Francia – Rivolta nel centro di detenzione (CRA) di Mesnil – Amelot : incendiata una sezione!

Traduzione da: A bas les Cra

Le rivolte nei centri di detenzione continuano! Qualche settimana fa le prigioni per stranierx di Oissel e poi di Rennes sono state in parte distrutte dalle rivolte dei prigionieri. Lo scorso fine settimana nel CRA 2 del Mesnil – Amelot ha avuto luogo un’altra rivolta. Risultato: tutta la sezione 9 del CRA 2 è stata bruciata.
Dopodichè la prefettura si è data da fare per mettere in atto la repressione: deportazione violenta il giorno dopo l’incendio, trasferimento negli altri centri di detenzione, GAV, minacce di processi.
Sabato scorso, in molte città francesi (Sète, Marsiglia, Rennes, Toulouse e Parigi) hanno avuto luogo diverse mobilitazioni contro i centri di detenzione e a sostegno dei prigionieri di Rennes detenuti perché accusati di essere stati all’origine dell’incendio che ha distrutto la metà del centro.
Riportiamo qui le parole dei prigionieri del CRA di Mesnil e/o delle persone trasferite in seguito all’incendio:

“È stato di sera, tra le undici e mezzanotte. Tutti l’hanno visto. Sono venuti nella sala della televisione, hanno portato delle lenzuola e dei materassi. Alcuni volevano impedirlo. Ma non volevano sentire ragioni. Dopo ci siamo allontanati e tutto ha preso fuoco. Più tardi sono venuti i pompieri. Ieri sono stato messo in custodia cautelare (GAV), fino alle 3 o 4. Poi mi hanno trasferito in un altro centro”.
“Ti dico perché hanno fatto questo. Perché ci sono dei civili che ci trattano sempre male, che ci picchiano. Alcune volte, vengono presto la mattina e buttano fuori dalla sezione fino a mezzogiorno. Dicono che è per la pulizia, ma dopo il bagno puzza … è un casino, bisognerebbe esserci per credere! Il cibo… il cibo…. Ogni giorno ci danno del pesce. Un giorno era guasto il pesce. Anche l’acqua qui fa schifo. Non è fresca anche con il sole. Alcune volte, mentre siamo fuori vengono con le macchine di fronte alle recinzioni e accendono i fari. Per colazione, se non ti svegli alle 7 non hai diritto a niente.
Per l’infermeria, e la Cimade (un’associazione di solidarietà con le persone immigrate NdT.), capita di aspettare delle ore al sole. E’ per questo che l’hanno fatto! Aspetti delle ore al sole e poi ti dicono: “Bah è chiuso”.
“C’è stata un’espulsione, 3 trasferimenti negli altri centri, 1 o 2 trasferimenti nel CRA 3 (perché qui ci sono due centri)”.
“Prima di questa rivolta ci sono state altre lotte. Ce n’è stata una di una settimana intera, durante il Ramadan. Soprattutto i marocchini e gli algerini. Una settimana intensa! Non vedevamo neppure i medici, perché qui sono delle guardie non dei medici.
Ma questo sciopero non è servito a nulla. Le guardie sono diventate più violente, è stata dura per niente. Non ci hanno dato nulla, neppure la pulizia dei bagni. Poi, dopo l’incendio, hanno sgomberato tutto il blocco.
Ci sono dei Palestinesi e dei Libanesi qui, mentre c’è la guerra laggiù. E’ dura no?!
È il seguito della colonizzazione. Poi parlano dei diritti dell’uomo…
C’è una famiglia e dex bambinx. I genitori erano handicappati. Li hanno liberati, ma comunque li hanno messi dentro un centro di detenzione! Perché? Perché non avevano i documenti giusti”.
Io dopo l’incendio sono stato portato all’ospedale… a causa del fumo, lo sai, quando respiri il fumo è dura. Alla fine dei 3 giorni mi hanno riportato al centro…”

Per contattarci e per sostenere la lotta all’esterno: anticra [at] riseup.net.

Più informazioni su queste prigioni: abaslescra.noblogs.org e crametoncralyon.noblogs.org

Posted in dalle Galere | Tagged , , , , | Commenti disabilitati su Francia – Rivolta nel centro di detenzione (CRA) di Mesnil – Amelot : incendiata una sezione!

Milano – Sabato 29 giugno giornata al parco contro l’apertura del CPR

Fonte: Punto di Rottura

Giornata al parco contro l’apertura del CPR (Centro di Permanenza per il Rimpatrio)

Sabato 29 giugno dalle 14 alle 21, entrata del CAS di via Aquila (parco Forlanini)

Concerti
Banchetti informativi
Mostre
Cibo
Torneo di calcetto

 

LIVE SHOW:
Naby eco trio d’Afrique
Kido er secco
Tenpo rap pirata/olyo bollente
Killanation
Banda degli ottoni
Teppa – labotek
Mine – riot music sound

Porta la tua distro (e il tavolo)

