Olanda – Nuova occupazione abitativa delle donne del collettivo “Noi siamo qui” ad Amsterdam

L’11 aprile 2018 ad Amsterdam alcune donne migranti, facenti parte del collettivo “Noi siamo qui” (Wij Zijn Hier – We Are Here), sono state sgomberate da un edificio occupato dove vivevano dal settembre 2016. Lo stesso giorno, hanno tenuto un presidio davanti al Municipio della città. Le autorità olandesi propongono da tempo, come unica soluzione, l’ospitalità esclusivamente dalle 21 alle 9 del mattino nei dormitori notturni BBB (Bread, bed, bath). Rifiutando questa soluzione, perché “siamo di nuovo in strada tutti i giorni alle 9.00, il che ci rende dipendenti e vulnerabili agli abusi”, hanno deciso di occupare, il 22 aprile, una nuova struttura, dei locali commerciali abbandonati. Il 27 maggio 2018, le 25 donne di “We Are Here” si sono trasferite collettivamente nell’edificio che hanno occupato in via Albinonistraat 5 , vuoto da molti anni.

Di seguito traduciamo dal sito di “Noi siamo qui” alcuni comunicati e analisi sulla loro storia e percorso di lotta.

Comunicato Le donne di “We Are here” manifestano contro lo sgombero.

Un gruppo di donne di WE ARE HERE manifesterà al Municipio di Amsterdam dalle 12.00 di mercoledì 11 aprile. Hanno vissuto in un edificio occupato nella Burgemeester Roëllstraat per un anno e mezzo, ma devono andarsene mercoledì. Perché non sanno dove passare la notte, vanno direttamente al municipio. Richiedono un’assistenza di 24 ore. Il BBB (letto, bagno e pane) che Amsterdam ora offre non è un’opzione perché è solo un’accoglienza notturna. Le donne sono poi per strada tutti i giorni alle 9 in punto. Questo rende le donne dipendenti e vulnerabili agli abusi. Non ricevono denaro dal comune di Amsterdam, nemmeno per le cure personali.

Non sono al sicuro per strada. Hanno bisogno di un tetto sopra le loro teste. Un tetto che altre città offrono sotto forma di BBB con supporto legale / sociale, vita e indipendenza in cui un piano per il futuro viene elaborato insieme.

Le donne provengono da paesi come l’Eritrea, l’Etiopia e la Somalia. Non hanno documenti; non hanno mai avuto documenti, gli sono stati sottratti o sono andati persi durante il viaggio. La ricezione 24 ore su 24 non è necessaria solo per la sicurezza. Se non hai documenti come rifugiato, devi in un modo o nell’altro dimostrare che sei quello che sei. Questo è impossibile sulla strada. Durante il soggiorno nell’occupazione a Roëllstraat le donne avevano iniziato a trovare le prove per ottenere i documenti. Tredici (!) di loro hanno ottenuto un permesso di soggiorno nel frattempo! Nell’occupazione a Roëllstraat hanno iniziato a seguire lezioni olandesi. È difficile seguirle se si è in strada.

Comunicato – Le donne di We are here occupano per la loro libertà

Domenica 27 maggio 2018, le donne del collettivo dei/delle migranti ‘We Are Here’ hanno preso possesso dell’edificio in via Tommaso Albinonistraat 5. Questo edificio era rimasto vuoto per molti anni. Dopo lo sgombero ad aprile dal precedente alloggio al Burgermeester Roëllstraat, era molto sentita la necessità di trovare nuovi spazi abitativi dopo 7 settimane senza casa. Il gruppo ha colto l’occasione per sottolineare l’urgenza di un alloggio aperto 24 ore su 24 e anche per chiarire cosa è necessario per realizzare una vera ospitalità.

Da ormai quasi 6 anni, “Noi siamo qui” lotta collettivamente per una diversa politica di asilo e una vita normale con i diritti umani fondamentali. ‘La situazione negli ultimi anni è costata molto a noi e tanti altri. Chiediamo quindi al futuro consiglio comunale di realizzare un’ospitalità di 24 ore su 24 al più presto possibile. Un rifugio di 24 ore in cui possiamo trovare la pace e la sicurezza necessarie e possiamo lavorare sul nostro futuro nella società olandese “, dice Raaho dalla Somalia.

