Egitto – Dichiarazione della famiglia di Alaa Abd El Fattah: La vita di Alaa è in pericolo

Dichiarazione della famiglia di Alaa Abd El Fattah: la vita di Alaa è in pericolo. Dice di aver raggiunto il punto di rottura!

“La vita di Alaa è in pericolo”

Domenica 12 settembre Laila Soueif, la madre di Alaa Abd ElFatah, era al complesso carcerario di Tora per consegnare provviste e lettere ad Alaa e per ricevere una sua lettera. Questa è una routine settimanale stabilita dal momento dell’arresto e dell’imprigionamento di sua sorella Sanaa il 23 giugno 2020. Questa volta però l’ufficiale responsabile l’ha informata, senza offrire alcuna spiegazione, che non c’era nessuna lettera di Alaa. Dopo aver aspettato per ore senza altre informazioni, abbiamo optato per attendere fino al giorno successivo, quando Alaa sarebbe dovuto comparire in tribunale per una revisione della sua custodia cautelare, sperando di sentire che quanto accaduto ieri fosse un intoppo burocratico. Invece, quando abbiamo saputo quello che è successo in tribunale, e quello che Alaa ha detto al giudice e ai suoi avvocati, siamo stati presi dalla rabbia e dal panico.

Alaa è stato trasferito oggi all’Istituto dei sergenti di polizia di Tora in un convoglio di sicurezza privata separato. Sebbene sia stato tenuto in una cella isolata – separandolo dal resto dei prigionieri – nel seminterrato dell’istituto, non ha partecipato all’udienza di rinnovo della sua detenzione, e appena terminata la sessione, lo hanno riportato in prigione senza farlo comparire davanti al giudice o permettergli di incontrare gli avvocati. Dopo che gli avvocati hanno insistito per vedere Alaa e hanno spiegato le circostanze di ciò che è successo con sua madre e la nostra necessità di assicurarci che stia bene, il giudice ha ordinato la sua presenza, ed è stato fatto.

Alaa è stato sorpreso che il rinnovo della sua detenzione abbia avuto luogo e che la sessione si sia conclusa senza che lui fosse presente. Ha parlato delle continue violazioni contro di lui nella prigione di alta sicurezza 2 di Tora, e della sua presa di mira da parte dell’ufficiale della sicurezza nazionale che qui comanda, e dell’incapacità della procura di proteggerlo e di rispondere alle sue ripetute denunce e segnalazioni. E ha concluso le sue parole agli avvocati con un messaggio a sua madre: “Dite a Laila Soueif di ricevere le condoglianze per me”.

Oggi, Alaa è prigioniero nella prigione di alta sicurezza 2 di Tora, in attesa del processo di emergenza per la sicurezza dello stato numero 1356/2019, da quasi 2 anni, che è il periodo massimo di detenzione preventiva secondo la legge egiziana. Ci si aspetta che il caso venga presto deferito al tribunale, perché tutte le indicazioni confermano l’insistenza dello stato nel continuare la detenzione di Alaa a tempo indeterminato.

Alaa è detenuto in una cella di un carcere di massima sicurezza, in pessime condizioni, dalla notte del suo arrivo in prigione e dall’aggressione subita fino ad oggi. La gravità – e la schiettezza – delle violazioni praticate dall’amministrazione penitenziaria del carcere di alta sicurezza 2 di Tora è aumentata esponenzialmente negli ultimi mesi verso tutti i prigionieri in generale, e verso Alaa in particolare, dopo che abbiamo presentato più di una denuncia contro il direttore del carcere, il capo delle indagini del carcere Wael Hassan, e l’ufficiale della sicurezza nazionale responsabile del carcere, Walid Ahmed Al-Dahshan, conosciuto come “Ahmed Fekry” all’interno del carcere di Tora.

Tutto ciò, e tenendo conto che Alaa si sposta tra le varie prigioni di Tora dal 2013 e le violazioni sempre più gravi che è costretto a subire quotidianamente, sotto un’amministrazione carceraria che non rispetta e non è soggetta alle leggi, una procura che ignora completamente tutte le nostre comunicazioni e chiamate SOS, e agenti che si impegnano a continuare i loro crimini aumentando i danni che infliggono, è ciò che lo ha portato al punto in cui ci troviamo oggi: il punto in cui Alaa medita il suicidio.

Noi, la famiglia di Alaa, abbiamo seguito tutte le vie legali disponibili, ci siamo appellati a tutte le parti e a tutti i funzionari, e abbiamo usato tutti i mezzi di protesta pacifica per presentare la nostra posizione e per chiedere la fine della presa di mira della famiglia e degli abusi sui suoi membri, specialmente Alaa.

