Egitto – Nuove proteste, repressione e condanne a morte

Il 20 settembre scorso sono scoppiate delle proteste in tutto l’Egitto. Nella città di Assuan sono durate per giorni. Nel quartiere al-‘Awameya, circondato per giorni, la polizia ha assassinato a colpi di pistola Ueis al-Rawy, proprio sotto casa sua.

Come già successo precedentemente nei giorni successivi le proteste il regime ha messo in atto una dura repressione. Si contano più di 1943 arresti (almeno le persone ritrovate nei commissariati e procura dei servizi segreti). Tra loro anche la giornalista Basma Mustafa fermata mentre si recava a coprire quanto stava succedendo ad Assuan. Dopo alcune ore di fermo è stata rilasciata. 

Sempre negli stessi giorni il regime ha eseguito le condanne a morte di 49 persone (fonte); 15 di loro erano prigionieri politici; 13 avevano preso parte – secondo l’accusa – ad una ribellione dentro il carcere di Tora al Cairo in cui erano rimaste uccise anche 3 guardie. Quello che è successo in quei giorni di fine settembre non è stato mai chiarito. Ma la rapidità con cui gli imputati sono stati impiccati è la prova che il regime vuole nascondere per sempre la verità.  Continue reading

Posted in dall'Egitto | Tagged , , , , | Commenti disabilitati su Egitto – Nuove proteste, repressione e condanne a morte

Milano – Sulla rivolta nel CPR di Via Corelli

riceviamo e pubblichiamo

Appena riaperto il CPR di Milano si ritrova già con una bella rivolta

Non devono aver avuto una bella cera le facce del sindaco Sala e del questore Bracco quando, lunedì mattina, persi in grattacapi tra un focolaio di Covid e l’altro, sono stati accolti con la notizia di un ben più preoccupante focolaio di rivolta scoppiato nell’appena inaugurato Centro di Permanenza per il Rimpatrio di via Corelli.

Da quello che si è appreso dai giornali infatti, dalla notte di domenica fino al pomeriggio di ieri una trentina di reclusi ha dato vita a una rivolta svuotando gli estintori, danneggiando la struttura e salendo sui tetti. Alcuni avrebbero anche tentato la fuga e qualcuno sembra essere riuscito a far perdere le proprie tracce, mentre quattro migranti sarebbero stati feriti dalla polizia accorsa in forze.

Nei giorni successivi è giunta notizia che 27 reclusi sono stati rimpatriati. Tra essi molti partecipanti alla rivolta

Appena saputa la notizia anche un gruppetto di nemici delle frontiere ha cercato di raggiungere il centro iper-militarizzato per portare la propria solidarietà ai reclusi. Mentre una parte dei solidali si raggruppava in presidio nei pressi del centro bloccando a singhiozzo il traffico su via Corelli e dribblando i goffi tentativi della Digos di portarsi via lo striscione, altri con una non indifferente abilità acrobatica e vocale cercavano di farsi sentire dai reclusi urlando a gran voce dal cavalcavia della tangenziale. Nel frattempo alcuni hanno raggiunto i campi che fiancheggiano il Cpr dando conferma che le urla dalla tangenziale arrivavano forti e chiare.

Verso sera poi un rumoroso corteo improvvisato si è snodato tra le vie adiacenti alla stazione di Lambrate per raccontare con megafono, striscione e fischietti quello che stava succedendo nel vicino centro.

Al di là della cronaca però, una breve riflessione è doveroso farla. Sono solo quindici i giorni trascorsi dalla riapertura del CPR di Milano e già c’è stata la prima rivolta dei reclusi. Due settimane sono bastate per rammentare a tutti, se ce ne fosse ancora bisogno, che nonostante i decreti sicurezza, l’inasprimento delle pene, le inchieste e gli arresti, rivolte ed evasioni continuano a essere le armi più affilate a disposizione degli harraga per riprendersi un pezzo di libertà.

