Legami con i prigionieri condannati per violenze sessiste: tracce di riflessione e azione

Traduzione da: Paris Luttes

Legami con i prigionieri condannati per violenze sessiste: tracce di riflessione e azione

I membri della «Assemblée contre les Centres de Rétention Administrative (CRA) » (Assemblea contro i Centri di Detenzione Amministrativa (CRA)) a volte entrano in contatto con dei prigionieri accusati o condannati per violenze sessuali e sessiste. Se in genere partiamo piuttosto dal presupposto di interagire con le persone nel CRA in quanto persone che subiscono il razzismo di Stato e la reclusione, senza distinguere i loro percorsi di provenienza, che fare una volta che scopriamo che quella persona ha commesso uno stupro o menava la sua compagna? Proviamo qui a proporre qualche spunto.

L’assemblea dell’Île-de-France contro i centri di detenzione esiste da tre anni e può capitare che dobbiamo confrontarci con situazioni complicate nell’intessere legami con le persone detenute all’interno del CRA. Alcuni detenuti con cui eravamo in contatto erano stati condannati per violenze sessiste e sessuali (moleste, violenze coniugali, aggressioni sessuali, stupri). Nella maggior parte dei casi l’abbiamo scoperto perché è stata la persona stessa a dircelo (in generale in seguito al trasferimento al CRA dopo la fine della detenzione in carcere), o perché ce l’ha detto la sua compagna. Nel marzo 2021, a seguito dell’incendio al CRA di Mesnil-Amelot, 7 persone sono state portate di fronte al tribunale di Meaux: durante le campagne anti-repressione che abbiamo tentato di portare avanti, abbiamo messo mano sui loro faldoni giudiziari e abbiamo scoperto molti di loro erano stati condannati per violenze sessiste.
Abbiamo fatto quindi molte discussioni sul tipo di supporto che avevamo voglia di dare loro: anche se eravamo tutt* d’accordo a continuare l’attività minima contro la repressione per esprimere loro la nostra solidarietà dopo la rivolta avvenuta a gennaio, non c’era però consenso sul fatto di supportarli oltre questo (ovvero mantenendo con loro una corrispondenza, andandoci a parlare, mandando loro dei vaglia). Avevano davvero voglia di fare queste cose? Se in genere partiamo piuttosto dal presupposto di interagire con le persone nel CRA in quanto persone che subiscono il razzismo di Stato e la reclusione, senza distinguere i loro percorsi di provenienza, che fare una volta che scopriamo che quella persona ha commesso uno stupro o menava la sua compagna? Nel caso dei prigionieri dell’incendio, eravamo venut* a conoscenza di questi fatti tramite i faldoni giudiziari: volevamo davvero basarci sul casellario giudiziale delle persone, ovvero un prodotto della polizia e della giustizia che rifiutiamo, per costruire la nostra azione politica?

Varie riflessioni hanno attraversato l’assemblea e, alla fine, abbiamo deciso di organizzare una discussione specifica sull’argomento: l’idea era quella di fare un passo indietro, di andarci a cercare altre risorse, di vedere cosa avevano fatto prima di noi altre persone o collettivi. Nel preparare la discussione, non abbiamo trovato quasi nessuna risorsa pratica in francese. C’erano dei testi teorici sul femminismo anti-carcerario che potevano darci degli spunti: tra di noi eravamo in generale d’accordo sul fatto di essere contro il carcere, sul fatto che la prigione non è una risposta efficace o desiderabile contro le violenze sessiste, sul fatto che le persone razzizzate vengono sovra-rappresentate tra i prigionieri sessisti quando, allo stesso tempo, uno stupratore è diventato Ministro dell’Interno e alcuni discorsi femministi vengono strumentalizzati dallo Stato a fini razzisti e repressivi … Ma pur essendo d’accordo sulla teoria, non avevamo risposte per le situazioni concrete con cui dovevamo confrontarci. Abbiamo comunque letto varie cose e discusso a lungo, e anche se non abbiamo trovato la soluzione magica, ci siamo dett* che avevamo voglia di condividere le nostre riflessioni con questo testo. Continua a leggere

Pubblicato in dalle Galere, General | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Dall’altra parte del confine europeo, c’è chi chiede un pass per non morire

