Roma 1 febbraio – Presidio al CPR di Ponte Galeria

Riceviamo e pubblichiamo. Per scriverci e inviarci contributi: hurriya[at]autistici.org

Nei CPR si continua a morire. Dopo la morte del ragazzo a Pian del Lago di Caltanisetta il 12 gennaio è solo di pochi giorni successivi l’assassinio di un altro uomo di origine georgiana all’interno del CPR di Gradisca d’Isonzo, aperto poco più di un mese fa.
Nel CPR di Ponte Galeria, l’ultima morte di cui siamo a conoscenza risale all’11 novembre 2018, quando Natalia è deceduta ancora prima dell’arrivo dell’ambulanza.
Dai CPR far uscire notizie all’esterno è molto difficile, soprattutto da quando i cellulari personali vengono sequestrati ai detenuti. Questa pratica è stata inaugurata nella sezione maschile di Ponte Galeria dopo la sua riapertura ma si sta estendendo anche nei CPR dove sempre più spesso accadono rivolte ed evasioni.
I telefoni servono a mantenere contatti con i familiari e gli avvocati ma servono anche per far conoscere le condizioni in cui vivono le/i detenute/i all’interno del CPR. L’acqua fredda, il cibo scadente, il ricorso a tranquillanti, i tentativi di autolesionismo fino alle morti e agli omicidi sono informazioni di cui si è a conoscenza solo grazie alle telefonate ricevute. Per questo motivo le relazioni con l’esterno sono molto temute da chi gestisce i CPR e dalle guardie che intimidiscono le/i recluse/i dal tenere contatti con i solidali o allertare i servizi emergenziali come le ambulanze.
Per mantenere alta l’attenzione su queste strutture di repressione e portare solidarietà a chi dentro continua a resistere e ribellarsi è necessario manifestare la nostra rabbia di fronte ai CPR.
Insieme alle altre iniziative che si terranno nelle giornate dal 27 al 2 febbraio in tutta italia, si terrà davanti al CPR di Ponte Galeria un presidio solidale. L’appuntamento è il 1 febbraio 2020 alle 15, fermata Fiera di Roma del treno per Fiumicino.

Nemiche e nemici delle frontiere

Posted in Appuntamenti | Tagged , | Commenti disabilitati su Roma 1 febbraio – Presidio al CPR di Ponte Galeria

Vercelli 8 febbraio – Presidio contro i Cpr sotto la sede di Versoprobo

Fonte: Punto di Rottura
Qui evento su fb

8/2/2020 – PRESIDIO CONTRO VERSOPROBO SCS
Milano e Versoprobo SCS unite per vocazione: lucrare sulla vita delle persone

“Versoprobo SCS: la vocazione per il sociale, gli esordi e le nuove sfide”. Così si presenta sul proprio sito la cooperativa Versoprobo di Vercelli (Corso Marcello Prestinari 168, Vercelli), alla quale – senza alcun dubbio – piacciono le sfide da cui può trarre profitti. Infatti, nel 2015, allettata dall’aumento dei flussi migratori verso l’Europa e l’Italia in particolare ha ben pensato di inserirsi nel sistema dell’accoglienza di emigranti. Come si evince dal suo sito e dai suoi introiti, ha svolto il proprio lavoro brillantemente, tanto da essersi guadagnata la fiducia e l’apprezzamento delle prefetture (Torino, Novara, Alessandria, Asti, Verbania, Biella, Vercelli, Varese, Campobasso, Chieti e Verona) per cui svolge le sue attività. Il legame con le forze dell’ordine si è consolidato anche grazie alla seconda vocazione di Versoprobo: la gestione del settore turistico. Infatti, una delle spiagge che gestisce a San Cataldo alle porte di Lecce è il “Lido della polizia”. Grazie alla sua duplice vocazione, Versoprobo, dalle informazioni che pubblicizza, alla data attuale ha accolto 1042 persone.