E ora ci troviamo qui: Alaa è in pericolo imminente, la sua salute mentale sta cedendo dopo due anni di attenta pianificazione e crudele attuazione da parte del Ministero degli Interni e della Sicurezza Nazionale, e lui manda un messaggio a sua madre per iniziare a ricevere condoglianze per la sua morte! La sua vita è in pericolo, in una prigione che opera completamente al di fuori dello spazio della legge e nel completo disprezzo di tutti i funzionari, in primo luogo il Pubblico Ministero, il Ministro degli Interni, il Ministro della Giustizia, e naturalmente il Presidente.

Salvare la vita di Alaa
Salvare la vita degli altri membri della nostra famiglia
Fermare i crimini del Ministero degli Interni nella prigione di alta sicurezza di Tora 2

La famiglia di Alaa Abdel Fattah
13 settembre 2021

#FreeAlaa
#SaveAlaa

Pubblicato in dall'Egitto | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

CPR di Torino: false vittorie e lotte concrete

Fonte: No CPR Torino

La situazione detentiva all’interno dei Centri di Permanenza per il Rimpatrio è insostenibile, come le persone recluse ci hanno continuato a raccontare più volte negli anni. Dalla loro istituzione non si sono mai spente le grida di protesta da dentro queste strutture e si sono susseguite le rivolte. La mano dello stato dentro questi lager non è mai stata morbida e le notizie di pestaggi da parte della polizia non sono un’eccezione. La pandemia da Covid-19 non ha fatto che inasprire ed esasperare le condizioni cui sono costrette le persone senza documenti dentro quelle mura.

È di questi giorni la notizia della “chiusura” dell’Ospedaletto, una delle sezioni del Centro suddivisa in piccole stanze singole che fungono da celle d’isolamento punitivo: il garante dei detenuti si è pavoneggiato di quella che ha avuto la faccia tosta di chiamare “positiva collaborazione” con il ministero dell’Interno. Il Garante Mauro Palma aveva fatto visita al Centro il 14 giugno scorso, dopo la morte di Moussa Balde proprio in una cella di isolamento, e successivamente aveva stilato un rapporto in cui parlava del “trattamento inumano e degradante” che ricevono le persone recluse all’interno dell’Ospedaletto.

Chiunque conosca anche solo superficialmente la realtà dei Centri però sa benissimo quanto quelle condizioni siano la norma. Le visite, i proclami e le denunce da parte di rappresentanti istituzionali e di Garanti arrivano sempre ed esclusivamente all’indomani di fatti tragici, nei Cpr così come nelle galere, come ci raccontano i fatti relativi alle rivolte nelle carceri dell’anno scorso. La morte di Moussa ha scatenato una compulsiva speculazione da parte delle autorità, dei giornali e delle istituzioni. Improvvisamente si sono avvicendate visite del Garante, inchieste giudiziarie, visite e dichiarazioni da parte di politici e onorevoli facenti parte di quegli stessi partiti di governo che hanno istituito e rinnovato i centri di detenzione amministrativa. Non è un caso che tra le denunce fatte da questi ultimi ci sia il fatto che non siano presenti le telecamere a controllare cosa succede là dentro. Come a dire che quel luogo non è abbastanza panottico, il problema è infatti la mancata sorveglianza. Succede poi che questi stessi rappresentanti e Garanti gioiscano e si dicano soddisfatti della decisione, presa dal Ministero dell’Interno, di accogliere la raccomandazione e di interdire l’utilizzo dell’Ospedaletto. Così ci si dà la pacca sulla spalla, ci si ripulisce la faccia e la coscienza, ci si compiace della propria sensibilità umanitaria. Quello che ci restituisce questa “vittoria” istituzionale è in prima battuta il fatto che le istituzioni statali festeggino loro stesse mentre denunciano che nei luoghi di detenzione dello Stato le persone recluse vengono torturate; in secondo luogo, che le situazioni drammatiche all’interno di queste strutture diventano vere e reali solo ed esclusivamente quando sono le istituzioni stesse a dare verità e realtà a queste situazioni. Non sarà la chiusura di una singola sezione del Cpr ad arginarne la violenza strutturale e sistemica. Le persone recluse lo sanno bene e da sempre si oppongono e lottano contro questo sistema detentivo.

Tant’è che proprio pochi giorni fa, il 10 settembre, all’interno del Cpr di corso Brunelleschi hanno dato vita ad una rivolta dando fuoco ai materassi e rendendo completamente inagibile l’area Rossa. Nel caso dell’altro giorno, come in mille altri, i ragazzi protestavano per il mancato intervento da parte del medico del centro nei confronti di un ragazzo che aveva tentato il suicidio. Il mattino seguente, la polizia ha picchiato i reclusi, portando via tre persone che sono state poi deportate in Nigeria. Contrariamente a quanto dicono i giornali nessuno di loro è stato visitato o portato in ospedale.  L’area rossa è inagibile e i ragazzi rimasti sono stati spostati tutti quanti nell’area viola, dove non c’è acqua corrente nei bagni. Molti di loro hanno problemi fisici e di salute e come sempre accade non ricevono assistenza sanitaria se non la classica tachipirina.