Le donne di “Noi siamo qui” (dalla Somalia, dall’Eritrea e dall’Etiopia) vogliono sottolineare che vogliono contribuire a dare forma al rifugio di 24 ore. ‘È importante parlare con noi invece di noi’. C’è bisogno di input da parte delle persone a cui è destinato il rifugio, altrimenti non avrà mai successo. Sia per le persone senza documenti di residenza che sono state costrette a vagare ad Amsterdam per molti anni, che per la politica municipale, c’è molto in gioco per rendere questa nuova reception di 24 ore un successo. Per il gruppo, la ricezione su 24 ore significa un passo importante verso uno stile di vita più normale. Le donne chiedono al comune e alle autorità esecutive di avviare un sincero dialogo con loro. “Insieme possiamo risolvere la situazione che dura da troppo tempo”, dice Maria dall’Etiopia.

Una ricezione che porta a una tregua e a delle soluzioni, significa quanto segue:

• una buona assistenza legale nella procedura per ottenere il diritto di soggiorno.

• uno spazio abitativo indipendente con privacy e possibilità di cucinare da sole.

• una durata della ricezione volta a risolvere le situazioni individuali.

• nessuna telecamera e monitoraggio minimo del luogo.

• orientamento personalizzato, informazioni adeguate e chiarimenti.

• nessuna deportazione forzata.

• accesso all’assistenza sanitaria.

• accesso al mercato del lavoro.

• cittadinanza ad Amsterdam.

• le cosa che possiamo fare noi stesse, ci piace farle noi stesse; nessuna ospedalizzazione

Non è ancora chiaro quando si aprirà la ricezione sulle 24 ore. Il gruppo spera di poter vivere nel nuovo luogo per il momento e contatterà il proprietario per discuterne.

“Noi siamo qui” per rimanere. Le lotte e le occupazioni dei/delle migranti senza documenti.

“In Olanda, la nostra esistenza è strutturalmente negata. Ma questo non significa che non esistiamo. Siamo qui. Viviamo per strada o in rifugi temporanei. Viviamo in un vuoto politico e giuridico, un vuoto che può essere colmato solo dal riconoscimento della nostra situazione e dei nostri bisogni. Le nostre vite sono state sospese perché non abbiamo documenti, ma ci rifiutiamo di negare la nostra esistenza. Ci rifiutiamo di rimanere invisibili. Ci rifiutiamo di rimanere vittime. Chiediamo una soluzione strutturale per chiunque sia nella nostra situazione e per tutti gli altri che potrebbero trovarsi intrappolati nello stesso vuoto politico e giuridico. Chiediamo il riconoscimento della nostra esistenza. Chiediamo che la nostra esistenza sia riconosciuta nelle politiche e nelle leggi ufficiali. Siamo qui e resteremo qui (We Are Here Manifesto).”

Nei Paesi Bassi, il movimento “We Are Here” è stato uno dei primi tentativi di mobilitazione collettiva di un gruppo di migranti privi di documenti. Le persone coinvolte in questo movimento provengono da una varietà di paesi e vivono in un limbo giuridico e politico. Le loro richieste di asilo sono state respinte, ma non possono, non vogliono o non gli è permesso di tornare nei loro paesi di origine. Ciò è dovuto a una serie di motivi, che vanno da procedure burocratiche che non consentono loro di accedere allo status di rifugiato, o alle leggi internazionali che vietano ai Paesi Bassi di deportare persone in paesi specifici in cui la loro vita sarebbe in pericolo, o perché proprio i paesi di origine rifiutano di accettare il loro ritorno. In un sistema politico in cui il possesso di documenti di identificazione legittimi è una condizione fondamentale per l’esercizio della libertà, ogni aspetto della vita di un migrante senza documenti è considerato illegale.

