Torino – Aggiornamenti e resistenze nel CPR di Corso Brunelleschi

fonte macerie

Si avvicina la fine di agosto con le ultime calure estive, le sbarre del centro di espulsione di corso Brunelleschi rimangono incandescenti, non solo per il sole battente ma anche per i fuochi di protesta che continuano ad essere accesi nelle varie sezioni. Pochi giorni fa nelle aree gialla, rossa e viola alcuni reclusi hanno appiccato degli incendi per dare sfogo alla rabbia che oramai si coagula attorno alle storie e ai problemi che di volta in volta qualcuno ha il coraggio di mettere sul piatto, rompendo la normalità dietro quelle mura. In questo caso ritorna l’insofferenza per il cibo scarso e indecente, inoltre un recluso è stato bellamente “truffato”, come ci dicono da dentro, poiché dopo aver scontato il massimo tempo di reclusione di sei mesi invece di vedersi aprire le porte del centro è stato tratto in arresto per resistenza a pubblico ufficiale e poi riportato dentro, vedendo azzerato il tempo di permanenza.

Tre ragazzi hanno tentato la fuga, tentativi che come abbiamo già detto sono quasi all’ordine del giorno. Continuano anche le espulsioni: proprio questa mattina tre reclusi sono stati svegliati per essere accompagnati in aeroporto, il terzo però ha deciso di opporsi tagliandosi le mani ed è stato lasciato cosparso di sangue dentro la sezione.

Infine rimane costante il problema delle cure, per chi è relegato all’ultimo gradino della scala sociale rimanere in vita è una battaglia costante e da dietro quelle sbarre essere portati in un ospedale è cosa rara.

macerie @ Agosto 29, 2019

This entry was posted in dalle Galere and tagged , , , , . Bookmark the permalink.