Ma, tra non molto questa cifra crescerà. Tra le nuove sfide di questa cooperativa, premiata a Torino a La Centrale Lavazza come una delle 53 imprese più “competitive e primatiste di bilancio di Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta, c’è la fornitura di servizi al nuovo CPR (Centro di Permanenza per il Rimpatrio) di via Corelli a Milano. A breve la metropoli scintillante del Nord Italia si sveglierà con un nuovo CPR, nella stessa sede che occupava fino al 2014 e dove attualmente si trova anche un CAS (Centro di Accoglienza Straordinaria). Continue reading

Posted in Appuntamenti | Tagged , , , , | Commenti disabilitati su Vercelli 8 febbraio – Presidio contro i Cpr sotto la sede di Versoprobo

Francia/Gap – 13 febbraio presidio durante il processo contro chi lotta in frontiera

Riceviamo e pubblichiamo. Per scriverci e inviarci contributi: hurriya[at]autistici.org
[Sotto trovate il testo in francese]

Giovedì 13 febbraio, due maraudeuse andranno a processo al tribunale di Gap per “oltraggio” e “rifiuto di farsi identificare” a seguito di una maraude al confine italo-francese il 26 lo scorso novembre.
Questo processo è legato al clima repressivo sulle frontiere e in ogni altro luogo, sulle persone solidali, ma anche e soprattutto su* migrant*.
Infatti, l’intimidazione e la repressione esercitata dallo Stato sulle persone solidali attraverso controlli mirati, multe, le molestie della polizia, i processi, ecc. sono solo una piccola parte dell’arsenale repressivo messo in atto dalle autorità nel quadro delle politiche anti-migrazione.
Controlli razzisti, pestaggi e rapine da parte di poliziotti, il percorso da combattere in prefettura, la mancata cura dei minori in alcune città, reclusione nei CPR/CRA ( Centro di Permanenza e Rimpatrio in Italia, Centre de Rétention Administrative in Francia) in condizioni atroci, le espulsioni effettuate “perché il vostro paese non è considerato abbastanza pericoloso” o semplicemente perché alla Francia non importa, sono la routine quotidiana che vivono le persone che vengono qui senza i documenti giusti.

Questa repressione orchestrata dallo Stato e messa in atto dal duetto Polizia-Giustizia sembra rivolgersi a tutti gli individui e a tutte le organizzazioni considerate indesiderabili, a tutte le forme di solidarietà che non sono a profitto della nazione, tutte le forme di azione non in linea con il loro patriottismo.

Di fronte a queste politiche mortifere, continuiamo a organizzarci!
Ci vediamo giovedì 13 febbraio alle 8.30 davanti al tribunale GAP.

Non esitate a far circolare queste informazioni.

Fuoco alle frontiere Continue reading

Posted in Appuntamenti | Tagged , , , | Commenti disabilitati su Francia/Gap – 13 febbraio presidio durante il processo contro chi lotta in frontiera

Due chiacchiere sul CPR

Fonte: Macerie

Nei giorni scorsi, un redattore di questo blog ha incontrato, in un bar, un amico di vecchia data che non vedeva da tempo. Un ragazzo al di fuori dei giri di movimento che ha però mostrato un certo interesse, e una certa sensibilità, per ciò che si muove all’interno e attorno ai Cpr, specie in quello di corso Brunelleschi. Ne è nata una discussione inattesa che ci sembra interessante riportare nei suoi tratti essenziali lasciando intatta la forma del dialogo, per quanto non sia possibile, evidentemente, riprodurla letteralmente.

Ho iniziato a tener d’occhio quello che accade nei Cpr solo di recente, quasi per caso. Mi era capitato di leggere un articolo su un quotidiano locale su una rivolta nel Centro di Torino, in cui ci si lamentava a gran voce delle violenze contro le forze dell’ordine e dei rischi che gli agenti correvano durante il servizio in queste strutture. Non una parola sulle condizioni in cui si trovavano le persone rinchiuse e sulle ragioni delle loro proteste. Sarà anche per i discorsi sugli immigrati che l’hanno fatta da padrona ultimamente, specie con Salvini, per i respingimenti in mare… ma la lettura di quell’articolo mi ha smosso qualcosa dentro e ho cercato di capirne qualcosa di più. Devo dire che fino a quel momento non sapevo neanche cosa fossero di preciso questi Centri.