In questo contesto, dall’inizio della loro mobilitazione, la strategia del movimento “Noi siamo qui” è stata quella di occupare piazze o edifici vuoti per vivere insieme, costruire reti di solidarietà tra i migranti e organizzare una lotta comune che permetterebbe loro di uscire dallo stigma implicato dall’etichetta legale di “migrante illegale”. Il movimento “We Are Here” ha iniziato la sua campagna nel settembre 2012, quando un piccolo gruppo di migranti privi di documenti si è stabilito nel giardino di una chiesa protestante ad Amsterdam. Questo è stato l’inizio di una grande mobilitazione che ha attirato centinaia di migranti privi di documenti e richiedenti asilo provenienti da tutti i Paesi Bassi.

Nel novembre 2012 il gruppo “We Are Here” occupava un cortile a Osdorp, un quartiere alla periferia di Amsterdam Ovest. Questo insediamento ha attirato molto sostegno dalla società civile, e sono diventati visibili sia nei media locali che nazionali. Dopo lo sgombero di questo campo, hanno occupato diversi edifici in diverse parti della città: una chiesa vuota ( (Vluchtkerk), uffici vuoti ( Vluchtflat, Vluchtkantoor, Vluchtgebow, Vluchttoren ), un edificio di proprietà del governo (Vluchtgarage), un ex ospedale e una scuola, etc. (Qui una cronologia di queste occupazioni)

In questi spazi i migranti privi di documenti hanno creato la possibilità di esercitare i loro diritti fondamentali invece di aspettare semplicemente che i loro diritti vengano concessi dal governo. Questi edifici occupati sono stati utilizzati dai migranti privi di documenti per l’alloggio, ma anche come centri sociali, culturali e politici, in cui gruppi diversi di persone possono incontrarsi e mobilitarsi per ulteriori azioni politiche. Infatti, negli edifici occupati dal gruppo “We Are Here”, sono emerse diverse attività: dibattiti, musica, danza, progetti educativi, informazioni legali e assistenza da parte di attivisti con esperienza in diritto migratorio, assistenza medica e creazione di reti di supporto. Poiché i migranti privi di documenti sono criminalizzati in ogni spazio della società europea, la creazione di questi progetti sociali e politici è stata un passo avanti nella lotta, poiché ciò di cui c’è bisogno non è solo un tetto per sopravvivere, non solo i diritti umani fondamentali, ma anche la possibilità di vivere una vita decente, che include la possibilità di socializzazione, comunicazione e svago. Con l’azione diretta in prima persona, il gruppo “We Are Here” è stato in grado di andare oltre gli atteggiamenti sociali e politici che li criminalizzano e che mirano a trasformare i migranti privi di documenti in soggetti paurosi e passivi.

In effetti, nei Paesi Bassi negli ultimi decenni, la situazione dei migranti privi di documenti è stata sempre più inquadrata come un “problema” che deve essere combattuto attraverso tecniche di sorveglianza e sicurezza più severe. Nel 1993 è diventato obbligatorio portare documenti di identificazione. Nel 1998 l’accesso ai servizi sociali è diventato dipendente dallo status di residenza, ed è diventato obbligatorio per il migrante collaborare con la propria identificazione e deportazione (Legge sull’identificazione e sul diritto ai benefit). Nel 2010 è diventato chiaro che il governo olandese intendeva affrontare il cosiddetto “problema dell’immigrazione” attraverso il diritto penale. Da allora, i migranti privi di documenti trovati sul territorio olandese ricevono una notifica per lasciare i Paesi Bassi entro 48 ore. La violazione di questo divieto comporta la reclusione nei centri di detenzione per stranieri per un periodo fino a sei mesi.

I centri di detenzione per stranieri non dovrebbero avere obiettivi punitivi, piuttosto sono stati costruiti con l’obiettivo dell’identificazione. Tuttavia, nei Paesi Bassi, come nella maggior parte degli altri paesi europei, il modo in cui sono organizzati, il modo in cui funzionano e le regole che li governano li rendono simili a una prigione. Per questo motivo i migranti privi di documenti sono letteralmente trattati come criminali. Tuttavia, contrariamente al normale sistema carcerario, i detenuti dei centri di detenzione per stranieri non hanno accesso al sistema giuridico: non vi è alcuna causa giudiziaria o procedura per stabilire la durata della “prigione”. Le persone vengono trattenute fino a nuovo avviso, che può essere di giorni, settimane o mesi. Le informazioni sul loro procedimento e status sono spesso in lingue che non capiscono. Il contatto con l’esterno è vietato, e i visitatori sono ammessi in circostanze molto restrittive. Il trattamento è austero, le stanze sono spesso sovra-popolate e la tendenza al suicidio, all’auto-lesionismo, agli attacchi di panico e ad altri problemi psichici è molto alta. Nonostante le normative europee, non solo gli adulti, ma anche i minori sono detenuti per lunghi periodi. Attualmente, mentre i movimenti no-border sfidano l’esistenza di queste istituzioni, si stanno costruendo nuovi centri per detenere e deportare famiglie con bambini, come il centro di detenzione per stranieri a Zeist .