Fonte: Comitato lavoratori delle campagne

Dall’altra parte del confine europeo, c’è chi chiede un pass per non morire

Ormai da quaranta giorni, davanti agli uffici dell’UNHCR di Tripoli, ci sono circa 4000 persone accampate in protesta che chiedono di essere evacuate immediatamente dalla Libia verso paesi sicuri. Molte ci sono arrivate dopo una serie di attacchi governativi iniziati il primo ottobre, veri e propri rastrellamenti dove almeno cinquemila persone, incluse intere famiglie con donne e bambini, sono state prelevate a forza dalle loro case o per strada, imprigionate nei centri di detenzione e sottoposte a violenze e torture. Dall’inizio del presidio, largamente ignorato dalle ONG così come dai media, gli episodi di violenza sono stati molteplici e quasi quotidiani: dalla morte di un giovane sudanese attivo al presidio, picchiato da uomini mascherati, agli attacchi delle guardie di sicurezza dell’edificio dove si trova l’ufficio dell’agenzia ONU.
Dopo la fuga di circa duemila persone dalla prigione di Al Mabani, la polizia ha sparato sulla folla uccidendo un numero imprecisato di persone (almeno 34) e ferendone centinaia, per poi ri-arrestarne moltissime. I sopravvissuti e gli sfollati hanno occupato le strade di fronte alla sede dell’agenzia ONU che dovrebbe occuparsi dei diritti dei rifugiati (l’UNHCR, appunto) e chiedono di essere registrati come rifugiati e di venire evacuati.
L’UNHCR, di fatto, sta a guardare, mentre l’UE finge di non vedere gli episodi delle ultime settimane, preoccupata solo dalla stabilità politica del paese, funzionale al controllo delle frontiere e al mantenimento di interessi economici (come si dirà oggi a Parigi alla conferenza per “stabilizzare la Libia”), tra cui quelli di Eni in testa. In poche parole, il gas deve passare, le persone soltanto opportunamente e brutalmente selezionate, pronte per essere poi sfruttate nelle campagne del Made in Italy.
Le imbarcazioni di chi prova a raggiungere le coste italiane continuano ad essere respinte dalla guardia costiera libica e la quasi totalità di chi ri-sbarca in Libia dopo aver fallito la traversata viene imprigionato. Tutto ciò accade leggittimizzato dal governo italiano (e dalla commissione europea), che con il Memorandum d’Intesa siglato nel 2017 con il governo libico (ma ricordiamo che si tratta di una politica che affonda le sue radici nell’era degli accordi tra Berlusconi e Gheddafi) di fatto hanno un ruolo chiave nel respingimento delle persone in mare, continuando a fornire ingenti finanziamenti alla guardia costiera libica, che poi è anche il soggetto che favorisce gli sbarchi illegali, a carissimo prezzo.
Sulla frontiera orientale dell’Unione, intanto, tra Polonia e Bielorussia, la follia della violenza dei confini ha già ucciso decine di persone rimaste intrappolate e ibernate nelle foreste verso cui vengono respinte dai soldati polacchi. E’ di due giorni fa la notizia di 50 persone arrestate al confine per aver rotto e superato la recinzione di filo spinato; e mentre i soldati polacchi sparano, quelli bielorussi impediscono a chi scappa di tornare indietro. Anche qui, i migranti sono oggetto di un crudele mercato politico. L’Europa punta il dito contro il despota bielorusso Lukashenko, accusato di usare i migranti come arma umana per vendicarsi delle sanzioni europee. Sulla sorte di chi sta lottando contro due eserciti e il freddo per sopravvivere non si esprime, se non per parlare di muri e di rimpatri forzati.
In risposta a queste drammatiche cronache in molte città le comunità della diaspora si sono mobilitate per protestare e mettere pressione ai governi europei finora rimasti in silenzio, nonostante siano i principali e conclamati responsabili – per conto dei grandi interessi economici di cui sono espressione – delle morti e delle violenze così come delle crisi economiche, politiche e climatiche che portano le persone a rischiare la propria vita per attraversare il mare o le foreste.
Ma il silenzio su quanto sta accadendo è troppo diffuso, una barriera di indifferenza che è tanto complice quanto assassina, da parte non solo delle istituzioni, ma anche della “società civile” europea, poche eccezioni a parte.
La flebile attenzione generale al momento, poi, è puntata sui confini orientali dell’Europa, e quasi non si parla di come la repressione delle persone immigrate continui anche dopo essere sbarcati sulle nostre coste. Al superaffollato hotspot di Lampedusa al momento sono rinchiuse 850 persone, arrivate nei giorni scorsi e destinate a passare per tutti i gironi infernali della burocrazia razzista che regola i meccanismi di richiesta di asilo in Italia e in Europa. Nella stragrande maggioranza dei casi le persone sono prive di un documento per anni, condannate ai ghetti, alla precarietà, ai lavori in nero, alla strada o alla detenzione nei CPR o nelle carceri.
Solo un mese fa, proprio in Sicilia, a Campobello di Mazara, un ghetto dove vivevano centinaia di lavoratori braccianti africani giunti lì per raccogliere le olive è bruciato, uccidendo Omar, un lavoratore senegalese. Alle insistenti proteste dei suoi compagni, le istituzioni locali hanno risposto nell’unico modo che conoscono: repressione e poi prefabbricati in plastica, forniti proprio dalla stessa UNHCR in collaborazione con la fondazione IKEA. Praticamente un nuovo ghetto, ma istituzionale e non più abusivo (e quindi riservato a chi è in possesso di documenti, gli irregolari si arrangino), dove i lavoratori continuano a vivere segregati in scatoloni che saranno nuovi e scintillanti per una stagione, il tempo di fotografarli e sbandierarli come soluzioni abitativa dignitosa. La stessa UNHCR che caldeggia la creazione di un sindacato di lavoratori agricoli immigrati si tappa occhi orecchie e bocca, dalla Libia alla Sicilia, quando quegli immigrati e quei lavoratori pretendono il minimo riconoscimento, quello di potersi spostare e fuggire da guerra, povertà, stupri, abusi e torture, e di vivere senza essere segregati in regime di apartheid a seconda del profilo giuridico, in luoghi in tutto e per tutto simili alle baraccopoli che periodicamente vengono smantellate, ma decisamente più controllati.
E che dire di chi una volta arrivato viene obbligato a vivere in un centro di accoglienza o imprigionato in un CPR, e se prova a ribellarsi viene arrestato, deportato, processato? La repressione e le violenze che iniziano ben prima dei confini costituiti da barriere e filo spinato, continuano ben oltre, dalla fase della cosiddetta “accoglienza”, ai magazzini e ai campi, fino alle piazze dove da anni immigrati e solidali manifestano per chiedere documenti per tutti.
Il gioco perverso della macchina umanitaria di UNHCR e di chi li sostiene deve essere smascherato e fermato. Contro confini e sfruttamento, l’unica strada è la lotta.