L’ennesima storia di rivolta e di determinazione, perché l’unico modo per combattere contro questo sistema detentivo è quello di distruggerlo, di incendiarlo. Dalla loro istituzione nel 1998, infatti, sono sempre state le rivolte che hanno reso inagibili queste strutture, e che nel migliore dei casi le hanno fatte chiudere interamente. Nel 2009 il CIE di Pian del Lago in Sicilia, nel 2013 il CIE di Modena, lo stesso anno ad agosto il CIE di Sant’Anna di Capo Rizzuto vicino a Crotone, mentre a novembre il CIE di Gradisca d’Isonzo e, infine, il CPR di Trapani Milo a febbraio dell’anno scorso.

Tutti chiusi solo grazie alle proteste, alla rabbia, alla resistenza e alla voglia di libertà delle persone che erano rinchiuse là dentro. C’è anche chi da anni prova a sostenere questa voglia di libertà, a dare voce alle persone recluse e a lottare per fare in modo che di questi posti non rimanga nulla. La solidarietà portata alle rivolte per la libertà non piace a chi questo sistema lo difende e lo foraggia. Il mese prossimo inizierà il processo per l’Operazione Scintilla, scattata il 7 febbraio del 2019, che vede indagate compagne e compagni accusati di aver lottato in questa città contro la detenzione amministrativa e la macchina delle espulsioni. Non possiamo che ribadire di essere sempre al fianco di chi lotta per distruggere gabbie, frontiere e galere.

Dopo la rivolta di venerdì, un gruppo di solidali è andato ad esprimere la propria solidarietà con urla e cori. I reclusi hanno risposto con calore e determinazione. Torneremo in presidio sotto le mura del Cpr di Corso Brunelleschi sabato 9 ottobre per portare solidarietà a tutti i reclusi nei Cpr e in solidarietà a tutte le compagne e i compagni indagati nell’operazione Scintilla.

Pubblicato in dalle Galere | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Occupata la ex dogana di Claviere contro tutte le frontiere

Fonte: Passamontagna.info

Oggi abbiamo occupato la Ex Dogana di Claviere.
Il luogo che rappresentava il controllo e la repressione della frontiera, il libero flusso di merci e turisti, diventa un rifugio autogestito, uno spazio di organizzazione politica e solidarietà diretta, libero e aperto a tuttx.
Abbiamo scelto di rioccupare per mantenere una presenza in frontiera e in risposta agli sgomberi precedenti di Chez Jesus a Clavière (novembre 2018) e della Casa Cantoniera a Oulx (marzo 2021).
In seguito all’ultimo sgombero, siamo tornatx a Clavière in presidio permanente, perché è qui che le persone in transito vengono ostacolate nel proprio viaggio dagli organi repressivi dello stato italiano e francese.
Nonostante i continui respingimenti alla PAF (police aux frontières) di Monginevro, il flusso di persone non si arresta.
Da più di un anno, assistiamo ad una maggiore collaborazione tra la PAF e la polizia italiana: spesso quest’ultima identifica le persone fermate direttamente nei locali della PAF.
Anche la Croce Rossa partecipa attivamente a queste dinamiche, riportando le persone respinte al rifugio Fraternità Massi di Oulx, 15km lontano dalla frontiera.
I finanziamenti alle istituzioni umanitarie aumentano, ma il modello assistenzialista continua a dimostrarsi sterile: non solo non lascia spazio all’autodeterminazione delle persone, ma specula sulle loro vite.
Ad Aprile sono stati stanziati più di 600mila euro ai comuni di Claviere e Bardonecchia per far fronte a quella che viene chiamata “emergenza umanitaria”. E’ evidente che non si tratta di un’emergenza: è la conseguenza diretta del dispositivo repressivo di frontiera. A livello europeo, un nuovo disegno di legge (New Pact on Migration and Asylum) è in via di sviluppo allo scopo di accrescere il potere repressivo di Frontex e ampliare gli accordi commerciali finalizzati ad esternalizzare i controlli in paesi extraeuropei (come Niger, Libia, Marocco, Tunisia…).
Un’alternativa a tutto questo è possibile e concreta: invitiamo chiunque abbia voglia di organizzarsi e costruire insieme il nuovo Rifugio Autogestito.
Abbiamo bisogno di materiali vari: materassi, coperte, cibo, vestiti pesanti, scarpe, occorrente per cucinare, stufe …
Oggi alle 12 pranzo condiviso e dalle 14 lavori collettivi che continueranno per tutta la settimana, venite numerosx!
Contro ogni stato e le sue frontiere
Freedom, hurriya, libertà