Dopo la detenzione, i migranti privi di documenti possono essere deportati o gettati in strada con l’imperativo di lasciare il paese di propria iniziativa. Molti non se ne andranno e rientreranno nel limbo di “irregolarità”, invisibilità e sfruttabilità, sotto la minaccia di essere scoperti dalle autorità e di essere reclusi ancora una volta. La produzione per vie legali di persone irregolari è una tecnica politica per ottenere soggetti governabili e sfruttabili, al di fuori della responsabilità del governo. Infatti, mentre il concetto di “illegale” nei sistemi giuridici occidentali tende a riferirsi a specifici atti o pratiche, l’etichetta del migrante illegale investe la propria intera vita, corpo e soggettività. Questa condizione comporta la completa esclusione dal sistema dei diritti, dal “diritto di avere diritti” e dall’accesso a bisogni di base come le cure mediche, l’alloggio e l’istruzione. Al tempo stesso, questi soggetti sono governati da leggi severe, minacce di deportazione e reclusione in centri di detenzione per stranieri.

Risposte del Governo

L’occupazione a scopo abitativo nei Paesi Bassi era tollerata, ma nel 2010 è diventata illegale. Inoltre, come discusso sopra, la legge è per definizione contro le persone irregolari, specialmente quando per sopravvivere devono intraprendere azioni criminalizzate come lo squatting. Tuttavia, l’equilibrio tra la legge e gli interessi delle autorità urbane si è nel tempo spostato, secondo l’agenda politica del momento. Mentre in alcuni casi il sindaco ha sfrattato brutalmente gli edifici, in altri casi le autorità hanno deciso di non intervenire con la legge penale come farebbero con gli squat regolari, e hanno cercato di negoziare e trovare un accordo temporaneo tra il proprietario e gli occupanti. In effetti, il movimento è riuscito ad attirare l’attenzione politica e sociale: sotto questa pressione, i negoziati hanno funzionato come uno strumento per tenere sotto controllo il movimento, per mantenere un canale di comunicazione aperto e per ridurre il conflitto. Il sindaco non ha perso l’occasione di utilizzare i negoziati per monitorare e registrare i rifugiati coinvolti. Ha richiesto una lista dei nomi e delle nazionalità dei 159 migranti coinvolti; tale lista serviva principalmente gli interessi dello stato nell’individuare, registrare, individualizzare e osservare i rifugiati coinvolti. Nel complesso, mentre l’obiettivo di “Noi siamo qui” è stato sia stare insieme che essere visibili, il governo ha risposto cercando di spezzare il gruppo, separarli, offrire le cosiddette “soluzioni” che avrebbero portato alla divisione del gruppo e col tempo alla sua dissoluzione.

In risposta a questa prima occupazione, il sindaco di Amsterdam, Van der Laan, si offrì di trasferirli in un campo di accoglienza per richiedenti asilo per l’inverno. Il gruppo ha rifiutato questa offerta perché non volevano essere separati gli uni dagli altri, e perché volevano continuare a protestare fino a quando non avessero trovato una soluzione stabile, non una sistemazione temporanea. Come conseguenza dei negoziati falliti, il Sindaco emise un’ordinanza di sgombero del campo di Osdorp “a causa di problemi di sicurezza”. Lo sgombero è avvenuto a dicembre, il mattino presto. Un gruppo di attivisti e solidali che stavano bloccando l’accesso al cancello del cantiere sono stati violentemente allontanati dalla polizia, mentre tutti i migranti sono stati arrestati e il campo di protesta è stato smantellato. La stessa notte la maggior parte dei migranti è stata rilasciata dalla polizia, in mezzo al nulla, al freddo, senza un posto dove andare.