In tutti questi anni chiunque fosse al potere si è trovato a dover fare i conti con l’impossibilità di coniugare una facciata ipocritamente accogliente con la gestione manu militari di questi centri. La città di Milano in questo senso ne è testimonianza, con un CPR chiuso anni fa grazie alla determinazione di chi lo distrusse pezzo dopo pezzo, e che anche oggi si ritrova nel solco di quella stessa storia che sembrava essere stata dimenticata.

Sempre a fianco dei rivoltosi e contro tutte le galere

Nemici delle frontiere

Posted in General | Tagged , , , , , | Commenti disabilitati su Milano – Sulla rivolta nel CPR di Via Corelli

Milano – Sulla riapertura del CPR di via Corelli a Milano

riceviamo e pubblichiamo da Punto di Rottura

Milano si sveglia con una nuova prigione

Come ogni luce ha la sua ombra, così lo scintillio delle metropoli ha il suo volto oscuro. 

Il capitalismo è guerra dove si estraggono petrolio, oro, nichel e diamanti ed è siccità nei luoghi più torridi del mondo. Per non vivere nel terrore e nella carestia molte persone si mettono in viaggio verso l’Europa. Spesso attraversano un deserto e il mare. Durante il viaggio non si contano i pestaggi, gli stupri, i rapimenti, le torture e le morti. Le persone sopravvissute al viaggio, giunte in Europa vengono forzate all’identificazione e bloccate alle frontiere verso il nord. Alcune trovano la morte sui sentieri per il confine.

In Italia le persone migranti, ricattabili e senza documenti lavorano in nero, ai margini della legalità e senza tutele. Alcuni, si ribellano. Lo stato teme le rivolte e premia la sottomissione. Promette i documenti a chi lavora a testa bassa e costringe al terrore tutti. Chi vive senza documenti teme e odia la retata, il fermo, il controllo sul treno e ogni divisa.

Il CPR, centro di permanenza per il rimpatrio è il cuore di questo dispositivo. I CPR servono a ricordare che in qualunque momento si può essere prelevati dal territorio, rinchiusi e deportati.

A Milano ha aperto un CPR in via Corelli, dove un tempo c’era il Centro di Identificazione ed Espulsione. Il CIE di via Corelli è stato reso inutilizzabile dai detenuti che, organizzati, hanno dato fuoco alla struttura.

A partire da quando sono stati aperti, nel 1998 con il nome di CPT, le rivolte esplose all’interno non si sono mai fermate fino a rendere inagibili e a chiudere i CIE di Modena, Bologna, Brindisi, Gradisca, Crotone, Catanzaro e Trapani, altrove ne hanno ridotto i posti disponibili.

Dentro al CPR di via Corelli non mancheranno certo le rivolte e noi saremo con loro. Continueremo a lottare come in passato per la chiusura di questi campi d’internamento.

Solidarietà ai reclusi

perché i CPR brucino ancora.

Punto di rottura

Posted in dalle Galere | Tagged , , , , , | Commenti disabilitati su Milano – Sulla riapertura del CPR di via Corelli a Milano

Milano – 25 ottobre Presidio al CPR di via Corelli

riceviamo e pubblichiamo. Per inviare contributi scriveteci su hurriya @ autistici.org

Una nuova prigione per gli esclusi, un vecchio rimedio degli inclusi.

È incredibile, ma in un momento come quello che stiamo vivendo, tra paure e impoverimento generalizzato, chi governa la città non trova niente di meglio che aprire una nuova prigione.
Gente che, partendo da paesi in cui l’ansia di profitto dei predatori ha rubato terre e risorse offrendo in cambio guerre, quando riesce ad arrivare in questo paese, senza perdere la vita in mare o alle frontiere, cosa trova? Barriere, barriere mai riservate a chi viene dalla parte “giusta” della terra. Barriere che lo obbligano a controlli fisici, psicologici, burocratici, incolonnato come bestiame, selezionato, diviso dai suoi affetti, infilato in strutture dentro le quali dovrà chiedere, chiedere tutto. Con garbo e obbedienza, perché è indesiderato. E poi il girone infernale delle carte da fornire per avere il permesso di restare, per ottenere il privilegio di restare. E la minaccia è nel rifiuto delle richieste, nel vuoto totale che gli si aprirà davanti se qui non lo si accetta. Un rifiuto diventa, lui o lei stessa, da ricacciare indietro e, intanto, rinchiudere in un CPR.