Pubblicato in dalle Frontiere | Contrassegnato , , , , | Commenti disabilitati su Occupata la ex dogana di Claviere contro tutte le frontiere

Francia – Evasione collettiva e repressione nel CRA di Mesnil Amelot

Traduzione da: A bas les CRA

Nella notte tra mercoledì 28 e giovedì 29 luglio, diversi prigionieri del CRA di Mesnil Amelot hanno tentato la fuga, mentre altri hanno affrontato la polizia e sono saliti sui tetti degli edifici del centro. Almeno 3 persone sono riuscite a scappare!
Sembra che l’azione sia stata ben coordinata tra i detenuti di diversi edifici del CRA 2 e CRA 3, al punto che i poliziotti della PAF sono stati presi dal panico e hanno chiamato rinforzi della BAC (Brigata anti-criminalità) e del CRS (Compagnia repubblicana di sicurezza). Verso l’una di notte, quasi due ore dopo l’inizio dell’azione, le guardie sono riuscite purtroppo a sedare la rivolta usando gas lacrimogeni, granate stordenti e manganelli. Tuttavia non hanno potuto prendere tutti quelli che erano scappati: forza ai fuggitivi e a tutti gli altri!
Dopo i pestaggi della notte, la repressione è continuata ieri (giovedì 29 c.m.) mattina: perquisizioni in tutti gli edifici, impossibilità di prendere un caffè o qualcosa da mangiare, vari tipi di pressione. Molti detenuti sono stati messi in isolamento o trasferiti nell’edificio delle donne.
Ieri sera sono stati trasferiti al CRA di Vincennes (3 persone) e al CRA di Palaiseau. Tra loro, persone che sono state picchiate parecchio durante la rivolta. Alcuni di loro volevano sporgere denuncia contro le guardie…

Ecco la testimonianza di un prigioniero di Mesnil Amelot sulla repressione seguita alla rivolta:

Conosci il videogioco “Call of duty”? Era lo stesso. Ero in una stanza tranquilla e improvvisamente ho visto delle guardie correre per i corridoi. Hanno iniziato a bombardarci tutti. Proiettili di gomma, granate stordenti, lacrimogeni..hanno lanciato almeno cinquanta proiettili. Abbiamo raccolto tutto. Ne abbiamo una borsa piena! Sparavano da lontano, da dietro le barriere. Un uomo anziano di più di 50 anni, si è preso una pallottola in faccia. E quando hanno finito di gasarci, sono intervenuti i CRS e altre guardie. Ci hanno obbligato a uscire con le mani in alto, mentre ci insultavano. Hanno perquisito gli edifici, poi i CRS sono rimasti tutta la notte davanti ai cancelli. Le guardie hanno ce l’hanno a morte contro di noi. Tutto questo li ha fatti arrabbiare. Eppure hanno preso solo qualche bottiglia d’acqua in faccia, non è tanto considerando tutta la roba che ci hanno gettato. E non è niente considerando come siamo trattati qui. È sporco, è umido, è mal ventilato, è così disgustoso che ci si ammala. Quindi è normale che la situazione sia tesa“. Continua a leggere

Pubblicato in dalle Galere | Contrassegnato , , , , , | Commenti disabilitati su Francia – Evasione collettiva e repressione nel CRA di Mesnil Amelot

Considerazioni sul Campeggio Passamontagna contro le frontiere

Fonte: Passamontagna.info

Dopo due giorni di incontri e discussioni a Claviere (It), sabato c’è stata una lunga marcia che ha visto più di 400 persone camminare su quegli stessi sentieri frontalieri che ogni giorno e ogni notte vengono percorsi da molte persone ritenute illegali dagli stati europei per attraversare il confine.

Dieci km di sentieri, attraversando quel confine che dalla nascita stessa degli stati continua a separare e a limitare la libertà delle persone. Sotto lo sguardo stranito dei molti turisti in vacanza, che osservavano le camionette al lato dei sentieri e le decine di Crs fissare per ore i boschi in attesa del passaggio della carovana, abbiamo preso il GR 5. Nonostante l’inutile dispiegamento di guardie e mezzi, e un elicottero che continuava a girare sopra le nostre teste, tuttə siamo arrivatə tranquillamente in Francia, a LES ALBERT, dov’è continuato il campeggio sabato notte. Lo stato ostenta spesso un controllo socio-politico che di fatto, fortunatamente, non ha. Soprattutto in montagna dove le linee di confine tracciate arbitrariamente dal Potere sono ancora più porose e inconsistenti.
Quando si è unitə, si è più forti.
Quando si è unitə, si riesce a fare quello che singolarmente implica frequenti cacce all’uomo, respingimenti, botte e insulti da parte della PAF (polizia di frontiera).
Quando si è unitə, qualche volta si riesce anche a vincere.
Sabato la frontiera non è esistita.

