche xenofobe e razziste. Però Ndiaye e le oltre 175 persone che si sono unite allo sciopero non desiderano stare in un hotel di Tenerife. “Qui ci danno da mangiare, possiamo dormire. Le lavoratrici della Croce Rossa ci trattano bene. Però non siamo animali, non vogliamo solo mangiare e dormire, siamo esseri umani, vogliamo lavorare, vogliamo essere liberi per avere una vita migliore”. 

Da settimane, Ndiaye ha i soldi necessari per pagarsi un volo per la Spagna e ricongiungersi con la sua famiglia che lo sta aspettando a Huesca. Il suo progetto personale, come quello di tutti coloro con cui condivide la sensazione di limbo e la paura di essere rispedito al punto di partenza,  si scontra con la ferrea volontà dello stato di impedire che chi arriva sulle coste delle isole Canarie (circa 22.000 persone nel 2020) prosegua verso il continente. 

Il caso dei senegalesi è complesso perché non gli viene riconosciuto il diritto di asilo come avviene invece per coloro che arrivano dal vicino Mali – anche se sono stati denunciati rimpatri verso la Mauritania anche di cittadini maliani – e la Ministra degli Esteri, Arancha González Laya, è già andata in Senegal lo scorso novembre per negoziare con il presidente Macky Sall la ripresa delle deportazioni verso questo paese. 

Ndiaye incolpa le autorità di Dakar di non aver mobilitato la diplomazia a Madrid per aiutare i suoi cittadini migranti bloccati nell’arcipelago. Persone che, dopo aver trascorso più di 60 giorni di detenzione, dovrebbero poter circolare senza paura della deportazione. Le critiche al governo senegalese per la sua indifferenza di fronte alla tragedia che colpisce gran parte della gioventù del paese, spinta all’emigrazione dall’assenza di futuro, ha generato lo scorso autunno un’ondata di proteste. 

Però, da quanto racconta Ndiaye, lo sciopero intende interpellare il governo spagnolo. Spiega che, essendo la Spagna un paese democratico, si aspettavano un trattamento più umano. Non è solo una questione di solidarietà, ma di giustizia. “Come persone migranti, siamo venute a reclamare la nostra fetta della torta. Per secoli si sono portati via la ricchezza dell’Africa, ci hanno usato come schiavi. E ora ci respingono quando veniamo a lavorare dopo aver rischiato le nostre vite sui gommoni”.

Il giovane senegalese e i suoi compagni sperano di riuscire a dare visibilità alla situazione in cui si trovano. “Al governo spagnolo chiediamo di lasciarci arrivare alla penisola per ritrovare le nostre famiglie. Sia per coloro che hanno un passaporto in regola che per coloro che non ce l’hanno. Nessun essere umano è illegale”, racconta il pomeriggio di sabato, prima di passare la sua prima notte di digiuno. Per ora, i media senegalesi hanno già dato copertura alla protesta. 

Posted in dalle Frontiere | Tagged , , , , , | Commenti disabilitati su Spagna – Sciopero della fame per protestare contro il trattenimento a Tenerife

Della rivolta nella ex caserma Serena a Treviso e della sua repressione: non lasciamo solo chi lotta per la libertà

fonte : FB Comitato lavoratori delle campagne

Della rivolta nella ex caserma Serena a Treviso e della sua repressione: non lasciamo solo chi lotta per la libertà

