Opuscoletto “Dietro il volto umano – Uno sguardo sul sistema Sprar”

Riceviamo e pubblichiamo. Per scriverci ed inviarci contributi: hurriya[at]autistici.org

La convinzione che i CIE siano dei veri e propri lager per immigrati diventa sempre più palese, nella similarità al carcere, nei detenuti rivoltosi che li distruggono, nella solidarietà rivolta ad essi dall’esterno e nei  differenti movimenti di opposizione ai CIE.
Per questo qualcuno prova a interrogarsi oltre il massimo esempio di detenzione amministrativa, per capire come gli altri dispositivi dell’accoglienza in Italia contribuiscano ad espandere la frontiera in tutti gli ambiti della nostra vita: per strada, per mare, vicino casa, ovunque…
A proposito, esiste un’altra convinzione, secondo cui ci sono luoghi migliori per l’accoglienza dei rifugiati in Italia.
«Luoghi migliori», senza mura, né recinzioni, né guardie; dove puoi uscire e rientrare, socializzare con altri, imparare la lingua e un lavoro, partecipare in laboratori creativi e imparare a vivere nella società.
Luoghi migliori dove buona parte di chi ci opera crede nel giusto che compie.
Luoghi migliori perché basati su un forte impegno sociale e umanitario.
Luoghi migliori, forse perché non è ancora abbastanza noto come questi giochino un ruolo importante nella divisione tra migranti buoni e cattivi, nella repressione e nello sfruttamento di chi, non potendo essere subito deportato in un CIE ed espulso, può essere utile per far ricchezza.”

Qui potete scaricare l’opuscolo.

This entry was posted in General and tagged , , , , , , . Bookmark the permalink.