Domenica ci siamo mossə in corteo fino a Briancon, camminando per altri 7 km, prima sui sentieri e poi occupando la strada principale che dal Monginevro arriva alla città: ad attenderci c’erano numerose squadre di gendarmerie e Police National, che hanno in ogni modo cercato di bloccare il corteo per non farlo arrivare in centro alla città. Continua a leggere

Pubblicato in dalle Frontiere | Contrassegnato , , , , , , , | Commenti disabilitati su Considerazioni sul Campeggio Passamontagna contro le frontiere

Rivolte e fughe dalla segregazione italiana

Ancora una volta solo le rivolte, le proteste e fughe riescono a spezzare la cortina di isolamento e il muro di silenzio che circondano il brutale funzionamento quotidiano del sistema istituzionale di selezione e trattenimento delle persone migranti. Un sistema che è costituito non solo dai CPR ma anche dai sempre più numerosi luoghi di internamento – hotspot, navi quarantena, CARA, centri per minorenni, centri di quarantena – dove vengono segregate le persone che sono riuscite ad approdare in Italia. Senza il clamore suscitato dalle proteste e dalle evasioni, le uniche notizie presenti sui media e nell’ipocrita dibattito politicista sarebbero esclusivamente quelle relative agli sbarchi, soprattutto a Lampedusa. Su ciò che avviene dopo gli approdi, il nulla più assoluto, dei lager in Italia non si deve parlare.

Questo apparato che stritola le vite di migliaia di persone viene purtroppo messo realmente in discussione, contrastato e sabotato solo da chi ha la sfortuna di esserne prigionierx: il resto della società assiste indifferente all’apartheid fatto legge, e non si riesce ad attribuire all’esistenza di questo dispositivo di esclusione la responsabilità di etichettare come irregolari centinaia di migliaia di persone, per sottoporle a un continuo ricatto, alla paura della reclusione e deportazione, allo sfruttamento più crudele. Durante quest’anno e mezzo di pandemia i luoghi di reclusione sono addirittura aumentati e continuano a imprigionare migliaia di persone in condizioni igieniche e sanitarie disastrose, mettendo ancora di più a rischio la loro salute, mentre nel resto del paese si dibatte di vaccinazioni, green pass e ritorno “alla normalità”. Come è avvenuto in precedenza durante le analoghe rivolte nelle carceri, l’unica sicurezza, per chi è reclusx, è la libertà, che si conquista con la rivolta e la fuga.

Riportiamo di seguito alcuni degli avvenimenti che hanno riguardato questi luoghi nel corso dell’ultimo mese.

8 luglio. Nel Cara di Isola di Capo Rizzuto, in provincia di Crotone, un gruppo tra le 60 e le 100 persone, segregate nel centro in attesa della deportazione insieme ad altre 1.100, riesce a scappare utilizzando le brande dei letti per scavalcare le recinzioni. Nei giorni successivi alcune verrano catturate e riportate nel centro. In un comunicato, un sindacato di polizia scrive “Nella struttura, attualmente, ci sono circa 1200 migranti a fronte di 35 appartenenti alle Forze di Polizia: la struttura sta letteralmente scoppiando, le fughe sono ormai all’ordine del giorno e gli agenti non riescono più a gestire la situazione che ormai è totalmente fuori controllo.”

9 e 10 luglio. Nella prima settimana di luglio vengono trasferite da Lampedusa all’hotspot di Taranto circa 300 persone, tra le quali molte minorenni, per procedere a un’ulteriore quarantena e all’identificazione. Alcune delle persone risultano positive al covid19 ma vengono segregate insieme alle altre, ammassate nell’hangar dove ha sede l’hotspot. Questa deliberata decisione delle autorità provoca ovviamente l’estensione del focolaio a 43 persone, e anche un paio di poliziotti addetti alla sorveglianza risulteranno positivi al virus. Cominciano le proteste, che sfociano, durante la notte tra il 9 e il 10 luglio, in un’evasione di massa. Circa 100 minorenni riescono a sfondare la rete di recinzione interna che separa il lager dalla zona amministrativa, scavalcare il cancello, travolgere le guardie che cercano di fermarli e, almeno in 67, a fuggire, tra i quali diversi minori. Il giorno successivo la scena si ripete, questa volta con meno fortuna.
Nel solito comunicato, i sindacati delle guardie riportano una pericolosissimo precedente, l’uso di armi da fuoco contro dei minorenni in fuga: “L’ultimo episodio, poi, è particolarmente grave: nel corso dell’ennesima rivolta scoppiata all’interno del centro di temporanea accoglienza – una struttura “leggera” che avrebbe dovuto registrare il solo passaggio di un numero limitato di migranti e per i soli fini identificati da espletare nel massimo di 72 ore, almeno questa era la originaria classificazione che aveva dato l’allora esecutivo di governo e Bruxelles – un nostro operatore della Polizia di Stato è stato costretto a esplodere due colpi d’arma da fuoco a scopo intimidatorio per sottrarre una collega da un’aggressione fisica per la quale è stato necessario ricorrere alle cure mediche. Una sorta di accerchiamento posto da decine di migranti che tentavano di fuggire in massa dalla struttura, scavalcando e distruggendo la inqualificabile recinzione metallica posta sul perimetro che rende ancor più inadeguata quella struttura ad una permanenza prolungata dei migranti clandestini.
La situazione rimane gravissima e richiede interventi drastici e risolutivi anche perché attualmente, la struttura è più simile ad un “lager” che ad un centro di prima accoglienza e identificazione, in cui, in larga parte sono tutt’ora presenti minori stranieri non accompagnati, vulnerabili sotto l’aspetto psicofisico e diverse decine di essi, positivi al covid-19, convivono all’interno del centro con i soggetti non affetti dal virus, in condizioni che riteniamo per nulla normali. Le fughe di massa, sono ormai ricorrenti.”