Il 19 agosto Mohammed, Amadou, Abdourahmane e Chaka vengono arrestati per devastazione, saccheggio e sequestro di persona e portati nel carcere di Treviso. Il 7 novembre Chaka, 23 anni, viene trovato morto nel carcere di Verona.
Secondo le accuse, sono colpevoli di aver “capeggiato” le proteste che tra giugno e luglio hanno travolto il Cas ex caserma Serena di Treviso.
In un periodo in cui per molti il lockdown sembrava finito, le persone costrette a vivere dentro i luoghi di reclusione continuavano a restare ammassate, senza che venisse presa nessuna misura di tutela della loro salute.
Questo è il caso dell’ex caserma Serena di Treviso, adibita a Cas e gestita dalla cooperativa Nova Facility, dove ancora a giugno, più di 300 persone continuavano a vivere in spazi sovraffollati, senza che venisse loro fornita alcuna informazione sui contagi né alcuna protezione come mascherina e disinfettante. Molti di loro lavorano sfruttati in diversi settori della zona, dalla logistica all’agricoltura. Già da ben prima dell’emergenza Covid chi era costretto a vivere in quel luogo aveva denunciato le terribili condizioni di vita all’interno della struttura: le condizioni igieniche degradanti, le cure mediche assenti, le camere-dormitorio, la rigidissima disciplina con cui sono applicate le regole dell’accoglienza, la collaborazione tra operatori e polizia, il lavoro volontario all’interno del centro. Un luogo perfetto per la diffusione del Covid.
L’ex caserma Serena, infatti, nel giro di 2 mesi diventa un focolaio,e i contagiati passano da 1 a 244. E’ proprio per questo che prima a giugno, poi a fine luglio e infine ad agosto si susseguono proteste da parte degli ospiti della struttura. Le ragioni sono molto chiare, nonostante le notizie sui giornali e le inchieste giudiziarie vogliano storpiarle in tutti i modi possibili: si protesta perché non viene fornita nessuna informazione sugli aspetti sanitari, né alcuna misura di tutela della salute, perché da un giorno all’altro viene comunicato a tutti l’isolamento, ma senza che venga data alcuna spiegazione. Solo dopo due giorni di vero e proprio sequestro degli ospiti si scopre che la ragione è il contagio di un operatore. Si protesta perché molti perdono il lavoro senza poter nemmeno comunicare coi propri padroni; perché vengono fatti a tutti i tamponi, ma poi positivi e negativi vengono rinchiusi insieme e quindi l’isolamento si rinnova continuamente. Si protesta perché chi lavora lì continua ad entrare e uscire, mentre i contagiati all’interno aumentano di giorno in giorno, ad alcuni vengono fatti anche 4 o 5 tamponi ma nessuno, tra operatori, personale sanitario e polizia, si interessa di fornire informazioni a chi dentro la caserma ci vive e di virus si sta ammalando. Ad alcuni è anche impedito di vedere l’esito del proprio tampone. Si protesta anche perché gli ospiti chiedono di parlare coi giornalisti per raccontare le loro condizioni, e polizia e operatori glielo impediscono.
Nel frattempo, già dopo le prime manifestazioni di giugno, la prefettura preannuncia 3 espulsioni e almeno una ventina di denunce pronte per quando finirà l’isolamento. L’annunciata repressione si avvera il 19 agosto, quando quattro persone che vivono dentro l’ex caserma vengono arrestate. Altre 8 risultano indagate. Le accuse sono pesanti, ed è molto chiaro che l’intento è punire Abdourahmane, Mohammed, Amadou e Chaka in modo esemplare, per dare un segnale a tutti gli altri. Per trovare dei colpevoli, dei capi, degli untori, per spostare la responsabilità dal Ministero dell’Interno, dalla Prefettura, dalla cooperativa e dal comune agli immigrati. Tutti e 4 vengono portati nel carcere di Treviso. Mohammed viene ricoverato in urgenza allo stomaco proprio per l’assenza di cure, Amadou si ammala di Covid in carcere.
Dopo un mese circa – per ordine del Ministero dell’Interno- vengono trasferiti in 4 carceri diverse e messi in regime di 14bis (sorveglianza particolare). Il 7 novembre il più giovane di loro, Chaka, viene trovato morto nel carcere di Verona. Su di lui viene spesa qualche parola in qualche articolo di giornale, si parla di suicidio e poi, come per tantissime altre morti, cala il silenzio.