Mi sembra che siano in tanti a non saperne granché, anche tra coloro che per il resto tentano di restare informati su quello che gli accade intorno. Una volta, un mio compagno mi ha raccontato che durante un processo in cui era coinvolto, e che non riguardava la lotta contro il Cpr, durante una testimonianza qualcuno ha fatto riferimento ai Cpr, non ricordo bene a quale proposito, e il giudice, senza alcun imbarazzo, ha chiesto «cosa sono questi Cpr?!?» Pensa tu…

Comunque, aneddoti a parte, di questi Centri e soprattutto di quello che accade al loro interno, non si può certo dire che si parli molto, ed è un fatto particolare soprattutto se si pensa che la loro storia ventennale è costellata da un numero enorme di rivolte, evasioni, scontri con le forze dell’ordine, danneggiamenti di vario tipo delle strutture e un ventaglio molto ampio poi, di episodi di resistenza di gruppo o individuali: da chi saliva sul tetto per evitare un espulsione, a chi “dava di matto” una volta caricato sull’aereo per costringere il comandante a farlo scendere, e poi ancora scioperi della fame, atti di autolesionismo etc. Si può dire che non ci sia quasi mai stata una situazione di pace sociale all’interno di questi Centri, sin da quando sono nati, ai tempi della Turco-Napolitano… Difficile trovare un ambito della società così conflittuale, specie in un periodo storico come questo, poi…

E al di fuori dei circuiti mainstream? La controinformazione e le iniziative di chi è solidale con i reclusi come vanno? C’è un coordinamento in città di vari gruppi che si occupano di Cpr? Continue reading

Posted in dalle Galere, General | Tagged , , , | Commenti disabilitati su Due chiacchiere sul CPR

Francia – Comunicato del 22 gennaio dei prigionieri del CRA di Oissel in lotta

Traduzione da: A bas les CRA

Il carcere per stranierx di Oissel (vicino a Rouen) è noto per le sue guardie violente e razziste e la sua direzione che reprime tutti i movimenti di lotta. In questa prigione la cella d’isolamento viene regolarmente utilizzata per picchiare i detenuti.
Alla fine di aprile questo carcere è stato in parte incendiato dai detenuti dopo uno sciopero della fame violentemente represso.
Sabato scorso alcune guardie hanno picchiato un detenuto e lo hanno portato in isolamento (ne è uscito mercoledì 22 gennaio) perché aveva espresso solidarietà con un altro detenuto.  La sera, dei poliziotti incappucciati, con i cani, sono entrati nel centro per intimidire i reclusi. Da allora le violenze, le pressioni e gli insulti razzisti non si sono fermate.

Stasera, mercoledì 22 gennaio, i 42 prigionieri della sezione maschile del Cra di Oissel hanno iniziato lo sciopero della fame. Ecco il loro comunicato:

Nel centro di detenzione di Oissel (vicino a Rouen) la polizia è violenta e ci umilia ogni giorno. Provocano continuamente, ci dicono: “Abbassa gli occhi!” Il cibo è freddo e non è halal, anche se la maggior parte dei prigionieri sono musulmani.
Anche la prigione è meglio di qui. Alcuni di loro sono qui (in Francia N.d.T) da 10 o 20 anni e vengono messi in un centro di detenzione.
Da sabato è anche peggio. La polizia voleva di nuovo mettere un prigioniero in isolamento. Il suo amico si è opposto e hanno portato anche lui con violenza in isolamento. La sera c’era la polizia con cani e i cappucci nel centro per spaventarci.
Il prigioniero che era in isolamento è stato appena rilasciato. L’hanno picchiato, non può parlare più, ha lividi dappertutto. Gli occhi e le orecchie sono gonfie.
Ieri hanno rotto il piede di un altro detenuto. Continue reading

Posted in dalle Galere | Tagged , , , , , | Commenti disabilitati su Francia – Comunicato del 22 gennaio dei prigionieri del CRA di Oissel in lotta