15 e 16 luglio. Il centro “Villa Sikania” a Siculiana, in provincia di Agrigento, viene da tempo utilizzato per recludere, anche per mesi, i minorenni migranti non accompagnati. Dopo varie e quotidiane proteste inascoltate per reclamare un trasferimento e/o la libertà, e dopo aver concluso il lungo periodo di quarantena, per due giorni consecutivi tentano la fuga. Il primo giorno riescono a evadere in settanta e il giorno successivo in 10. Dopo una caccia all’uomo e il rastrellamento nelle campagne e nei paesi circostanti, 40 persone vengono catturate.

18 luglio. Nell’hotspot di Pozzallo, in provincia di Ragusa, il 18 luglio erano presenti 134 persone. Alcune di queste si sono organizzate per porre fine alla reclusione ed evitare la deportazione, accatastando i materassi di gommapiuma dei letti a castello, ai quali hanno poi dato fuoco. Nel caos che si è creato 36 persone sono riuscite a fuggire, e solo sette sono state in seguito riprese. Il capannone centrale del campo di concentramento è stato gravemente danneggiato ed è inagibile, costringendo i gestori a trasferire 20 persone in una tendopoli a Cifalì, e a riutilizzare in fretta e furia un altro capannone abbandonato, in precedenza utilizzato per segregarvi le donne migranti.

E arriviamo a questi ultimi giorni, con più di 1.300 persone costrette nell’hotspot di Lampedusa. 300 persone sono in via di trasferimento a Crotone (nel già sovraffollafo CARA?) e altre 150 sulla nave quarantena GNV Adriatico. Il 27 luglio scade il bando governativo per il noleggio di altre 5 unità navali: su questi lager galleggianti continuano le proteste, l’ultima di cui si ha notizia, grazie solo ai video che arrivano dalle persone imprigionate, riguarda uno sciopero della fame a bordo di una delle navi GNV.
Solidarietà a chi lotta!

Pubblicato in dalle Galere | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Rivolte e fughe dalla segregazione italiana

Chiamata alla carovana resistente “por la vida” alla frontiera del Monginevro

Fonte: Passamontagna

Alla frontiera delle Alpi occidentali il confine fra chi gode di diritti e privilegi sistemici e chi ne è esclusə non è solo geografico: è l’espressione della logica del profitto concretizzata in pratiche securitarie, respingimenti, violenze di genere, abusi, detenzioni arbitrarie, deportazioni e repressione. Per questo chiamiamo tuttə a partecipare e costruire attivamente qualche giornata di resistenza, scambio e condivisione di pratiche e lotte su questo pezzo di frontiera.
Attenzione: il campeggio non è autorizzato. Partecipare significa assumersi responsabilità personali e collettive.
Al momento, nonostante stiamo aspettando la conferma dell’arrivo della delegazione zapatista continuiamo a fare tutto il possibile per dare loro l’opportunità di unirsi a noi e di essere accoltə in questo territorio.

Il campeggio è auto-organizzato. Questo significa che ogni contributo è benvenuto e anche un certo livello di auto-organizzazione apprezzato. Cerchiamo di essere il più possibile creativə e propositivə per la buona riuscita del campeggio. Questo è quello che puoi fare:

Vieni equipaggiatə [Porta la tua: tenda, torcia, scarpe per camminare, strumenti vari]

Fare proposte [Laboratori, momenti di condivisione, performance artistiche, pasti comuni…]

Fai girare la voce [Nota bene: vogliamo che il campeggio sia il più possibile uno spazio sicuro per ogni soggettività. Si prega di evitare di far circolare l’invito alle persone sbagliate. No sessismo, razzismo, autoritarismo, no polizia]

Delle cucine solidali a prezzo libero forniranno i pasti.