Pubblicato in dalle Frontiere | Contrassegnato , , , , , , , | Commenti disabilitati su Dall’altra parte del confine europeo, c’è chi chiede un pass per non morire

Roma – 6 novembre presidio per documenti e sanatoria

Fonte: Comitato lavoratori delle campagne

Il 6 novembre tutt* in piazza a Roma al presidio per documenti e sanatoria!

Dopo il presidio del 23 ottobre alla prefettura di Latina, la comunità bengalese e indiana del Lazio lanciano un appello a cui ci uniamo: torniamo in strada per una manifestazione nazionale, questa volta a Roma, per chiedere lo sblocco della sanatoria e documenti per tutt*!

In questi due anni di pandemia tra chi è stato maggiormente penalizzato e chi non ha mai smesso di lottare ci sono le persone immigrate che per vivere dipendono da un permesso di soggiorno; un permesso che a sua volta è subordinato al contratto di lavoro, alla residenza, e a tutta un’altra serie di infiniti ostacoli burocratici che ne rendono sempre più difficile l’accesso e il mantenimento, sia per chi arriva in Italia che per chi ci vive e lavora da anni e magari ha anche dei figli qui, o prova a portare qui la propria famiglia.
La sanatoria del 2020, che avrebbe dovuto regolarizzare chi non aveva un permesso di soggiorno, è stata un fallimento e ha invece alimentato un giro di ricatti e di business sulle spalle dei lavoratori e le lavoratrici immigrate, che a un anno e mezzo dalla richiesta si ritrovano ancora a mani vuote.

