Grecia: comunicato sulla manifestazione del 9 Maggio contro la recinzione di Evros

Traduzione da Mpalothia

Movimento Antiautoritario di Komotini : Comunicato stampa sulla mobilitazione contro la recinzione di Evros (09/05)

ev1

Lo striscione che apriva la manifestazione

Sabato 9 maggio, da Komotini, è partito un convoglio di circa 150 persone in direzione  del paese di Kastanidies, per effettuare la mobilitazione, pianificata da tempo, contro la recinzione a Evros.

Una volta partiti da Komotini , la polizia greca ha fatto sentire la sua presenza, con le jeep della OPKE (ndt: unità di prevenzione della criminalità ) a precedere e seguire il convoglio. Allo stesso tempo, ci hanno comunicato che il capo della polizia di Orestiada aveva ordinato il divieto di assemblea pubblica (è la prima volta da quando è in carica il nuovo governo) nel comune di Orestiada e nei villaggi circostanti.

A pochi chilometri da Orestiada sei blindati e centinaia di poliziotti hanno circondato e fermato il convoglio.

A questo punto poniamo le seguenti domande:

Una mobilitazione di 150 persone, non aggressiva, può compromettere ad un punto tale “la vita sociale ed economica di un paese e minacciare la pace sociale”, da giustificare il divieto di assemblea e manifestazione?

Perché per questa manifestazione lo Stato e il ministero dell’ordine pubblico hanno mobilitato oltre 200 uomini in uniforme, da tutto il Nord della Grecia?

Perché, in ultima analisi, lo stato adotta tattiche che ricordano quelle del periodo della dittatura, per evitare questa manifestazione?

Torneremo a questi interrogativi dopo aver completato la descrizione degli eventi.

ev4

Il corteo circondato dalla polizia

Nonostante il fermo dei nostri veicoli da parte della polizia, abbiamo proseguito a piedi il percorso e malgrado la pressione del capo della polizia di Orestiada (e poi del capo della polizia di Evros) , siamo rimasti lì rivendicando l’ovvio diritto di protestare.

La questione, ovviamente, non ha lasciato indifferente l’opinione pubblica e i media liberi e grazie ai loro timori riguardo il costo politico di queste decisioni e al nostro atteggiamento intransigente, siamo riusciti ad andare in corteo fino a Kastanies (vicino al confine) malgrado l’incessante pressione delle forze repressive. I veicoli sequestrati e le tre persone che erano state fermate per le stesse ragioni prima citate sono stati rilasciati.

Il corteo nei pressi della recinzione di Evros

Il corteo nei pressi della recinzione di Evros

Poi abbiamo manifestato con forza nella città di Orestiada in risposta all’attacco senza precedenti avvenuto il giorno prima, senza che ci fossero state provocazioni, quando con bastoni e minacce decine di agenti di polizia hanno aggredito degli studenti politicamente attivi in una taverna della città, cosa che aveva anche portato all’arresto di tre di loro.

Quindi, in conclusione, a giudicare dalla nauseante propaganda contro la mobilitazione che ha avuto luogo nella settimana precedente sui media locali ( e proprio come nei vomitevoli reportage dei media nazionali MEGA e ALPHA del 9/5) , dall’atteggiamento della polizia negli incidenti avvenuti a Orestiada l’8/5, dal divieto di manifestare, dagli arresti e dalla presenza di innumerevoli agenti di polizia, ci rendiamo conto che la mobilitazione contro la recinzione di Evros è stato un pugno nella pancia della macchina statale.

Sembra che anche se il governo ha cambiato colore politico la recinzione della vergogna sia rimasta un elemento importante dell’apparato statale, dal momento che viene utilizzato sia per controllare i flussi migratori sia per mandare agli oligarchi dell’Unione europea il messaggio che la Grecia resta fedele alla sua politica distruttiva ed omicida .

Centinaia di poliziotti a guardia della recinzione

Centinaia di poliziotti a guardia della recinzione

Noi dichiariamo che fino a quando rimarrà in piedi la recinzione di Evros, lo Stato greco sarà complice degli omicidi di migliaia di immigrati sulla costa mediterranea, nell’affondamento degli arrugginiti barconi dei trafficanti.

Ora spetta alla società e ai movimenti porre fine all’incubo dei confini insanguinati e dei campi di concentramento.

La speranza per tutti arriverà solo attraverso una lotta inflessibile .

Movimento Antiautoritario Komotini

This entry was posted in General. Bookmark the permalink.