I workshop sono stati pensati come laboratori “pratici” per condividere saperi e buone pratiche.

Le discussioni invece si vorrebbero come momento di confronto tra vari gruppi/collettivi/singoli su pratiche di lotta e riflessioni/idee più che un racconto di come funziona nel proprio territorio. Invitiamo tuttə a ragionarci prima delle chiacchiere!

Freedom, Hurriya, Libertà!

PROGRAMMA

CAROVANA RESISTENTE TRA LE ALPI Continua a leggere

Pubblicato in Appuntamenti, dalle Frontiere | Contrassegnato , , , , , | Commenti disabilitati su Chiamata alla carovana resistente “por la vida” alla frontiera del Monginevro

Saluzzo – Siam mica l’Alabama…diciamo basta allo sfruttamento! Manifestazione venerdì 16 luglio

Fonte: Enough is Enough – braccianti in lotta Saluzzo

SIAM MICA L’ALABAMA….DICIAMO BASTA ALLO SFRUTTAMENTO!
+++ MANIFESTAZIONE VENERDì 16 LUGLIO, ORE 9, PARCO DI VILLA ALIBERTI, SALUZZO ++++

Scendiamo in piazza per il salario, la casa e i documenti!
Prosegue la raccolta della frutta nelle campagne saluzzesi: ci avviciniamo al momento il cui avremo il culmine di manodopera impiegata nella raccolta. Terminati mirtilli e piccoli frutti, recentemente impiantati sul territorio, è il momento delle mele e delle pesche.
La musica si ripete da anni: si lavora tutto l’anno, migrando da sud a nord e poi se non si riesce a trovar di meglio di nuovo a sud, dai ghetti ad altri alloggi di fortuna, senza sussidi o protezioni, continuamente ricattati. Il contratto nazionale e quello provinciale vengono continuamente disattesi, le paghe arrivano anche ad un paio di euro in meno l’ora rispetto ai già risicati minimi. Le giornate segnate in busta paga, così come la durata dei contratti, sono molto inferiori di quanto lavorato. Senza le giornate in buste paga non si può accedere alla disoccupazione agricola, nè si può richiedere il bonus per gli operai agricoli, previsto dall’ultimo decreto Sostegni. Magari, quando le giornate in busta coincidono con quelle lavorate, il lavoratore è costretto a ridare indietro parte del salario (1).
Senza giornate in busta paga è spesso anche più difficile rinnovare il proprio permesso di soggiorno. Perdipiù, i lavoratori delle campagne sono ancora in attesa di una risposta alle domande di Sanatoria del 2020, e vista l’emergenza sanitaria, anche di un vaccino. Non esistono in Italia protocolli uniformi per garantire a chi è sprovvisto di tessera sanitaria (e magari anche di permesso di soggiorno) la copertura vaccinale, e anche laddove si approntano campagne di immunizzzione per i lavoratori agricole, queste sono demandate al “buon cuore” delle aziende presso cui sono regolarmente ingaggiati, con le ovvie conseguenze del caso.
Il territorio agricolo che ha Saluzzo come suo centro principale si riconosce, come altri in Italia, per la diffusa emergenza abitativa che si ripete ogni anno nel periodo di raccolta.
Le gelate di marzo hanno ridotto l’arrivo di manodopera ma non lo hanno impedito. Proprio nel comune di Saluzzo si concentrano gli stagionali senza dimora. I posti li conosciamo: il parco di villa Aliberti, uno dei pochi luoghi di dimora e socialità concesso ai lavoratori stagionali, assieme allo spiazzo antistante il cimitero e il retro del Penny Market.
Lo scorso anno, in risposta alla manifestazione dei braccianti del parco, fu firmato un protocollo tra i governi locali, le associazioni datoriali e le forze dell’ordine per un progetto di accoglienza diffusa tra tutti i Comuni. Continua a leggere

Pubblicato in Appuntamenti | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Saluzzo – Siam mica l’Alabama…diciamo basta allo sfruttamento! Manifestazione venerdì 16 luglio

Bruxelles – 450 sans papiers da 40 giorni in sciopero della fame per la regolarizzazione