CPR di Palazzo San Gervasio: in un video le persone recluse parlano della repressione e di una morte nel lager

Sei giorni fa è stato pubblicato da alcuni media un video ripreso dai reclusi dall’interno nel CPR di Palazzo San Gervasio, in provincia di Potenza. Si vedono persone arrampicate sui tetti della struttura e viene descritta la repressione della polizia con lanci di lacrimogeni. Due voci raccontano di una persona morta il giorno precedente nel lager:
“ieri è morto un mio amico qua“ e sullo sfondo si sentono le grida delle persone: “assassini, assassini!”.
Non è possibile risalire a quando è stato girato il video e non si trova nessuna notizia di questa protesta né di una morte nel centro.
Le due testate che hanno pubblicato il video nei loro articoli non fanno cenno a quanto detto dai reclusi riguardo questa morte.
Non sarebbe la prima volta però che un decesso all’interno dei CPR viene  tenuto nascosto.

Per le persone recluse nel CPR è estremamente difficile riuscire a comunicare all’esterno la situazione nel lager, raccontare delle loro proteste e delle violente repressioni delle forze dell’ordine. I loro telefoni vengono sistematicamente danneggiati dalle guardie al momento dell’ingresso nel CPR, per impedire foto e riprese. Non sono funzionanti nemmeno i telefoni pubblici che dovrebbero essere disponibili nel centro. Tuttavia ogni tanto qualche cellulare sfugge ai controlli.

A metà dicembre 2019 su alcuni giornali locali è girata la notizia che la Procura di Potenza aveva aperto un’indagine sulla gestione del centro. Sono indagati operatori della Engel Italia srl, la società che ha in appalto la gestione del centro, per “comportamenti illeciti che consisterebbero nella somministrazione inappropriata di farmaci tranquillizzanti e atti di violenza verso ospiti del centro”. Durante una successiva perquisizione sono stati trovati medicinali “la cui presenza non appariva giustificata da alcuna necessità terapeutica attuale”. E’ stato sequestrano anche un trapano, che serviva probabilmente a rompere le videocamere dei cellulari dei reclusi. Continue reading

Posted in dalle Galere | Tagged , , , , , , | Commenti disabilitati su CPR di Palazzo San Gervasio: in un video le persone recluse parlano della repressione e di una morte nel lager

Caltanissetta – Resistenze alle deportazioni nel CPR di Pian del Lago, a una settimana dalla morte di Aymen Mekni

Nel CPR di Pian del Lago è passata una settimana dalla morte del trentatreenne Aymen Mekni, il 12 gennaio scorso. Dopo la rivolta e l’incendio con i quali gli altri reclusi sfogarono la rabbia per la mancanza di cure che ha portato a questa morte, una cappa di silenzio è nuovamente calata sul lager. Non si conoscono i risultati dell’autopsia, che si dice saranno disponibili solo tra un mese, e la salma di Aymen pare sia stata già restituita alla famiglia.
Come da prassi consolidata, le autorità cercano di accelerare le deportazioni, in modo da allontanare dei possibili scomodi testimoni. Già il giorno successivo una o due persone erano state portate via.

Ieri lunedì 20 gennaio è arrivato al CPR un funzionario dell’ambasciata del Gambia, per la procedura di riconoscimento di 5 connazionali reclusi nel lager, propedeutica alla deportazione. I 5 però hanno cercato di resistere, lanciando oggetti e suppellettili, come riporta un giornale locale. A questo punto contro i 5 si sono scagliati ben 20 agenti in tenuta antisommossa, costringendoli a sottoporsi all’audizione.

Il venerdì precedente un parlamentare di LeU aveva visitato il centro di detenzione, rilasciando una dichiarazione in cui si chiedeva la chiusura del CPR “almeno fino a quando non saranno eseguite tutte le opere necessarie per rendere idonea la struttura”.  La solita sinistra di governo favorevole ai lager, solo un po’ più idonei… Sabato scorso si era poi tenuto un presidio davanti al CPR organizzato dalla Rete antirazzista catanese.