Centro per il Rimpatrio, prigione, lager perché, come per quelli di orribile memoria, si tratta di detenzione amministrativa. Rinchiusi, e nemmeno come punizione per un reato commesso o presunto, ma perché si è privi di un documento. Un documento che è chiaramente un pretesto essendo, per chi è stato reso clandestino, difficilissimo da ottenere. Dentro quelle mura resterà mesi, trattato da quel rifiuto che qui è diventato, in attesa del rimpatrio. Le condizioni all’interno di questi centri sono ormai conosciute, ampiamente. Ammassati insieme a sconosciuti provenienti da luoghi e culture diverse, a volte incompatibili, con assistenza sanitaria che definire inadeguata è un eufemismo, imbottiti di psicofarmaci per mantenere l’ordine interno, alimentati con cibo insufficiente e avariato, senza assistenza legale. Giornate passate nella passività più totale, nell’attesa di essere ricacciati da dove si è fuggiti per pericolo, per fame o anche solo per desiderio. Vite rubate.

E fuori? Chi vede e sa dell’esistenza di questi nuovi lager, cosa pensa? Che sia giusto rinchiudere gli immigrati? Che siano loro la causa delle difficoltà a trovare un lavoro, a pagare un affitto, a sopravvivere in questo sistema in cui al massimo si galleggia con la testa fuori dalla melma?

Quando si guarda indietro alla storia del novecento, si dice che quegli orrori, quelle persecuzioni non devono accadere mai più. Ma eccoli qui di nuovo. Quelli di oggi non sembrano gli stessi, non li si vuole riconoscere. Invece si tratta della stessa storia, quella in cui si individua un nemico con il quale prendersela, di solito un miserabile più miserabile di noi che viene additato come responsabile delle nostre miserie quotidiane. È una trappola concepita, da tempi immemorabili, da chi governa il mondo per mantenere i miserabili divisi tra loro, per mantenersi in groppa al potere facendo massacrare tra loro i sudditi, che mai devono individuare il vero nemico, mai devono unirsi per aggredirlo, finalmente.

Il 25 ottobre saremo lì, sotto quelle mura che tornano a “ospitare” un centro di reclusione per immigrati senza permesso di soggiorno. Per dire che questo abominio non è ammissibile, che chiunque dovrebbe potersi muovere liberamente, da qualunque parte della terra provenga, senza dover soggiacere a trattamenti così disumani, che il razzismo è una creazione della propaganda dei potenti che fa leva su bassi istinti rancorosi, ma che serve solo a loro per mantenersi saldi nella posizione di comando. Insomma saremo lì per vedere se potrà mai essere possibile trovare la forza, la determinazione, la strada per lottare contro gli orrori odierni.

Punto di Rottura

 

Posted in Appuntamenti, General | Tagged , , , , , , | Commenti disabilitati su Milano – 25 ottobre Presidio al CPR di via Corelli

San Ferdinando (RC) – Sentenza per il 22 marzo 2017: la vostra repressione moltiplica le lotte!

Fonte: Campagne in lotta

Ieri è arrivata la sentenza dell’udienza in primo grado per due nostre compagne imputate nel processo per la giornata di lotta del 22 Marzo 2017 a San Ferdinando (RC): sono state condannate rispettivamente a 4 e 2 mesi. Quel giorno infatti, per la terza volta dall’inizio dell’anno gli abitanti della tendopoli scendevano in strada, insieme ad alcune/i solidali, per dire basta ai continui controlli e retate – che andavano avanti da mesi in diversi comuni della Piana di Gioia Tauro – e agli sgomberi dei ghetti, senza reali soluzioni alternative.

