Roma – Sabato 10/10 presidio al CIE – Venerdì 9/10 iniziativa a sostegno delle lotte

Sono stati/e chiamati/e rifugiati/e, clandestini/e, profughi… sono oggetto di calcoli politici ed economici, numeri da piazzare qua e là nei vari paesi europei. Oggetti da sbattere in prima pagina per raccontare una storia commovente e soprattutto oggetti su cui è possibile speculare, politicamente per attirare un pò di consenso, o economicamente, perchè per molti i flussi migratori sono una gran bella fonte di profitti.

Per noi sono delle persone, con delle vite, delle storie, dei corpi. Persone che per diverse ragioni, che non sta a noi sindacare, decidono di intraprendere un viaggio. A volte per scelta, spesso perchè costrette.

In questi giorni abbiamo visto le forze dell’ordine comandate dal governo, sgomberare il campo autogestito alla frontiera italo-francese a Ventimiglia. Lo sgombero ha comportato anche il trasferimento forzato di 20 persone nel Cara di Bari, campo d’internamento etnico per chi fa richiesta d’asilo in Italia.
Questa ennesima violenza di stato è avvenuta mentre come compagni/e impegnati/e nella lotta contro i CIE a Roma, abbiamo sentito l’urgenza di una discussione sulla violenza di genere nelle comunità in lotta, a seguito delle dichiarazioni, a firma del Presidio No Borders di Ventimiglia, sullo stupro di una donna nel campo autogestito. Riteniamo inaccettabile l’isolamento prodotto nei confronti della donna e la delega alle istituzioni di “fare giustizia” e determinare la veridicità della denuncia di stupro.

In Italia sono tanti i centri per la detenzione amministrativa in cui vengono sbattute queste persone, con varie sigle e diversi regolamenti. Per noi sono semplicemente prigioni. Il CIE di Ponte Galeria a Roma è uno di questi. Un luogo dove quotidianamente vengono rinchiuse ragazze e ragazzi, dove avvengono pestaggi, deportazioni. Nell’ultimo mese ne abbiamo viste tante, individuali e di massa, come abbiamo ascoltato i racconti di chi, lottando per la propria esistenza e la propria dignità, è stato/a pestato/a e umiliato/a da guardie e operatori che all’interno di questi centri lavorano con disumana impassibiltà.
Ma il CIE di Ponte Galeria, come altri, è anche un luogo dove nascono complicità e solidarietà, sia dentro che fuori, dove si lotta, dove si resiste. É per queste persone e per le relazioni create nel tempo che continuiamo ad andare sotto quelle mura, con regolarità e determinazione. E continueremo a farlo finchè ognuno di questi posti non verrà distrutto.

L’appuntamento è per Sabato 10 Ottobre ore 16 a stazione Ostiense per andare e tornare insieme con il treno. Dalle 17 in poi presidio solidale sotto le mura del CIE di Ponte Galeria.
Venerdì 9 Ottobre serata a sostegno delle lotte contro i CIE ore 19 sala da the Fronte del Porto, via del Porto Fluviale 18

This entry was posted in General and tagged , , , . Bookmark the permalink.