La questione dell’accesso ai documenti ci riguarda tutti, italiani e immigrati. Si tratta dell’accesso alla salute, alla casa, ai servizi e alle tutele di base.
Per questo il 6 novembre torniamo in piazza, dalle campagne e dalle città di tutta Italia, per chiedere un incontro al ministero dell’Interno e ottenere risposte concrete. Vogliamo la regolarizzazione di chiunque non ha un permesso, l’abolizione delle attuali sull’immigrazione e dei decreti sicurezza, e la fine degli abusi nelle questure.

Contro confini e sfruttamento, per documenti per tutt*!

APPUNTAMENTO alle ORE 10:00 in PIAZZA ESQUILINO/VIA CAVOUR

Pubblicato in Appuntamenti | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Roma – 6 novembre presidio per documenti e sanatoria

Torino – Corteo contro sgomberi, frontiere e CPR sabato 6 novembre

Fonte: Passamontagna

CORTEO CONTRO SGOMBERI, FRONTIERE E CPR SABATO 6 NOVEMBRE TORINO Ore 16:30

In montagna come in città gli spazi di autogestione sono sotto attacco.

Solo sulla frontiera del Monginevro in sette mesi ci sono stati tre sgomberi.

Vorrebbero fermare chi si organizza per attraversare e contrastare questo dispositivo che controlla, seleziona e uccide. Il numero di persone che passa il confine rimane alto e la repressione in frontiera non fa che crescere, portando con sé il suo prezzo di feriti e morti, ancora più ora con l’inverno alle porte.

In città, anche e soprattutto in quest’ultimo periodo caratterizzato da Green Pass e continui “stati di emergenza”, il controllo sociale aumenta e la repressione incalza: controlli polizieschi diffusi, retate, sgomberi, sfratti.

Il cpr di corso Brunelleschi, ingranaggio del sistema di detenzione ed espulsione, è l’incarnazione della frontiera in centro a Torino.

Assistiamo al tentativo di distruggere ogni forma di pensiero e pratica non istituzionale e ogni esperienza di autogestione e di disinnescare ogni tensione di lotta; il tentativo di eliminare la pratica delle occupazioni, impedendone di nuove e piano piano sgomberando le vecchie.

Per tutto questo, scendiamo in piazza.

Appuntamento per un corteo a Torino, sabato 6 novembre ore 16:30!.​​​​​​

Per info, aggiornamenti e materiali seguite Passamontagna.info e NoCprTorino

Pubblicato in Appuntamenti, dalle Frontiere, dalle Galere | Contrassegnato , , , , | Commenti disabilitati su Torino – Corteo contro sgomberi, frontiere e CPR sabato 6 novembre

Latina – Sabato 23 ottobre presidio davanti alla Prefettura

Fonte: Comitato lavoratori delle campagne

I LAVORATORI TORNANO IN PIAZZA PER CHIEDERE LO SBLOCCO DELLA SANATORIA E DOCUMENTI X TUTT: SABATO 23 OTTOBRE TUTT IN PIAZZA A LATINA!

Come comitato lavoratori delle campagne supportiamo e diffondiamo la mobilitazione lanciata dalla comunità indiana e bengalese per il 23 ottobre prossimo alle 10 di fronte alla Prefettura di Latina.
La sanatoria 2020 si è rivelata fin da subito una presa in giro e ha alimentato ricatti e business a danno di tantissimi lavoratori e lavoratrici. Il 12 aprile scorso molte sono state le manifestazioni in diverse città d’Italia per chiedere lo sblocco della sanatoria e documenti per tutti/e. Le mobilitazioni continuano, per questo ci uniamo all’appello dei lavoratori di Latina e alle lotte di chi è colpito da leggi razziste e requisiti impossibili, di chi rischia continuamente di perdere il permesso o non riuscire a rinnovarlo, di chi lo aspetta da mesi, di chi non riesce ad ottenerlo.
E’ importante essere numerosi/e, perché la lotta per i documenti è la lotta di tutt!

SOLO LA LOTTA PAGA! DOCUMENTI PER TUTT!

Di seguito, due corrispondenze con Radio Onda Rossa, sul presidio di venerdi.

Sabato 23 ottobre le comunità indiane e bengalesi del Lazio hanno indetto una manifestazione davanti la prefettura di Latina, a partire dalle ore 10, per rivendicare i propri diritti e per chiedere la fine delle difficoltà amministrative e burocratiche che impediscono il rinnovo e il rilascio dei permessi di soggiorno. Bachu, della comunità bengalese, ci spiega quali sono i problemi principali che affliggono le persone di origine straniera.