Il coraggio e la determinazione delle persone che abitavano la baraccopoli calabrese non è riuscita però a fermare lo sgombero, avvenuto nel 2019 con uno schieramento di forze dell’ordine degno di uno scenario di guerra, per poi deportare le persone in un’altra vicina tendopoli, con dispositivi biometrici e telecamere di sicurezza. Inoltre, è di pochi mesi fa la notizia dell’inizio dello smantellamento anche di quest’altro campo, a cui ancora una volta si sta rispondendo con una grande e generosa resistenza. La stessa che negli anni abbiamo visto e sostenuto non solo nei ghetti in Calabria, ma anche in Puglia, così come in Piemonte.

Mentre lo Stato sgombera, deporta, contagia, uccide e poi punisce chi si oppone a questa violenza, ci rivendichiamo quella giornata di lotta del 2017, e tutte quelle che sono seguite e ne seguiranno, fanno parte di noi, e sappiamo bene che solo lottando si cambiano le cose.

Ancora una volta è chiara l’intenzione di punire e inibire ovunque chi alza la testa, chi riprende le strade, chi non accetta di vivere sfruttato e controllato: gli esempi sono innumerevoli, da Nord a Sud, dalle campagne, ai magazzini della logistica, alle occupazioni abitative, dai centri di accoglienza alle navi quarantena, ai CPR alle carceri.

E’ giunta l’ora di rispondere in maniera collettiva, forte e determinata alla repressione che da anni colpisce chi lotta e costruisce relazioni solidali, le armi più potenti e spaventose al mondo. Alla repressione risponderemo con sempre più unità e moltiplicando le lotte.

SOLIDARIETÀ ALLE PERSONE CHE VIVONO E LOTTANO NEI GHETTI!

SOLIDARIETÀ ALLE COMPAGNE, CHI LOTTA NON E’ MAI SOLO!

SANATORIA PER TUTTI, REPRESSIONE PER NESSUNO

Posted in General | Tagged , , , , | Commenti disabilitati su San Ferdinando (RC) – Sentenza per il 22 marzo 2017: la vostra repressione moltiplica le lotte!

Roma – Evasione dal CPR di Ponte Galeria

Apprendiamo dalla stampa che, 4 giorni fa , sei uomini reclusi nel CPR di Ponte Galeria hanno provato a riconquistare la libertà fuggendo dai condotti dell’aria condizionata per raggiungere il tetto e scalare le mura. Solo una persona è riuscita a scappare mentre le altre 5 sono state fermate. Nell’ultimo mese le proteste all’interno del centro di detenzione sembrano essere numerose, con diversi tentativi di fuga e un incendio avvenuto il 17 luglio. Al momento nel CPR sono reclusi 43 uomini e 9 donne.

Posted in dalle Galere | Tagged , , , , | Commenti disabilitati su Roma – Evasione dal CPR di Ponte Galeria

Milano – Aggiornamenti dal CAS di via Corelli

fonte: Punto di Rottura – Contro i Cpr

In occasione di alcuni volantinaggi davanti alla struttura per informare sulla sanatoria truffa e, soprattutto, sulla probabile imminente apertura del Cpr, abbiamo raccolto alcune informazioni. Prima di riportarle ricordiamo che il Cpr verrà riaperto nella stessa struttura in cui si trovava precedentemente il Cie, reso inagibile dalle rivolte e chiuso nel 2013. È situato dietro al Cas, separato da un cancello di acciaio e ora anche da un muro alto più o meno 4 metri. I lavori sono terminati, la ristrutturazione è avvenuta a opera del Genio militare e la gestione è stata appaltata alle cooperative Versoprobo di Vercelli e Luna di Vasto di Chieti.