Il campo di concentramento è ancora pesantemente danneggiato dopo la rivolta di gennaio e quelle del settembre e ottobre 2019 . La maggior parte degli infissi delle finestre, muri di separazione, arredi e bagni sono andati distrutti, ed è in corso un bando per la progettazione dei lavori di ristrutturazione e ampliamento, dell’importo di 852.000 euro, che scade il 30 gennaio 2020.
L’intenzione è di portare la capienza dagli attuali 96 posti ufficiali a 144. A causa degli incendi attualmente delle parti sono inagibili, i posti sono ridotti a 72 e al momento sono recluse circa una settantina di persone, alcune costrette a dormire nei locali della mensa.

Posted in dalle Galere | Tagged , , , , , , , | Commenti disabilitati su Caltanissetta – Resistenze alle deportazioni nel CPR di Pian del Lago, a una settimana dalla morte di Aymen Mekni

Bologna – Dopo l’assassinio a Gradisca, oggi in piazza contro i CPR

Riceviamo e diffondiamo. Per scriverci: hurriya [at] autistici.org

Bologna, martedì 21 gennaio ore 18.30, piazza di Porta Ravegnana.
Perché l’ennesima morte di stato non passi sotto silenzio!

Posted in Appuntamenti, dalle Galere | Tagged , , , , | Commenti disabilitati su Bologna – Dopo l’assassinio a Gradisca, oggi in piazza contro i CPR

Gradisca – I compagni di prigionia raccontano dell’omicidio di stato nel CPR. Oggi presidio solidale

Lo stato ha ucciso ancora nel lager di Gradisca d’Isonzo.
Le persone recluse, che dall’apertura del nuovo CPR ogni giorno lottano per riconquistare la libertà, sono riuscite coraggiosamente a informare l’esterno di questa morte, raccontando con le loro voci e mostrando un video quanto avvenuto.

Oggi domenica 19 gennaio alle 14.30 si terrà un presidio solidale davanti al CPR.

Di seguito riportiamo le testimonianze audio e video raccolte dall’Assemblea No CPR e No Frontiere FVG.

 

TRASCRIZIONE

“Suo telefono si è perso, lui non ricordava dove ha lasciato. Da li hanno cominciato a picchiarlo, loro volevano mandare tuta gente dentro le camera, lui insisteva nella ricerca del suo telefono, da li hanno cominciato a picchiare con il manganello aveva tutto il corpo rosso proprio di lividi.
Ecco da lì li hanno portato nel corridoio, quando arriva vicino al suo modulo per rientrare lui non voleva perché era un ragazzo basso e robusto: aveva la forza. Da li lui ha di uno della guardia di finanza e non voleva e hanno cominciato a picchiarlo di nuovo gli hanno buttato dentro e lui con la rabbia ha preso un pezzo di ferro ha tagliato un po’ allo stomaco, non lo hanno portato all’ospedale, domani mattina quando lui sveglia ha cominciato a fare di nuovo casino perché sentiva male al corpo per quel manganello che le ha presa tutte quella sera li.
Poi mattina le ferite le faceva male si da li sono entrati e hanno picchiato di nuovo di nuovo di nuovo dopo venuto direttore e portato in infermeria dopo neanche venti minuti ed è tornato ed è rimasto con noi un attimo e poi è andato a dormire poi quando ha svegliato si il giorno dopo mattina sono venuti e hanno detto per dire oggi deve partire in bus per andare via, lui prese tutte sue cose ed è andato via con lui tutta la giornata, la sera verso 8 lo hanno portato hanno detto che non ha voluto andare perché aveva tanti brividi e hanno avuto paura di mandarlo in quel modo li al paese suo sarebbe un casino lì , nessuno avrebbe accettato avrebbe voluto capire cosa era successo: lo hanno portato indietro.
Rimasto per due giorni e lui sentiva male e chiavava “aiuto aiuto!” perché usciva sangue può darsi qualche vetri rimasto dentro lo stomaco non sappiamo , da li lui ha cominciato di nuovo a spaccare degli specchi davanti a loro, e lì ci stava un altro ragazzo da dietro, e la polizia hanno detto a quel ragazzo dietro di buttare un pezzo di ferro fuori, e quando lui si è girato ha visto che l’altro ragazzo stava buttando fuori i vetri che lui usava a spaccare e lì ha cominciato a litigare con lui. Da lì che la polizia hanno aperto la porta e sono entrati dentro. Quando sono entrati dentro hanno aperto la porta. lo hanno messo in mezzo, quanti erano.. 8 lui in mezzo circondato da 8 poliziotti. D’improvviso quando lo hanno attaccato al muro uno di loro gli è saltato addosso di forza e lui da lì la testa gli è caduta e ha sbattuto al muro (la testa è caduta ed ha battuto il muro) un muretto quello che ci sediamo s,. tipo una scaletta.
Noi posso testimoniare ovunque dovunque perché era uno di noi. Da li uno dei poliziotti ha messo i piedi al collo piedi sul collo un altro alla schiena da li lo hanno ammanettato e lo hanno portato via, circondato da loro. Noi non riuscivo a vedere bene da che parte il sangue usciva da li lo hanno portato via e fino ad oggi non lo hanno portato più indietro, abbiamo cercato di chiedere delle botte lui ci ha denuncia , “lui è stato denunciato” , “domani lo mandiamo al tribunale” , non lo so “andrà in galera” sono queste delle cose che loro dicevano a noi. Oggi all’improvviso uno di noi è andato in infermeria da lì stavano parlando e non lo hanno accorto di quello che li stava dietro e hanno detto che il ragazzo è morto questo qua è venuto da noi e ha detto che “il ragazzo è morto”. Noi abbiamo cominciato a chiamare loro per avere più informazioni nessuno è venuto da noi fino ad adesso a dire niente noi abbiamo chiamato poi al paese suo, a sua moglie.
Continue reading