Sabato 23 ottobre a Latina ci sarà un importante presidio riguardo al problema del permesso di soggiorno: un dispositivo che, anche attraverso complicazioni amministrative, rende le persone immigrate vulnerabili e ricattabili.

Pubblicato in General | Contrassegnato , , , , , | Commenti disabilitati su Latina – Sabato 23 ottobre presidio davanti alla Prefettura

Roma – Venerdi 22 ottobre ore 11 presidio all’ambasciata libica

Fonte: Radio Onda Rossa

In Libia continuano, e anzi si aggravano, le violenze sui migranti da parte delle autorità.
La comunità eritrea invita al presidio di Venerdì 22 ottobre, dalle 11 alle 14, all’ambasciata libica a Roma, in via Nomentana 365 (all’altezza della Basilica di Sant’Agnese).

Pubblicato in Appuntamenti, dalle Frontiere | Contrassegnato , , , , | Commenti disabilitati su Roma – Venerdi 22 ottobre ore 11 presidio all’ambasciata libica

Torino – La solidarietà è un’arma: resoconto dei due presidi al tribunale e al Cpr

Fonte: No CPR Torino

Si è appena conclusa una settimana importante per quanto riguarda la lotta contro i Centri di Permanenza per il Rimpatrio. Una settimana in cui la solidarietà e la complicità sono state il fulcro attorno al quale si sono organizzati due presidi: giovedi 7 al tribunale di Torino e sabato 9 ottobre al Cpr di Corso Brunelleschi.

Giovedì 7 ottobre c’è stata la prima udienza dell’Operazione Scintilla, processo che vede imputati e imputate 18 compagni e compagne che negli anni si sono organizzati e hanno lottato contro gli allora CIE (Centri d’Identificazione ed Espulsione), oggi CPR, quindi contro la detenzione amministrativa delle persone senza documenti. Fuori dal tribunale si sono ritrovate in presidio numerose persone che hanno portato la loro solidarietà alle compagne e ai compagni sotto accusa. Durante tutta la mattinata, attraverso i microfoni di Radio Blackout in diretta dal presidio, si sono ascoltate le voci, le testimonianze, le storie di questa esperienza di lotta, raccolte poi in un approfondimento che si può ascoltare qui.

Una mattinata in cui si è più volte ribadita la solidarietà a tutti i compagni e le compagne che in Italia sono oggetto della repressione dello stato, con la consapevolezza che non saranno le inchieste a fermare la voglia di libertà e la volontà di battersi quotidianamente contro i valori soffocanti di questa società carceraria.

Nella giornata di sabato 9 si sono quindi portate le voci e le grida di protesta direttamente di fronte al Cpr di Corso Brunelleschi. Compagni, compagne e solidali si sono ritrovati in presidio per più di due ore portando interventi, musica e cori e hanno cercato di comunicare con le persone recluse dentro quelle mura. Il Centro di detenzione amministrativa di Torino continua ad esistere, come continuano ad esisterne su tutto il territorio nazionale (in totale sono attivi 10 Cpr). I lager per persone senza documenti non sono un’eccezione nelle politiche statali, ma al contrario sono parte integrante e fondamentale dei meccanismi di esclusione e sfruttamento messi in campo dalle democrazie occidentali.

Negli interventi davanti a quelle mura si è ribadito più volte che la lotta non si ferma. Fino a quando di queste strutture non rimarranno che macerie ci saranno rivoltosi dentro quelle mura e compagni e compagne che da fuori porteranno solidarietà e complicità e cercheranno di supportare la voglia di libertà e la necessità di ribellarsi contro tutte le gabbie, le galere e le frontiere.

 

Pubblicato in dalle Galere | Contrassegnato , , , , | Commenti disabilitati su Torino – La solidarietà è un’arma: resoconto dei due presidi al tribunale e al Cpr

Speciale OP. SCINTILLA – Rivolte, lotta e solidarietà

Fonte: Radio Blackout

Giovedì 7 ottobre è iniziato il processo per associazione sovversiva contro lo Stato e alcuni capi specifici per diciotto compagni e compagne. A trentadue mesi esatti dallo sgombero, alla sbarra vengono portati, oltre agli imputati, proprio l’esperienza intorno al fu Asilo occupato, il progetto Macerie e Storie di Torino e il sacrosanto odio verso le prigioni per immigrati irregolari (nati Cpt, poi Cie, ora Cpr).