Due giorni dopo lo sgombero del campo, un folto gruppo di squatter ha supportato i migranti nell’occupare una chiesa abbandonata ad Amsterdam Ovest (la cosiddetta Vluchtkerk), dove sono riusciti a rimanere per più di 6 mesi, grazie a un accordo con il proprietario. Da allora, la collaborazione tra il gruppo “We Are Here” e il movimento degli squatter è diventata più intensa, e vari edifici sono stati occupati e in seguito sgomberati. Il 31 maggio 2013, il gruppo, ora composto da 180 migranti, occupava un edificio vuoto adibito a uffici, di proprietà della società immobiliare De Key: il Vluchtflat, in via Jan Toorop 29. L’edificio è stato sgomberato il 30 settembre.

Anche in questa occasione, il ministro degli affari esteri Teeven ha dichiarato che i migranti avrebbero potuto trovare rifugio nel centro di accoglienza per richiedenti asilo a Ter Apel, ma il gruppo “Noi siamo qui” ha risposto che questa non era considerata una soluzione. In effetti, è subito emerso chiaramente che, in risposta alla loro mobilitazione, i politici hanno iniziato a definire e trattare i migranti privi di documenti non solo come criminali ma anche come vittime. Questo atteggiamento ha condotto a discorsi del tipo “dovremmo fare qualcosa al riguardo e chi se ne importa di quello che vogliono”. L’approccio ai migranti come vittime vulnerabili esclude la loro capacità di articolare le loro opinioni e i loro pensieri, e porta ad un approccio paternalistico nei loro confronti che li rende dipendenti dalla carità o dai progetti governativi. Questo modo di affrontare la questione differisce dal quadro che definisce i migranti privi di documenti come un “problema di sicurezza”, ma lo ha ridefinito come “emergenza umanitaria” e ciò ha portato a proposte di progetti volti a risolvere a livello individuale il problema percepito: e cioè sostenere i migranti con strutture di base per la sopravvivenza e mantenerli sotto il controllo governativo, piuttosto che affrontare il quadro più ampio e sfidare il modo in cui il sistema generale di diritti e privilegi ricorre a frontiere, documenti e cittadinanza.

Dopo aver rifiutato l’offerta dal Sindaco, il gruppo “We Are Here” occupa un altro edificio nel cuore della città, proprio di fronte al Rijks Museum: il cosiddetto Vluchtkantoor, di proprietà della società farmaceutica tedesca Bayer. Il Natale si stava avvicinando, la città si stava riempiendo di turisti e lo spettacolo della lotta dei migranti senza documenti doveva essere posta nell’ombra. Per evitare di danneggiare l’immagine di Amsterdam come città della libertà e della tolleranza, il sindaco ha cercato di sgomberare l’edificio il più rapidamente possibile. Al fine di evitare l’escalation, la protesta visibile e la cattiva pubblicità, ha promesso un’alternativa per l’intero gruppo: un rifugio per 6 mesi in un carcere abbandonato sulla Havenstraat, a condizione che ogni immigrato privo di documenti cooperasse con la propria deportazione nel paese di origine. La maggior parte dei membri del movimento stavano per rifiutare l’offerta, dato che una sistemazione in un ex carcere con accesso limitato e un rigido monitoraggio delle loro attività non è stato considerato un risultato accettabile per la loro lotta.

Tuttavia, di fronte alla minaccia di essere gettati nelle strade nel mezzo dell’inverno, e di essere immediatamente sgomberati se occupavano ancora un altro edificio, il gruppo alla fine accettò l’offerta e lasciò volontariamente il Vluchtkantoor. Solo dopo che l’accordo fu firmato da tutti i membri del gruppo, il sindaco chiarì che l’offerta non era valida per tutti ma solo per coloro che erano già presenti nell’elenco nella primavera del 2013. Tuttavia, da allora, la composizione del movimento era stata soggetta a molte variazioni. In questo modo, il sindaco riuscì finalmente a dividere il gruppo e la loro schiera di solidali: quelli della lista furono nascosti nell’ex carcere e l’altra metà furono lasciati in strada. Ancora una volta era dicembre, e ancora una volta le autorità avevano semplicemente chiuso un occhio su questa parte del gruppo e continuando a congratularsi con se stessi per aver fornito una soluzione per l’altra metà.

