UK: detenute di Yarl’s Wood punite per un’azione di solidarietà contro le deportazioni

Fonte: rabble.org 

yarlswoodwomen

Tratto da Movement for Justice

Anna Rjabova e Lillija Jezdovska sono coraggiose combattenti per la loro libertà e per i diritti e le libertà delle loro compagne detenute nel famigerato centro di detenzione di Yarl’s Wood, vicino a Bedford. Giovedi 9 aprile facevano parte di un gruppo di donne dell’Europa orientale, dell’Africa e dei Caraibi che si sono riunite per bloccare fisicamente la deportazione di Lucy N, una vittima di tortura proveniente dal Kenya . Le donne si sono riuniti insieme, si sono sedute intorno a Lucy, hanno incrociato tra loro le braccia e hanno cantato.

Quel pomeriggio più di trenta “guardie” alle dipendenze della Serco (la società privata che gestisce Yarl’s Wood) si sono dirette nella stanza di Lucy, indossando protezioni antisommossa e armate con manganelli. È possibile ascoltare la registrazione del momento in cui le guardie sono entrate nella stanza e hanno trascinato le donne fuori : c’erano 3 guardie per ogni donna. Anna, Lillija e altre quattro donne sono state ammanettate e portate nell’ala Kingfisher , il blocco di isolamento all’interno di Yarl’s Wood.

Anna e Lillija sono state brutalmente picchiate sulle gambe con il manganello da una delle guardie, Jo Singh, contro il quale Lillija aveva già precedentemente sporto denuncia . Anna ha dovuto essere ricoverata all’ospedale di Bedford per il trattamento ricevuto Sabato. Hanno fatto altre denunce e hanno parlato agli ispettori carcerari attualmente in visita a Yarl’s Wood.

L’espulsione di Lucy è stata annullata e le altre donne sono uscite dal blocco di isolamento, ma Anna e Lillija sono rimaste detenute nell’ala Kingfisher ormai da una settimana. A Lillija è stato impedito di partecipare ad un’udienza per la cauzione prevista per lunedi. Mercoledì scorso gli è stato detto che saranno presto trasferite in un carcere. Il Ministero degli Interni e Serco si rifiutano di dire loro perché sono state separate dalle altre.

Anna e Lillija sono entrambe Lettoni di etnia russa e hanno vissuto in Gran Bretagna per molti anni. Lillija è sposata con un cittadino UE (Austriaco) e ha tre figli che vivono qui, di età compresa tra 7 e 17 anni. Entrambe hanno avuto condanne per taccheggio e hanno scontato la breve pena detentiva. Successivamente sono state spostate a Yarl’s Wood dove sono state detenute per quasi un anno . Di conseguenza la loro salute mentale è stata compromessa ed entrambe hanno una storia recente di autolesionismo.

Sono state condotte in carcere come un modo per coprire la brutalità delle guardie.

Sono state prese di mira per la loro resistenza ad un sistema di detenzione disumano e razzista, e per la loro solidarietà con gli altri detenuti di tutte le etnie.

Nota di Rabble: il Movement for Justice chiede di contattare i funzionari per chiedere il loro rilascio dalla prigione. Vedi qui per maggiori dettagli

Articolo precedente sulle lotte dei/delle migranti nei centri di detenzione in Gran Bretagna:

UK–Proteste dei/delle migranti nei centri di detenzione e solidarietà concreta all’esterno

 

 

This entry was posted in General. Bookmark the permalink.