Oramai da oltre un mese (40 giorni), più di 450 persone “sans papiers” sono in sciopero della fame in tre diverse occupazioni della città di Bruxelles. “Le nostre domande di regolarizzazione si trascinano per degli anni. Decisioni molto importanti concernenti la nostra vita sono trattate in maniera arbitraria. Quando una domanda è respinta, la ragione spesso non è chiara. Quando facciamo appello la procedura dura di nuovo degli anni”. Gli.le occupanti chiedono, dunque, procedure immediate di regolarizzazione di tutti e tutte le persone senza documenti (si stima che siano 150.000) e per il futuro l’elaborazione di criteri trasparenti, duraturi e rapidi, con una commissione di valutazione delle domande di soggiorno indipendente. Dall’inizio della crisi sanitaria non si contano le iniziative di diversi collettivi e persone sans papiers. Cortei, catene umane, presidi, appelli sulla stampa, incontri con i partiti politici hanno messo in evidenza la situazione di precarietà e sfruttamento in cui versano da anni migliaia di persone, migliaia di lavoratori e lavoratrici. Tutto ciò non è stato sufficiente a ottenere alcun tipo di risposta da parte di istituzioni e governo. In gennaio si è deciso pertanto di continuare la lotta procedendo all’occupazione della chiesa del Béguinage, nel centro di Bruxelles, e di due spazi delle università ULB e VUB. Cinque mesi più tardi, il 23 maggio, di fronte, al muro di silenzio del Segretario di Stato all’Asilo e all’Emigrazione (membro del partito cristiano fiammingo CD&V), gli.le occupanti han deciso l’inizio dello sciopero della fame a oltranza come mezzo di pressione sul governo. Lo scorso 22 giugno alcuni.e solidali hanno occupato l’Ufficio per gli stranieri di Bruxelles per richiedere un appuntamento con il direttore generale. L’incontro non ha avuto luogo e si è proceduto allo sgombero con l’uso di un forte dispositivo di forze dell’ordine.  Qualche giorno prima, la sede del PS era stata occupata per 18 ore. Migliaia di persone hanno anche partecipato a un corteo che ha toccato tutte le occupazioni di Bruxelles. Altre azioni di solidarietà sono previste nei prossimi giorni.

Le associazioni mediche che dall’inizio offrono supporto agli scioperanti non cessano di lanciare allarmi sulle loro condizioni di salute. Come ulteriore azione di protesta alcune persone sans papiers hanno deciso di cucirsi la bocca. La situazione è al limite. Il segretario di Stato continua a ripetere di non voler procedere a una regolarizzazione collettiva, né dei.delle sole scioperanti, né tanto meno a una revisione radicale delle norme e delle procedure di regolarizzazione. Dall’altro lato una serie di personalità, istituzioni, partiti, sindacati, associazioni che hanno espresso la loro solidarietà spaccano il fronte politico, presentandosi spesso e volentieri, senza un reale consenso dei.delle diretti.e interessate.i,  come mediatori con le autorità politiche. La lotta degli e delle occupanti, tuttavia, va avanti. (Per approfondire: gruppo fb “L’union des sans papiers pour la regularization“)

Solidarietà con i.le sans papiers!

Pubblicato in General | Contrassegnato , , , , , | Commenti disabilitati su Bruxelles – 450 sans papiers da 40 giorni in sciopero della fame per la regolarizzazione

Campeggi resistenti. Dal Messico alle Alpi contro le frontiere!

Fonte: Passamontagna

15-17 Luglio – Ventimiglia/Val Roya

22/27 Luglio – Claviere/Briançon/Gap

Fine agosto/settembre – Giornate di mobilitazione alle frontiere svizzere

Settembre – Giornate di mobilitazione alla frontiera franco-italiana in Valsusa

Per aggiornamenti segui i siti di movimento!

 

CAMPINGS DE RESISTANCE. DU MEXIQUE AUX ALPES CONTRE TOUTES LES FRONTIERES!

15/17 Juillet – Vintimille/Val Roya

22/27 Juillet – Clavière/Briançon/Gap

Fin Aout/September – Journées de mobilisation aux frontières suisses

Septembre – Journée de mobilisation à la frontière franco-italienne du Val de Suse

Pour plus d’informations suivre les mises au jour sur les sites d’info autonomes

 

RESISTANCE CAMPINGS. FROM MEXICO TO THE ALPS AGAINST ALL THE BORDERS!

15/17 July – Ventimiglia/Val Roya

22/27 July – Clavière/Briançon/Gap

End of August/September – mobilization days at the swiss borders

September – mobilization days at the french-italian border of Susa Valley

For more information, follow updates from independent websites!

————————————————————

CAMPAMENTOS RESISTENTES. DE MEXICO A LOS ALPES CONTRA TODAS LAS FRONTERAS!

15-17 Julio – Ventimiglia/Val Roya

22-27 Julio – Claviere/Briançon/Gap

Final de Agosto/Septembre – Joranadas de mobilitacion en las fronteras suizes

Septiembre – Joranadas de mobilitacion en la frontera franco-italiana en Valsusa

Para actualizaciones sigue las paginas de movimiento

Pubblicato in Appuntamenti, dalle Frontiere | Contrassegnato , , , , , , , , | Commenti disabilitati su Campeggi resistenti. Dal Messico alle Alpi contro le frontiere!