Le ragioni di questa protesta, la repressione che ne è seguita e la morte di Chaka sono un’espressione molto chiara di quanto è accaduto nell’ultimo anno e dell’ordine assassino a cui vogliono sottoporci. Se abbiamo conoscenza di questa storia è soltanto grazie al fatto che delle persone continuano a lottare. E per questo ora stanno pagando, rischiando di rimanere isolate e sole.
Dall’inizio della pandemia nei centri di accoglienza di tutta Italia si sono susseguite proteste scatenate da ragioni del tutto simili a quelle di Treviso: la mancanza di informazioni chiare, l’ammassare positivi e negativi insieme in una tendopoli, in un centro o su una nave, le quarantene continuamente rinnovate, la mancata tutela della salute. Le proteste, le fughe, gli scioperi della fame non si sono mai interrotti, contro uno Stato che nei mesi ha noleggiato 5 navi-prigione, ha inviato militari a presidiare i centri di accoglienza, ha stretto accordi di rimpatrio con la Tunisia, ha denunciato ed espulso centinaia di persone, avallato da fascisti e rappresentanti locali che gridavano all’untore, all’espulsione, agli sgomberi.
A marzo, in seguito alle lotte per i documenti che le persone immigrate soprattutto nelle campagne portano avanti con coraggio, lo stesso governo ha varato una sanatoria che ha coinvolto solo poche persone, lasciandone tantissime altre in condizione di irregolarità o semi-irregolarità. Eppure di questa sanatoria le istituzioni si sono fatte vanto, così come della modifica dei decreti sicurezza di Salvini (in realtà questi prevedono ancora misure per favorire la repressione dei reati commessi dentro i cpr, mentre è stata lasciata completamente intatta tutta la parte relativa alla criminalizzazione delle lotte in generale).
Così nelle carceri, dove dopo le rivolte di marzo e le morti, si è cercato di imporre in tutti i modi un muro di silenzio. Mentre le prigioni continuano ad essere focolai, i contagiati raddoppiano (come ad esempio il carcere di Vicenza dove tuttora è rinchiuso Amadou), e aumentano i morti di Covid tra i detenuti, sulle rivolte di marzo e sui 14 detenuti morti nelle galere di Modena, Bologna e Rieti si cerca in tutti i modi di far calare il silenzio; levando di torno le persone e mettendo a tacere in qualsiasi modo la voce dei detenuti e dei testimoni delle violenze e torture che si sono consumate in questi mesi nelle galere. Non a caso proprio le persone straniere che hanno partecipato alle rivolte di Modena sono state espulse.
Ma per quanto si voglia liquidare tutte queste morti, da quella di Salvatore Piscitelli a quella di Chaka Outtara, come dovute a overdose o suicidi, sono proprio le denunce, i racconti e le lotte di questi mesi ad aver permesso di non farne dei casi singoli. Per quanto si voglia dividere e isolare chi ha lottato nei campi, nei centri di accoglienza, nei cpr, sulle navi, nelle carceri con enorme coraggio in tutti questi mesi, i legami di solidarietà e di lotta non smettono di intrecciarsi.
La morte di Chaka, come quella di tanti altri, non deve essere dimenticata, perché quello di Chaka è un omicidio e gli assassini sono l’accoglienza, le leggi razziste che governano la vita delle persone immigrate, lo sfruttamento, il carcere.
Attualmente Mohammed e Amadou sono nelle carceri di Treviso e Vicenza, mentre Abdourahmane è agli arresti domiciliari. Invitiamo a scrivere loro e a far sentire la nostra vicinanza in tutti i modi possibili, perché continuare a lottare significa anche non lasciare solo nessun davanti alla repressione, e non lasciare che la morte di Chaka si aggiunga solo ad una lista ormai troppo lunga.
Per Chaka
Mohammed, Amadou e Abdou liberi! Tutti e tutte libere!
Sanatoria per tutti, repressione per nessuno!
Per scrivere loro:
Mohammed Traore
Via S. Bona Nuova 5/b
31100 Treviso (TV)