La parte del gruppo che è rimasto nelle strade ha iniziato regolari proteste di fronte al Comune, nelle strade e di fronte alle associazioni per i diritti umani. Quando il gruppo ha occupato l’ingresso del municipio, gli è stato detto che era illegale e che sarebbero stati arrestati. Quando hanno affermato che si sarebbero accampati di fronte al municipio, gli è stato detto che anche questo era illegale e che sarebbero stati arrestati. Quando hanno detto che avrebbero dormito lungo le strade, hanno ricevuto la stessa risposta. Il governo ha semplicemente ignorato il problema e ha aspettato che i solidali trovassero una soluzione alternativa. Attraverso i gruppi di sostenitori, i migranti sono riusciti a trovare alloggi temporanei nelle chiese e negli squat già esistenti. Fu solo dopo due settimane in movimento che il gruppo riuscì a occupare un edificio di proprietà del governo nella periferia della città (Vluchtgarage), dove sono riusciti a rimanere per più di un anno, anche se in condizioni di vita terribili. L’edificio era al di fuori della città, quindi abbastanza nascosto dai media e dalla visibilità pubblica: questo ha reso l’occupazione più facile da tollerare per le autorità municipali. Inoltre, l’edificio era di proprietà del Comune, il che lasciava ai governi locali più spazio per la negoziazione.

Pertanto, il governo ha usato il movimento degli squatter che sostiene i migranti privi di documenti come un servizio informale, che ha sollevato il Comune di un pesante carico sociale e politico. Le autorità municipali non vogliono gruppi di migranti privi di documenti per le strade e non vogliono fornire loro un riparo, poiché ciò comporterebbe un onere politico che devono evitare. Spesso, dopo lo sgombero di edifici occupati da migranti privi di documenti, la polizia ha incoraggiato il gruppo a occupare un nuovo posto. Inoltre, durante un procedimento giudiziario relativo alla mancanza di diritti umani fondamentali per i migranti privi di documenti, il giudice ha sostenuto che questi gruppi hanno accesso pratico al diritto a un tetto, e il movimento degli squatter sta fornendo loro un tetto. Così, mentre con una mano le autorità municipali hanno cercato di demotivare il movimento delle occupazioni dividendo il gruppo, sgomberando i loro edifici e usando la violenza sia fisica che simbolica, con l’altro mano hanno incoraggiato questa pratica, in quanto configurata come una soluzione pratica a un problema di cui dovrebbero occuparsi.

Immigrati senza documenti (e) attivismo politico

Mentre usa i gruppi di solidali come servizio informale, il governo criminalizza anche coloro che lottano insieme con i migranti privi di documenti. In Europa, le leggi contro il contrabbando, la tratta e i crimini organizzati vengono utilizzate per perseguire e condannare coloro che forniscono sostegno di base ai migranti senza documenti. In Austria, Germania, Italia, Francia e Paesi Bassi, sostenere o aiutare i migranti “irregolari” è considerato un crimine ed è spesso perseguito sulla base della legge sulla criminalità organizzata.

L’ultimo esempio in Olanda è una nuova legge in vigore dal 1 ° marzo 2014. Questa legge pone fine al diritto alla privacy domestica: quando la polizia, la polizia dell’immigrazione (IND), l’esercito o altre agenzie statali sospettano che c siano dei cosiddetti “alieni irregolari”, gli è permesso entrare in qualsiasi casa, perquisirla e arrestare le persone, senza alcun mandato. Le persone presenti possono anche essere perquisite, compreso il contenuto di borse e indumenti, la corrispondenza personale e altri dati personali come quelli presenti nei telefoni cellulari. Inoltre, la polizia è autorizzata a sottoporre a identificazione le persone per strada “sospettate di irregolarità” (per il proprio aspetto, o perché parlano una lingua straniera, per esempio), e arrestarle. Questo non è semplicemente uno strumento per criminalizzare i migranti e i solidali: nei Paesi Bassi, così come nel resto dell’Europa, la guerra alla migrazione viene usata come pretesto per sospendere i diritti, estendere i poteri di polizia, sorvegliare e controllare qualsiasi parte della popolazione che sta mettendo in discussione e minacciando la “normale gestione delle cose”.

