Caltanissetta – In fiamme il CPR di Pian del Lago

Aggiornamenti del 18 dicembre.

Dopo la rivolta e l’incendio avvenuti la sera del 9 dicembre, 40 persone sono state deportate dal CPR di Pian del Lago lunedì 11 e altre 37 giovedì 14 dicembre, con i consueti voli programmati due volte a settimana dall’aeroporto Falcone-Borsellino di Palermo verso l’aeroporto di Enfida-Hammamet in Tunisia. Sono circa 1.000 i tunisini deportati quest’anno dall’Italia. Altre 5 persone, ritenute responsabili dell’incendio, sono state invece indagate per il reato di “devastazione e saccheggio” e recluse nel carcere Malaspina di Caltanissetta.
La struttura del CPR è ora vuota ed è stata chiusa per almeno due mesi, in attesa dei lavori necessari a ripristinare i 3 padiglioni abitativi presenti nel centro, tutti danneggiati dalle fiamme (qui un video dall’interno).


Aggiornamenti dell’11 dicembre.
Oggi in un’intervista il questore di Caltanissetta ha affermato che il CPR, danneggiato a causa degli incendi, non potrà recludere altre persone fino a quando l’amministrazione non provvederà al ripristino delle strutture. Il CPR sarà dunque evacuato completamente. Un primo gruppo di persone è stato già deportato in Tunisia (com’era già previsto).

Apprendiamo con gioia dai media locali che, dopo i tentativi di incendio di settembre e le proteste di ottobre, la rabbia dei reclusi nel CPR di Caltanissetta – Pian del Lago è esplosa nuovamente per rompere l’isolamento e il silenzio intorno a quel lager.
Sabato 9, in serata, alcuni detenuti hanno dato fuoco a parti del CPR, probabilmente per resistere a una imminente deportazione. A seguito dell’incendio, a cui pare essere seguito un lancio di oggetti verso gli operatori che cercavano di intervenire bloccando i reclusi, sembra ci siano stati ingenti danni alle strutture.
I media parlano inoltre di un recluso intossicato ma fuori pericolo, e non sappiamo al momento se e quali siano state le conseguenze repressive nei confronti dei reclusi.

Solidarietà a chi si ribella e distrugge la propria gabbia!

CondividiShare on FacebookTweet about this on Twitter
This entry was posted in dalle Galere and tagged , , , , . Bookmark the permalink.