La gestione del Cas è passata dalla Croce Rossa alla GEPSA S.A. SOCIETÈ ANONYME con aggiudicazione datata settembre 2019. Il passaggio dovrebbe però essere avvenuto solo pochi mesi fa e qualche operatore della Croce Rossa è rimasto a lavorare lì.
Tutti i cosiddetti “ospiti”, che abbiamo nelle diverse occasioni incontrato, sono bloccati lì in attesa delle risposte alle domande d’asilo da non meno di tre anni. Vite rubate.
Ci hanno riferito delle, purtroppo solite, condizioni difficili da sopportare all’interno della struttura. Dopo il cambio di gestione sono addirittura peggiorate. Ora non hanno più nemmeno WiFi, quindi chi non ha il cellulare con il contratto non ha accesso alla rete. Continue reading

Posted in dalle Galere | Tagged , , , | Commenti disabilitati su Milano – Aggiornamenti dal CAS di via Corelli

CPR di Gradisca – Pestaggi e feriti nella notte del 14/8

fonte: nofrontierefvg.noblogs.org

Questa sera alcuni detenuti raccontano che ci sono stati degli incendi a seguito del pestaggio di alcuni altri detenuti nella zona rossa. Il fuoco, nel CPR di Gradisca, ci raccontano che c’è ogni sera! Ogni sera, a seguito di una giornata di pesanti soprusi, nel CPR di Gradisca avvengono piccole rivolte. Ma oggi la repressione sembra essere stata più violenta ed i fuochi un po’ più grandi: nel video che alleghiamo si vede un ragazzo che uscendo un po’ dalla cella viene preso di mira da due forze dell’ordine una in seguito all’altra, una volta rientrato in cella ci rimane insanguinato e richiedendo il suo zainetto. Condividiamo anche le foto di un altro detenuto a terra con la bava alla bocca. Per tutelare la sua identità non metteremo i video da cui sono stati estratte queste immagini, ma questa persona sembra avere urgente bisogno d’aiuto. Non sappiamo né come stia ora né dove sia! Chiunque possa faccia qualcosa!

Sappiamo che è possibile che abbiano ritirato i cellulari ad alcuni detenuti. Alle 2 la situazione sembrava essere più calma ma fino a dopo la mezzanotte non sembrava essere finita. Stavano venendo tagliate delle inferriate con una radiale e pompieri e f.d.o. sono entrate in alcune stanze. I media locali, per l’ennesima volta, hanno prontamente diffuso una narrazione della vicenda imparziale che, in questo caso, vedeva come vittima un carabiniere e come carnefici i detenuti.

Senza il coraggio dei detenuti che, rischiando la loro sicurezza, diffondono le notizie con l’esterno, non sapremmo mai le atrocità quotidiane del lager, e la storia dei CPR la scriverebbero solo le loro guardie.

I CPR sono luoghi di morte e oppressione anche quando non ci muore nessuno, ma a Gradisca sono già morte due persone. Oggi è passato un mese dalla morte di Orgest Turia. La violenza nei CPR è costante, ad un trattenimento ingiusto e al terrore di essere deportati, si aggiungono costanti soprusi (secondo quanto ci raccontano nel CPR di Gradisca il cibo viene passato sotto le sbarre, le persone sono costrette tutto il giorno in gabbie, non vengono forniti cambi vestiti o lenzuola, l’attenzione medica è scadente e difficilmente accessibile, il cibo causa problemi intestinali e molto altro).

Negli ultimi giorni sembra siano state trasportate nel CPR, direttamente da Lampedusa, diverse persone appena arrivate.

I CPR sono dei lager letali. Che i muri dei cpr possano cadere e tutti i detenuti siano liberati!

(Attenzione : video ed immagini con contenuti forti)

Posted in dalle Galere | Tagged , , , , , | Commenti disabilitati su CPR di Gradisca – Pestaggi e feriti nella notte del 14/8

Dall’invisibilità alla repressione: denunce e fogli di via per i braccianti di Saluzzo

Fonte: Enough is Enough – braccianti in lotta Saluzzo

La questura cerca di isolare i lavoratori che rivendicano un alloggio facendoli passare per criminali.

Apprendiamo in queste ore che la questura di Cuneo ha deciso di notificare 4 procedimenti penali assieme ad un foglio di via ad alcuni dei braccianti protagonisti della giornata di mobilitazione di giovedì 18 Giugno.