I sostenitori dei migranti privi di documenti non sono semplicemente criminalizzati dalla legge, ma sono anche stigmatizzati dai discorsi dei politici, che cercano di dividere i migranti privi di documenti e i loro solidali. In particolare, il sindaco di Amsterdam Van der Laan ha cercato di creare una differenziazione tra i migranti e quelli che ha definito “attivisti politici olandesi”. Nella sua dichiarazione, ha rafforzato i discorsi razzisti, sottintendendo che i migranti sono oggetti passivi, vittime o criminali e, in quanto tali, non sono in grado di azioni politiche. Van der Laan ha infatti affermato che mentre intende “aiutare i migranti entro i limiti di legge”, è contrario ai cosiddetti “attivisti politici olandesi” il cui scopo è quello di cambiare le leggi sulla migrazione. Secondo il sindaco, i cosiddetti “attivisti politici olandesi” hanno usato i migranti privi di documenti per perseguire la propria lotta contro il governo, mentre i politici sono disposti ad aiutare i migranti privi di documenti entro i limiti di legge. Questo è chiaramente un paradosso, in quanto le uniche leggi esistenti mirano a criminalizzare i migranti privi di documenti.

Creare un taglio così netto tra migranti e “attivisti politici” non è solo un modo per separare i gruppi, ma anche per depoliticizzare e vittimizzare il gruppo di migranti. In tutta Europa, i movimenti di migranti si stanno organizzando per protestare contro la negazione strutturale dei diritti di base, per ottenere visibilità e per contestare la criminalizzazione da parte delle autorità statali e europee. Quindi, i migranti sono essi stessi attivisti politici. Perciò non c’è una tale distinzione tra migranti e attivisti politici. L’unica distinzione esistente è quella tra persone con e senza documenti, una divisione creata da leggi europee, frontiere e discorsi xenofobi. La differenziazione tra chi ha documenti e chi no è l’eredità delle relazioni coloniali e il prerequisito per i rapporti di sfruttamento. Come tale, deve essere sfidato non solo affrontando la politica e la cultura perpetuate attraverso i confini, ma anche lottando nei campi delle nostre relazioni quotidiane. Da questa prospettiva, gli attivisti e gli squatter con i documenti non hanno semplicemente supportato le lotte dei migranti. Piuttosto, mirano a resistere alle relazioni di potere che producono le circostanze socio-economiche attraverso cui circolano i diritti e i privilegi dei cittadini con i documenti.

Tuttavia, queste lotte sono combattute da punti diversi di vista. Da un lato, per gli attivisti senza documenti l’obiettivo politico è quello di ottenere “documenti per tutti” e di essere inclusi nel sistema dei diritti. Ciò porta spesso a una modalità di lotta che conduce a negoziati con il governo, battaglie legali e compromessi politici. D’altra parte, per gli attivisti che hanno il privilegio di avere un documento e di avere accesso a questi diritti, l’obiettivo è spesso quello di creare un mondo con “nessun documento”, in cui la propria vita non è definita e limitata dal possesso o mancanza di documenti. Queste diverse strategie sono determinate da prospettive diverse, ma non si escludono a vicenda. Piuttosto, devono andare di pari passo per ottenere sia soluzioni a breve termine che trasformazioni a lungo termine del regime delle migrazioni e il sistema delle frontiere. Manifestare per le strade, impegnarsi in battaglie legali e occupare case non sta cambiando la situazione, ma questi sono piccoli passi e tattiche per aprire spazi comuni di contestazione, autonomia e solidarietà, dove la vita e le relazioni sociali non sono definite dal possesso di carte, e dove entrambi gli attivisti con e senza documenti possono cooperare e superare atteggiamenti criminalizzanti e vittimizzanti.

This entry was posted in dalle Frontiere, General and tagged , , , , , , , , . Bookmark the permalink.