Amadou Toure

Via B. Dalla Scola 150

36100 Vicenza (VI)

Posted in General | Tagged , , , , , , | Commenti disabilitati su Della rivolta nella ex caserma Serena a Treviso e della sua repressione: non lasciamo solo chi lotta per la libertà

Torino – Domenica 24 Gennaio presidio al CPR di Corso Brunelleschi

riceviamo e pubblichiamo

Posted in Appuntamenti | Tagged , , , | Commenti disabilitati su Torino – Domenica 24 Gennaio presidio al CPR di Corso Brunelleschi

CPR di Brindisi-Restinco: due notti di rivolta

Ancora una volta solo la lotta delle persone recluse accende i riflettori sulla situazione nei lager italiani. Nel CPR di Brindisi intorno alle 3 della notte tra domenica e lunedì i reclusi hanno dato fuoco a materassi e suppellettili nelle sezioni B e C della struttura, rendendole la prima inagibile. Anche i media locali sono stati costretti ad ammettere che la protesta è divampata dopo settimane di inascoltate richieste, da parte di reclusi in pessime condizioni di salute e dei loro compagni di prigionia, di ottenere assistenza medica. Dopo l’incendio, delle 46 persone presenti nel centro, sembra che 3 siano state arrestate, 14 trasferite nel CPR di Gradisca d’Isonzo e un’altra decina siano state fatte uscire dalla sezione B ormai impraticabile e ammassate, insieme a altri reclusi, nella sezione C, che aveva avuto meno danni. Di fronte a questa situazione ulteriormente peggiorata, la notte successiva verso le 22.30 i reclusi hanno ripreso a far sentire la loro voce, incendiando di nuovo i materassi.

Anche all’inizio del 2020, a febbraio e marzo, erano avvenute rivolte nel centro di espulsione di Restinco, e una persona lì presente aveva raccontato l’angoscia e la rabbia di chi si trova recluso per mesi in celle sovraffollate, senza distanziamenti e cure, durante una pandemia.

Posted in dalle Galere | Tagged , , , | Commenti disabilitati su CPR di Brindisi-Restinco: due notti di rivolta

Egitto: L’EU complice della dittatura. La situazione nelle carceri.

Il 7 dicembre scorso, un tribunale del Cairo ha rinnovato la detenzione di circa 750 persone accusate di terrorismo (50 casi) in una singola udienza.
Tra di loro anche Patrick Zaki, lo studente dell’Università di Bologna arrestato all’aeroporto del Cairo a febbraio del 2020.
Non si conosce il numero delle persone detenute in Egitto. Decine di migliaia sono i/le prigioniere politiche ammassate in celle piccole, senza servizi, senza assistenza medica mentre nel paese e nelle carceri dilaga la pandemia. Un altro recente rapporto internazionale dice che le persone morte nelle carceri sono più di 1000 dal 2013. Tra di loro anche Giulio Regeni, torturato a morte dai servizi egiziani. Questo, tuttavia, non impedisce al criminale al-Sisi di essere riverito da Macron all’Eliseo, o di ricevere chiamate docili e condiscendenti di Conte o di altri capo di stato Europei. Del resto l’UE tutta non solo è complice del regime egiziano, ben foraggiato con soldi, armamenti e sostegno internazionale, ma dimostra di condividerne anche le politiche autoritarie vista la repressione e le violenze poliziesche di questi ultimi anni e la condizione in cui versano le carceri europee.

Qui di seguito abbiamo tradotto uno scritto della sorella della compagna Mahienour al-Masry, rapita dai servizi di fronte alla procura di Alessandria. Da quel momento la sua detenzione è stata rinnovata illegalmente. Il 30 agosto scorso un nuovo processo è stato aperto nei suoi confronti con l’accusa di “far parte di un’organizzazione illegale”.

