Sabotatori delle recinzioni alla frontiera dei Balcani

Traduzione da: Rabble

rab1Non appena i recinti di filo spinato sono stati eretti in tutta Europa, migranti e compagni hanno compiuto azioni dirette per abbatterli.

Durante le ultime azioni compiute, i compagni hanno attaccato il confine croato-sloveno. Di seguito alcune testimonianze raccolte da media mainstream.

“Sembrano vostri vicini, gente comune e studenti che in nessun modo sembrano diversi dagli altri. Ma solo durante il giorno. Quando arriva la notte, si vestono di nero, si calano il passamontagna sopra i loro volti e indossano i guanti. Prendono forbici adatte e si inoltrano nella notte, verso il confine con la Slovenia. Con un po ‘di fortuna, tornano con uno spesso rotolo di filo spinato e pubblicano le foto dei loro trofei sulla pagina Facebook di un gruppo che riunisce i “tagliatori di filo spinato anonimi”. L’iniziativa è stata avviata in Croazia, in Istria, e si è poi diffusa in tutte le zone di confine croate. Dopo una delle incursioni in Hrvatsko Zagorje, l’idea ha quindi attraversato il confine, riferisce Jutarnji List il 31 Dicembre 2015.

rab4I manifestanti su entrambi i lati del confine hanno iniziato pacificamente, decorando la recinzione con addobbi natalizi, giocando a pallavolo, appendendo striscioni con vari messaggi. Il compositore sloveno Matija Krecic ha anche eseguito un concerto “Christmas Morning” (con tre violini e un violoncello) accanto alla recinzione nella regione di Bela Krajina, ma tutte queste iniziative hanno avuto scarso effetto. A questo punto si è passati ad un azione diretta: non appena giunti in prossimità della recinzione di Matulji, i residenti hanno iniziato il taglio delle reti e la pubblicazione di foto souvenir.

Il gruppo che ha recentemente iniziato a fare incursioni simili nei pressi di Zagabria comprende un membro del Fronte dei lavoratori, un’organizzazione di sinistra radicale, che si batte contro la “dittatura del capitalismo e delle oligarchie di partito”. Lui raccomanda a chiunque desideri partecipare alle incursioni di individuare un campo recintato dal filo spinato, e ritornarci di notte con un gruppo di tre persone “, due che tagliano e un guidatore”.

“Dopo un quarto d’ora, il conducente raccoglie coloro che stavano tagliando. Il filo è molto pericoloso e bisogna pertanto utilizzare guanti spessi e pesanti. Ma almeno il filo non sarà in grado di ferire qualcun altro o impedire movimenti di qualcuno”, dice il tagliatore di filo spinato anonimo sulla pagina di Facebook che riunisce i tifosi con uno slogan: Tagliamo il filo! Iniziativa per la rimozione auto-organizzata delle recinzioni sui confini che dividono le persone, uccidono gli animali e ci portano indietro ai secoli bui della storia europea.”

rab2

Tutti gli attivisti sloveni sono andati lì dalla capitale slovena Lubiana: “Questa è la nostra quarta azione diretta. Il suono delle pinze che tagliano il filo mi allevia lo stress. Lo consiglio a tutti coloro che si sentono stressati” ha detto un giovane vestito di nero. Sulla sua testa c’era una telecamera GoPro collegata. Chiaramente, il video finirà su internet.

“Dopo che gli attivisti sono arrivati alle recinzioni, hanno iniziato a tagliare il filo spinato che è molto pericoloso. Si può rimanere impigliati con i vestiti e farsi dei tagli sulle mani. Quando gli animali vengono bloccati lì, sono condannati (nota di rabble: molti cervi sono stati uccisi dopo essersi impigliati nel filo spianto). Gli attivisti si aiutavano a vicenda per districarsi se qualcuno rimaneva bloccato nel filo spinato”

rab3

This entry was posted in dalle Frontiere, General and tagged , , , , . Bookmark the permalink.