Posted in Appuntamenti, dalle Galere | Tagged , , , , , | Commenti disabilitati su Gradisca – I compagni di prigionia raccontano dell’omicidio di stato nel CPR. Oggi presidio solidale

Claviere – Sulla giornata in frontiera del 12 gennaio

Fonte: Passamontagna

Domenica 12 gennaio un gruppo di nemici delle frontiere si è trovato a Claviere, ultimo paesino italiano prima del confine francese. Facendosi largo tra le numerose guardie e camionette di celerini presenti, si è messo un pò di traverso nella cittadina militarizzata – che normalmente si vuole paesaggio da cartolina – a dare volantini e fare qualche intervento. Poi è partito in corteo.

Sulle piste ha continuato a fare interventi fino a raggiungere il paesino di Monginevro, dove la gendarmerie era schierata sui sentieri a difesa delle seggiovie.
Infine si è preso la strada e si è tornati in corteo in Italia, disturbando per una volta la falsa tranquillità di queste zone.
Si è così voluto sottolineare la complicità dei comuni di Claviere e Monginevro nella dinamica assassina della frontiera, così come la collaborazione di alcune aziende (come Resalp, la rete di pullman che collega Oulx a Briançon) e imprese del turismo nella delazione e nella caccia all’uomo quotidiana su queste montagne.

Gli stessi sentieri usati dagli sciatori della via lattea d’inverno,  e dai giocatori di golf d’estate sono infatti utilizzati da chi non ha i “giusti” pezzi di carta per attraversare questa frontiera. Le parole d’ordine delle guardie così come delle imprese del turismo che speculano su questi territori di montagna sono di invisibilizzare e reprimere tutto ciò che turba l’immaginario paradisiaco di queste cittadine, arrivando a effettuare una caccia all’uomo costante.

Qui sotto i volantini distribuiti

 

Contro ogni frontiera!

Audio della corrispondenza sul corteo:

QUI ALCUNI DEI VOLANTINI DISTRIBUITI DA SCARICARE

——————————————————————-

CONTRO LE FRONTIERE E CHI LE SOSTIENE Continue reading

Posted in dalle Frontiere | Tagged , , , , | Commenti disabilitati su Claviere – Sulla giornata in frontiera del 12 gennaio