L’8 dicembre si è svolta l’udienza per il rinnovo della detenzione preventiva di Mahienour.
I suoi legali e nello specifico la sua legale, Wafaa al-Masry, sono venuti a sapere che Mahienour e Esraa Abdel Fattah hanno denunciato il poliziotto che le ha trasferite dal carcere al tribunale.
Sono state spinte dentro al blindato a forza perché volevano che togliessero loro le manette, come avviene di solito, ma questo non è successo e hanno affrontato un trasferimento difficile e faticoso senza potersi reggere, né muoversi.
Purtroppo è stato lo stesso poliziotto a trasferirle nuovamente in carcere. Non riesco a non essere preoccupata al pensiero di cosa possano aver subito durante il rientro in carcere, soprattutto dopo che il poliziotto è stato denunciato personalmente.
I legali hanno scritto un verbale di denuncia al procuratore generale con la richiesta di aprire un’indagine per abuso di potere.
Durante l’udienza di rinnovo Mahienour ha raccontato del sovraffollamento all’interno del carcere femminile di al-Qanater. Se prima ogni detenuta dormiva su un letto proprio, ora sono obbligate a condividerlo in due, durante la diffusione della pandemia. Ovviamente in queste condizioni è impossibile rispettare il distanziamento e il sovraffollamento aumenta di giorno in giorno.
Mahienour racconta anche delle restrizioni sulla corrispondenza, i libri e le perquisizioni avvenute all’interno delle varie celle. Alcune detenute sono state private di tutti i loro beni e anche delle coperte in pieno inverno.
La famiglia di Mahienour farà una denuncia ufficiale come da lei richiesto, per le pessime condizioni all’interno del carcere.

Libertà per Mahienour,
Libertà per tutti e tutte.

Posted in dall'Egitto | Tagged , , , , , | Commenti disabilitati su Egitto: L’EU complice della dittatura. La situazione nelle carceri.

Torino – Aggiornamento dal CPR di Corso Brunelleschi

fonte: No CPR Torino

In settimana un gruppo di solidali si è avvicinato alle mura del CPR di corso Brunelleschi per dare sostegno ai reclusi con un rumoroso saluto. Per alcuni minuti cori, slogan e fumogeni hanno riscaldato i rivoltosi all’interno che da subito hanno risposto calorosamente con urla e battiture dimostrando quanto sia forte la volontà di fare uscire la loro voce fuori da quelle infami mura.
Ieri siamo riusciti a sentire al telefono quattro ragazzi all’interno del CPR.

Ci hanno raccontato che continua il divieto di poter utilizzare il proprio cellulare e l’unico modo per comunicare con l’esterno rimane quello di utilizzare le schede telefoniche che vengono acquistate a loro spese direttamente dall’ente gestore (la multinazionale francese Gepsa, specializzata nel fare profitto con i luoghi detentivi).
La cabina telefonica presente in ogni aerea del centro continua ad essere disattivata per le chiamate in entrata.
La situazione dei pasti è sempre ignobile. Molti reclusi sono costretti a nutrirsi solo di latte in polvere annacquato e biscotti per diverse settimane in quanto il cibo fornito due volte al giorno è spesso marcio e maleodorante.
Dopo mangiato molti si addormentano entrando in uno stato di catalessi dovuto ai soliti medicinali che vengono aggiunti agli alimenti. La scorsa settimana alcuni reclusi dell’area VERDE hanno protestato durante la consegna del cibo e per tutta risposta sono stati picchiati e insultati dalle guardie.

L’assistenza sanitaria all’interno del CPR continua ad essere assente. Le condizioni igieniche sono pessime, le unità abitative non vengono mai pulite o disinfettate. Viene ignorata dal punto di vista medico ogni forma di disabilità, come ci ha raccontato un signore marocchino con un problema alle articolazioni inferiori che più di un mese fa è stato scaricato come un pacco all’interno dell’area ROSSA e da allora abbandonato senza una sedia a rotelle e senza una stampella. Può andare in bagno solo grazie all’aiuto de suoi compagni di stanza che gli hanno costruito un supporto di polisterolo.
Secondo una stima dei reclusi ci sarebbero più di cento persone all’interno del CPR.
Al momento su sei aree totali, due sono completamente inagibili, la BLU e la VIOLA, a causa delle rivolte scoppiate ad inizio anno che hanno distrutto e dato alle fiamme varie stanze del centro. Anche nelle aree ROSSA, BIANCA e GIALLA molte unità abitative sono ancora inagibili causando un continuo e pericoloso sovraffollamento all’interno delle stanze in funzione, dove sono presenti sette letti e in media attualmente dormono tra le dieci e le quindici persone. Anche nell’area VERDE, dove tutte le unità abitative sono agibili e sovraffollate, c’è molta preoccupazione tra i reclusi per un possibile contagio. Un ragazzo marocchino ci ha raccontato che viene fornita una sola mascherina chirurgica quando entri nel centro e non viene mai più cambiata. Continue reading