Assieme alle accuse di danneggiamento, invasione di terreni e manifestazione non autorizzata, la questura ha deciso di utilizzare lo strumento del foglio di via, dispositivo repressivo ben conosciuto da lavoratori e solidali nella lotta delle campagne, tramite il quale questi lavoratori possono essere immediatamente espulsi dal territorio con l’accusa di essere dei soggetti pericolosi e antisociali.

Il 18 giugno si è infatti tenuto un presidio di fronte al comune di Saluzzo volto a richiedere una soluzione abitativa per i lavoratori impegnati nelle campagne,che da settimane dormono per strada esposti alle intemperie e alla prepotenza delle forze dell’ordine. Viste le deludenti risposte da parte di associazioni datoriali e istituzioni, rappresentate in particolare dal sindaco di Saluzzo Mauro Calderoni e dalla viceprefetta, dopo l’incontro i lavoratori hanno deciso di muoversi in corteo per la città, dirigendosi infine verso il PAS del Foro Boario, ovvero la struttura adibita all’accoglienza dei lavoratori, quest’anno tenuta chiusa.

Si intende colpire chi ha alzato la testa per chiedere delle soluzioni abitative adeguate e per tutti, chi ha tentato di forzare l’apertura di una struttura chiusa con la scusa dell’emergenza sanitaria, chi ha preso parola in maniera libera e auto-organizzata.

Nonostante l’importanza pubblicamente ribadita della manodopera agricola per l’economia nazionale, ecco che oggi si riprende la costruzione di teoremi diffamatori e criminalizzanti che delegittimano e puniscono ogni forma di dissenso e di riconoscimento a questi stessi lavoratori.

Nel frattempo, il 24 giugno gli esponenti della giunta comunale hanno avuto il coraggio di andare a Parco Alberti, dove dormono i lavoratori, a promettere, di fronte alla stampa, soluzioni che non solo non arrivano, ma non sono state nemmeno definite.

Il 30 di giugno il sindaco di Saluzzo commentava tronfio la firma di un protocollo di intesa tra le parti nella gestione dell’ “emergenza migranti”.

“Emergenza” che, andrebbe sottolineato, da 10 anni puntalmente si ripropone ad inizio stagione, per isolare i braccianti e contrapporli, in quanto “migranti”, al resto della cittadinanza e dei lavoratori. Un’operazione di governo secondo linee razziali. L’emergenza viene quindi invocata per nascondere responsabilità e volontà politiche mirate allo sfruttamento economico e legittimare la gestione poliziesca di un problema sociale.

Nel frattempo alcune importanti realtà del terzo settore, del mondo sindacale e associativo hanno preso parola sui giornali, hanno promosso conferenze stampa e perfino delle petizioni online, denunciando la disumanità delle condizioni vissute dai lavoratori in quanto emergenza umanitaria, ma evitando di prendere posizione sulle lotte portate avanti dai diretti interessati.

Tale atteggiamento paternalista, nonostante si ponga l’obiettivo di dare visibilità a una condizione ritenuta intollerabile, rischia di essere complementare alla gestione emergenziale.

Se per gli attori della società civile prendere parola è infatti scontato, le parole dei lavoratori acquistano forza e rompono l’invisibilità solo nella lotta. I lavoratori non parlano di emergenza: parlano di razzismo, parlano di sfruttamento, parlano della violenza della polizia.

Il tentativo della questura è proprio quello di zittire queste voci, reprimere questa lotta, lasciare che si torni, come ogni anno, a parlare di emergenza.

Possiamo dire con certezza che chi vive e lavora nelle campagne non è disposto ad essere strumentalizzato e sfruttato e non vuole più restare muto e passivo di fronte a tutto questo.

Non basteranno queste accuse ad arrestare la determinazione dei lavoratori delle campagne.

I lavoratori possono contare su qualcosa di infinitamente più forte della repressione: la solidarietà!

Chi lotta non è mai solo!