L’oggetto del teorema inquisitorio Scintilla è infatti una lotta ventennale, quella contro la detenzione amministrativa dei senza-documenti, portata avanti da un movimento reale dentro e fuori i Centri di reclusione. Una lotta composta anche da una serie lunghissima di iniziative all’esterno dei Centri: alcune indette, altre a sorpresa, alcune anonime, altre rivendicate, alcune “a volto scoperto” e altre “a volto coperto”. Per la maggior parte di queste ultime gli inquirenti non sono finora riusciti a raccogliere né prove né indizi sufficienti per attribuire precise responsabilità individuali, nonostante anni di esegesi di scritti, intercettazioni telefoniche e ambientali, videoriprese, pedinamenti, rilievi e prelievi di impronte digitali e DNA.

Vi proponiamo un approfondimento che parte sì dall’inchiesta, ma per poi addentrarsi negli anni di lotta, nelle motivazioni, nel cuore della solidarietà e della vita che si sprigiona quando si combatte contro una delle tante ingiustizie di questo mondo, una delle più atroci: l’esistenza di lager per umani.
In conclusione, ancora voci, sono ancora quelle dei reclusi, sono ancora quelle di compagni e compagne, che raccontano oggi cosa accade nei Cpr, perché la lotta non si ferma con un’inchiesta tribunalizia, ma continua finché di queste gabbie non rimarranno che macerie.

00:00 – Intro, le inchieste contro gli anarchici
02:10 – Sgombero Asilo Occupato, audio d’archivio del 2019
09:05 – Cos’era l’Asilo
12:06 – Repressione e lotta
16:14 – Attorno a un perché, la lotta contro i Centri
21:40 – Dal tetto del Cie in rivolta, audio d’archivio del 2015
24:45 – Cie e galera, pezzi del quartiere, audio d’archivio del 2014
34:00 – Cospirazione, solidarietà e rivolta, elementi inafferabili per qualunque inquirente
37:25 – Alcune tecnologie del potere
44:37 – Sui regimi differenziali di carcerazione, intervista all’avv. Caterina Calia
55:43 – Contro i Cpr, oggi. Le valutazioni, le voci da dentro

Pubblicato in dalle Galere, General | Contrassegnato , , , , | Commenti disabilitati su Speciale OP. SCINTILLA – Rivolte, lotta e solidarietà

Milano – Domenica 24 ottobre iniziativa “Il CPR: un posto da chiudere”

Fonte: Punto di rottura

Milano – Domenica 24 ottobre iniziativa “Il CPR: un posto da chiudere”

Domenica 24 ottobre 2021
via Conchetta, 18 – Milano
C.S.O.A. COX 18, Libreria Calusca, Archivio Primo Moroni

ore 18:00 aperitivo
ore 19:00 PROIEZIONE di un video-documentario autoprodotto sul CPR di Milano
A seguire:
– La questione del CPR: discussione e aggiornamenti
– Un intervento di Daniele Ratti:
ENI e le missioni internazionali militari tra Mediterraneo e Africa
“Gli interessi dei gruppi energetici internazionali sono i protagonisti dei conflitti e dei nuovi equilibri geopolitici in Africa e nel Mediterraneo. Gli scenari di guerra determinano il controllo e la regolazione dei flussi migratori. I migranti costituiscono una delle principali ricchezze dell’Africa, la merce “umana” è pari al valore dell’oro nero e dell’oro blu.
-Dibattito
A cura dell’assemblea Punto di Rottura – contro i CPR
contatti: puntodirottura@riseup.net

Pubblicato in Appuntamenti, dalle Galere | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Milano – Domenica 24 ottobre iniziativa “Il CPR: un posto da chiudere”

Torino – Presidi solidali: giovedi 7 al Tribunale, sabato 9 davanti al CPR

Fonte: Gancio

Presidio Solidale davanti al Tribunale di Torino il 7 ottobre, ore 10:30
Presidio davanti al CPR di Torino il 9 ottobre, ore 16

Il 7 febbraio 2019 scattava a Torino l’operazione Scintilla.
Quel giorno veniva sgomberato l’Asilo, occupazione storica nella quale si sono organizzate negli anni diverse lotte che hanno attraversato i quartieri di Aurora e Barriera di Milano. La reazione a quello sgombero è stata forte e determinata e ha coinvolto centinaia di persone che nei giorni e nei mesi successivi hanno dato vita a iniziative e azioni di
solidarietà.