Posted in dalle Galere | Tagged , , | Commenti disabilitati su Torino – Aggiornamento dal CPR di Corso Brunelleschi

Protesta al CAS di Terzigno

La pandemia di sars-covid19 ha mostrato in Italia con la massima chiarezza, se ancora ce ne fosse stato bisogno, la realtà del sistema concentrazionario di gestione delle persone che migrano, chiamato impropriamente e ipocritamente, anche a sinistra, “accoglienza”. Con il pretesto di presunte misure sanitarie hanno intensificato il mortifero filtro delle frontiere, l’immediato isolamento e segregazione delle persone al momento dello sbarco o del rintraccio ai confini, negli hotspot e sulle navi prigioni, i trasferimenti coatti, la reclusione di massa in strutture sovraffollate, la ripresa delle deportazioni, il controllo militare e poliziesco dei vari campi di concentramento, causando così il conseguente prevedibile insorgere di focolai di contagio, usati dai partiti per inasprire ulteriormente queste misure. L’apartheid sanitario di stato non ha incontrato nella “società civile” un effettivo contrasto, come al solito invece sono state le persone costrette nelle strutture di confinamento a continuare a lottare, con proteste, rivolte e evasioni di massa.

Pubblichiamo, scusandoci per il ritardo, il racconto di una delle tante proteste avvenute in Italia, invitando a supportare queste lotte e scriverci per descrivere le situazioni locali.

Oggi, 12 ottobre 2020, continuano le proteste nel CAS “Villa Angela” a Terzigno (NA), dove da due settimane gli “ospiti” del centro, sono in confinamento forzato, e sembra che polizia e gestori vogliano continuare la reclusione per un altro mese. Le persone migranti avevano già manifestato venerdì scorso, 9 ottobre.
I migranti rinchiusi sono usciti dalla struttura per protestare contro una reclusione ingiustificata (dato che non sono mai stati riportati i risultati dei tamponi), ma anche contro la mancanza di cibo, di acqua potabile, di servizi igienici. (6 gabinetti di cui uno solo funzionante per 80 persone). Denunciano non solo il fatto di non ricevere alcun pagamento dei soldi che gli spettano da mesi, ma anche gli allagamenti delle stanze nelle quali sono costretti a vivere, e il clima generale di soprusi e intimidazione da parte della polizia e del gestore Massimo Esposito. Questo personaggio è proprietario oltre che del CAS di Terzigno, anche di un CAS a Trecase, entrambi ottenuti con appalto della prefettura di Napoli. Per questo, l’obiettivo della protesta di oggi era di arrivare sotto la prefettura di Napoli, ma le forze dell’ordine hanno impedito alle persone migranti di raggiungere la stazione dei treni. Le persone in protesta sono consapevoli che la situazione che vivono è la stessa che viene imposta in altre parti d’Europa, in Francia e Germania ad altre persone migranti.
Nonostante l’invisibilizzazione da parte dei media nazionali, questa protesta non è isolata:
Solo settimana scorsa, in Campania un altro gruppo di persone migranti rinchiuse arbitrariamente in un centro a Palinuro hanno bloccato la strada per protestare contro questa misura e in Sicilia ad Agrigento gli abitanti del Centro di accoglienza Mose hanno dato vita a forti rivolte per gli stessi motivi.
Se lo stato di controllo e repressione nei centri di accoglienza e negli hotpost era già insostenibile prima dell’apparizione del virus, e le forme di resistenza erano varie e molteplici, il suo inasprirsi sistematico con la scusa del contenimento della pandemia ha reso ancora più frequenti le resistenze e proteste contro queste misure.
Ora più che mai portiamo la nostra solidarietà attiva a chi lotta.