 

Posted in General | Tagged , , , | Commenti disabilitati su Dall’invisibilità alla repressione: denunce e fogli di via per i braccianti di Saluzzo

Nuoro – 7 luglio presidio No CPR

Fonte: No CPR Macomer

A fine gennaio del 2020 lo Stato italiano nelle vesti della prefettura di Nuoro, in accordo con la società privata Ors Italia e con l’amministrazione di Macomer, ha deciso di aprire nella stessa città un C.P.R., ovvero un Centro di Detenzione e Rimpatrio, una struttura atta a rinchiudere gli immigrati irregolari. Questa decisione si è dimostrata quanto mai infelice: da subito hanno cominciato a verificarsi “incidenti” all’interno del C.P.R.  che si traducono in ambulanze che vanno e vengono da Macomer al pronto soccorso di Nuoro o a quello di Sassari.

Risse, ferimenti, tentativi di suicidio, atti di autolesionismo e molto altro hanno continuato a susseguirsi in tutti questi mesi: ricordiamo l’episodio che ha visto protagonista uno dei prigionieri, che esasperato dal rinvio del suo rilascio dalla struttura è salito  su un muro  per urlare il suo desiderio di libertà precipitando poi giù. Ancora pochi giorni fa, un uomo si è cucito la bocca con ago e filo, e a questi episodi si aggiungono gli scioperi della fame e i tanti momenti di una rivolta ininterrotta all’interno del C.P.R. che porta spesso le persone rinchiuse a salire sul tetto della struttura in segno di protesta per condizioni di vita disumane.

Dalla viva voce delle persone recluse abbiamo la certezza del superamento del limite di detenzione per alcuni, abbiamo notizie di violenze da parte della polizia, di cibo non buono, della continua somministrazione di psicofarmaci e visite mediche scarse e superficiali. Abbiamo ricevuto richieste di beni di prima necessità assenti all’interno e ci è stato raccontato dell’ingiustizia di non poter stare davanti al giudice di pace che decide della loro vita e della quasi impossibilità di comunicare con l’esterno. Queste violenze sono all’ordine del giorno per chi è rinchiuso in un Cpr colpevole di essere immigrato/a irregolare. Tortura legalizzata oltre la legge!

La Prefettura di Nuoro che amministra questa prigione rifiuta di esporsi, mantenendo un totale silenzio stampa circa la questione. Ostacola qualunque tentativo di comunicazione con l’esterno, rimane indifferente davanti alle rivendicazioni delle persone costrette all’interno. Lo Stato si nasconde dietro ad un dito di fronte a questo lager legalizzato. Il silenzio assordante è rotto solo dalle sirene delle ambulanze, dalle urla e dai rumori degli abusi e dei pestaggi che arrivano dall’interno, di cui gli abitanti della zona di Bonu Trau sono testimoni. Un comportamento che in altra sede meriterebbe l’apertura di un’inchiesta.

Il C.P.R. è una voragine di violenza e vessazione in cui la legge scompare per fare spazio alla tortura e alla coercizione ed è per questo che come assemblea No CPR né a Macomer né altrove, abbiamo deciso di indire un presidio, invitando tutte le realtà, associazioni ed individui/e con l’intento di portare sotto la prefettura di Nuoro le nostre domande e le nostre richieste di chiarimenti e spiegazioni, finora rimaste inevase e inascoltate.

Per non essere silenziosi complici di questo meccanismo e solidali con chi lo subisce ogni giorno, abbiamo deciso di incontrarci il giorno 7 luglio alle ore 17:30 davanti alla Prefettura di Nuoro in via Deffenu 60. Durante il presidio raccoglieremo donazioni per l’acquisto di schede telefoniche da utilizzare all’interno del Cpr di Macomer per agevolare le persone recluse all’interno a comunicare con l’esterno, soprattutto con familiari e legali.

Vi chiediamo gentilmente di indossare le mascherine durante lo svolgimento del presidio e di mantenere la distanza di sicurezza.

Per info e/o adesioni contattare: nocprmacomer@distruzione.org

 

Posted in Appuntamenti | Tagged , , , | Commenti disabilitati su Nuoro – 7 luglio presidio No CPR