L’indagine della Procura ruotava intorno alla lotta contro i centri di detenzione per immigrati, da sempre viva in città come altrove, dentro e fuori queste strutture. Non si può tenere il conto delle rivolte che il centro di Corso Brunelleschi ha subito dalla sua apertura, danneggiato e devastato dalla rabbia dei reclusi, mentre all’esterno si è sempre
provato a supportare i rivoltosi, rimarcando il ruolo di questi luoghi nei meccanismi di sfruttamento ed esclusione.
Nel corso degli ultimi due anni di indagini per l’operazione Scintilla, otto compagni e compagne vengono arrestati con l’accusa di associazione sovversiva, istigazione a delinquere e alcuni reati specifici, tra cui attacchi incendiari a bancomat delle poste italiane, plichi esplosivi destinati a ditte collegate al funzionamento dei centri per rimpatrio e incendio in concorso con alcuni reclusi del cpr.

Negli ultimi anni il Cpr di Torino rimane un luogo di reclusione e soprusi, dove le persone muoiono inspiegabilmente, come successo lo scorso maggio a Musa Balde, e contro il quale i reclusi continuano a rivoltarsi e incendiare le loro gabbie. Per questo c’è ancora chi in città porta solidarietà fuori da quelle mura e lotta per la loro distruzione.

Il 7 ottobre ci sarà la prima udienza del processo che vede ora imputati 18 compagne e compagni. In quell’occasione ci troveremo fuori dal Tribunale di Torino per un presidio di solidarietà per non lasciare solo chi va a processo e per ribadire che lottare contro i Cpr è più che mai necessario.

L’appuntamento è per le ore 10 e 30 davanti al Tribunale di Torino in via Giovanni Falcone.

Ci preme mandare tutta la nostra solidarietà a Natascia, compagna imputata nell’operazione Scintilla ma detenuta per l’operazione Prometeo, che ha visto richiedere qualche giorno fa dalla Procura di Genova nei suoi confronti e di altri due compagni oltre 17 anni di carcere.

PRESIDIO SOTTO LE MURA DEL CPR DI TORINO SABATO 9 OTTOBRE ore 16 via Monginevro angolo Corso Brunelleschi

Fonte: No CPR Torino

All’interno del CPR, così come nelle carceri, a smuovere la situazione è stato il coraggio di chi è costretto a vivere quotidianamente questi luoghi. L’assenza totale di cure mediche, le espulsioni e il clima di violenza che le forze dell’ordine e l’ente gestore GEPSA vorrebbero affermare e rendere normale dentro il Centro non hanno avuto la meglio sulla determinazione e la voglia di libertà delle persone recluse.

Venerdi 10 Settembre tutte e cinque le unità abitative che compongono l’area Rossa sono state rese inagibili dalle persone detenute che hanno protestato con rabbia e dato fuoco ai materassi. Un ragazzo ha voluto raccontarci al telefono le motivazioni della rivolta e le condizioni quotidiane di detenzione cui sono costretti tra assenza di cure mediche e pestaggi delle guardie.

La determinazione con cui le persone rinchiuse hanno da sempre affrontato la loro reclusione dovrebbe essere d’esempio per noi fuori proprio in un periodo come questo in cui all’esterno ad essere colpita è soprattutto la solidarietà nei confronti di chi lotta e si ribella per distruggere la propria gabbia.

In momenti come questi è quanto mai importante far sentire a chi lotta che non è solo, dimostrare che le gabbie e le mura non riescono a rendere invisibile ciò che accade dentro.

In solidarietà alle persone recluse che quotidianamente lottano e si ribellano dentro il CPR.

In solidarietà ai compagni e alle compagne che negli anni hanno lottato contro i Centri di detenzione amministrativa e adesso si trovano imputati/e nell’Operazione Scintilla, che ha portato anche allo sgombero dell’Asilo Occupato.

 

 

 

Pubblicato in Appuntamenti, dalle Galere | Contrassegnato , , , , , | Commenti disabilitati su Torino – Presidi solidali: giovedi 7 al Tribunale, sabato 9 davanti al CPR