Qui il link a un video della protesta.

Posted in dalle Galere | Tagged , , , | Commenti disabilitati su Protesta al CAS di Terzigno

Incontri e passeggiata resistente Claviere Montgenevre

Fonte: Chez JesOulx Rifugio Autogestito

APPELLO 31 OTTOBRE – 1 NOVEMBRE
INCONTRI & PASSEGGIATA RESISTENTE CLAVIERE MONTGENEVRE
(francais dessous, english below)

Il Rifugio Solidale Autogestito ChezJesOulx CHIAMA TUTTI E TUTTE PER UNA CAMMINATA RESISTENTE DOMENICA 1 NOVEMBRE A CLAVIERE ALLE 11
La passeggiata sarà preceduta da una giornata di confronto su temi correlati quali: la frontiera e la repressione che ne deriva, le detenzioni nei CPR, lo sfruttamento connesso ai flussi migratori nelle campagne saluzzesi e non solo,
ALLA CASA CANTONIERA OCCUPATA il 31 OTTOBRE ALLE 11
La solidarietà è sotto attacco su entrambi i lati della frontiera, dall’alta ValSusa al Briançonnais.
In italia, la Casa Cantoniera Occupata continua da ormai due anni a fornire uno spazio libero e autodeterminato per tutte le persone che vogliono LOTTARE PER LA PROPRIA LIBERTÀ DI MOVIMENTO. I principi di autogestione, antiautoritarismo e solidarietà diretta guidano il nostro progetto politico. Nell’ambito di una investigazione che coinvolge più di 170 persone, 17 di queste hanno ricevuto un divieto di dimora dal territorio frontaliero, la prima volta che una misura cautelare viene confermata ai danni di un’ occupazione.
In Francia, la casa occupata a Gap, Cesai, è stata recentemente sgomberata, sebbene questo non abbia impedito la riapertura di un nuovo spazio, Chez Roger. A Briançon, il nuovo sindaco Arnaud Murgia, ha dichiarato aperta ostilità a tutte le iniziative solidali, con l’intenzione di chiudere il locale delle maraudes e il rifugio della CRS, legalmente sotto sfratto a partire dal 28 ottobre. Inoltre, a fine estate sono state mobilitate 60 nuove unità di gendarmerie, impiegate al confine tra Monginevro e Claviere per aumentare in modo capillare il livello di sorveglianza e respingimenti, con il supporto della polizia italiana. Ma, come già diversi casi dimostrano, chiudere le frontiere, i luoghi associativi e di lotta non è mai stato un deterrente per le migrazioni.
Riteniamo necessario riportare l’attenzione sulle frontiere e i paradossi che le caratterizzano. Con questo intento abbiamo ripreso ad organizzare da diverse settimane passeggiate in montagna da Claviere a Monginevro, per far riemergere le evidenti ingiustizie generate dalle aberranti politiche migratorie europee. Da un lato la privatizzazione dei boschi e dei sentieri per far posto a campi da golf e piste da sci, ad uso e consumo del turismo, dall’altro la massiccia presenza poliziesca piazzata a difesa degli stati-fortezza, tenta di impedire il passaggio dei migranti, operando su basi razziali e limitando la libertà di movimento in modo discriminatorio.
Di fronte a tutto ciò, noi crediamo che sia urgente ampliare la rete di solidarietà attiva internazionale in grado di opporsi politicamente a questo ipocrita regime frontaliero e le sue regole arbitrarie e repressive.
In base a tutte queste ragioni, lanciamo una due giorni di riflessioni e lotta tutt* insieme contro queste infami galere, fisiche e non, e contro ogni stato e autorità.
LA SOLIDARIETA’ E’ LA NOSTRA MIGLIOR ARMA!
FUOCO ALLE FRONTIERE!
NO BORDERS! NO NATIONS! STOP DEPORTATIONS!
Continue reading

Posted in Appuntamenti | Tagged , , , | Commenti disabilitati su Incontri e passeggiata resistente Claviere Montgenevre