***

Un lager per immigrati sta per riaprire a Milano

Nell’autunno 2019, il CPR di via Corelli a Milano dovrà riaprire. I Centri di Permanenza per il Rimpatrio sono lager in cui vengono rinchiusi gli emigranti senza documenti per essere poi deportati nei loro paesi d’origine. Si tratta di una segregazione su base razziale che utilizza pestaggi, psicofarmaci, stupri e violenze di ogni natura come strumenti di controllo dei reclusi. L’esistenza di queste strutture è inaccettabile.
Il CPR fa parte di un programma, in fatto di politiche sull’immigrazione, che parte da lontano con la legge Turco- Napolitano che istituì questo genere di reclusione amministrativa, recentemente riaggiornato con la legge Minniti-Orlando e infine ripreso dal governo Lega-M5S con un inasprimento in materia di odio razziale e guerra ai poveri.
L’applicazione della legge Salvini su sicurezza e immigrazione coinvolge chi non si conforma al sistema dominante, emigranti e non. L’introduzione di regole sempre più complesse per ottenere i documenti, il potenziamento della repressione e degli strumenti di controllo hanno lo stesso scopo: limitare la libertà di tutti e tutte e abbassare, fino a eliminare, il livello di conflitto.
Ricordando le lotte contro il CPR avvenute in passato e discutendo della situazione presente, vogliamo iniziare a organizzarci contro il nostro nemico comune.

Posted in Appuntamenti | Tagged , , | Commenti disabilitati su Milano – Sabato 29 giugno giornata al parco contro l’apertura del CPR

Tunisia – Giornata mondiale dei rifugiati celebrata con arresti e percosse

Traduzione da : Are You Syrious

Il 18 giugno le 75 persone a bordo della nave Maridive 601 (32 delle quali minorenni o bambini non accompagnati) sono potute sbarcare, dopo aver trascorso 18 giorni bloccate al largo del porto di Zarzis. Lo sbarco è stato permesso solo dopo che tutte le persone all’interno erano stata costrette ad accettare di essere deportate nei loro paesi d’origine (Egitto, Bangladesh, Marocco e Sudan), dai quali erano fuggite, il tutto con la complicità dell’UNHCR, il cui inviato speciale per la situazione nel Mediterraneo centrale, Vincent Cochetel, si è schierato a favore della decisione delle autorità tunisine e ha affermato che l’aspettativa di chi era rimasto a bordo della nave, per poter cercare protezione in Tunisia, era “irrealistica”. Tre giorni dopo, il 21 giugno, le prime 17 persone sono state deportate in Bangladesh.

La scorsa settimana, il 20 giugno, in occasione della Giornata Mondiale per i Rifugiati, un gruppo di rifugiati e richiedenti asilo ha tenuto una protesta pacifica davanti al centro di accoglienza dell’UNHCR a Medenine, dove vivono, per reclamare il ricollocamento in un paese europeo.

La manifestazione è stata accolta con una brutale repressione da parte della polizia tunisina, che ha sparato colpi di avvertimento in aria e gas lacrimogeni. Un totale di 30 persone sono state arrestate e, secondo quanto riferito, sono state picchiate nella stazione di polizia. Due giornalisti che stavano coprendo l’evento sono stati attaccati dalla polizia. La violenza della polizia è stata denunciata dal Forum tunisino per i diritti economici e sociali (FTDES).
Secondo quanto riferito, l’UNHCR ha pubblicato un comunicato stampa, incolpando i rifugiati per le proteste.
Un certo numero di persone sono ancora in detenzione, mentre i loro amici insistono sul fatto che “non hanno fatto nulla di male, non hanno agito in nessun modo ‘aggressivo’ e sono state vittime di percosse violente alla stazione di polizia”. Una persona è rimasta incosciente per diverse ore prima di essere rilasciata.

Posted in dalle Frontiere | Tagged , , , , , , , | Commenti disabilitati su Tunisia – Giornata mondiale dei rifugiati celebrata con arresti e percosse

Svizzera – Sciopero della fame al bunker di Camorino: una fiammata di dignità

Fonte: Csoa Molino

Da ieri, lunedì 24 giugno, almeno 30 persone rinchiuse nel bunker di Camorino (struttura di segregazione sotterranea della protezione civile, gestita dal DSS e dalla Croce Rossa Svizzera) sono in sciopero della fame per protestare contro le condizioni di vita all’interno del bunker.
Una fiammata di dignità, una pratica di resistenza attiva, da parte di chi vive in prima persona e sui propri corpi, l’inasprimento massiccio e continuo delle leggi e delle disposizioni di asilo. Leggi e disposizioni che malcelano una sempre più effettiva segregazione e disumanizzazione delle persone migranti.
Le condizioni nelle quali sono costrette a vivere tra le 50 e le 70 persone nel bunker sono già state ampiamente documentate e denunciate a più riprese, nella totale indifferenza delle istituzioni e dei responsabili diretti.
Ora, a distanza di un anno, con il ritorno del caldo estivo e il conseguente aggravamento delle condizioni di segregazione, la Croce Rossa impone ulteriori regole e restrizioni sulla libertà di movimento delle persone. Il tutto al solo scopo di continuare a pretendere «un approccio meno ostile» e «per il loro interesse».
L’unico approccio possibile è la chiusura immediata del bunker!
Perché gli «interessi» o i bisogni delle persone non possono essere stabiliti dall’arroganza colonialista e paternalista di istituzioni complici, artefici di politiche razziste e di pratiche xenofobe.
I sempre più frequenti gesti di rivolta e di resistenza contro queste strutture di segregazione (come la recente protesta nel centro di registrazione di Chiasso), dimostrano una volta di più la capacità di autodeterminazione e di ribellione di tutte quelle persone che un sistema di neoapartheid vorrebbe sepolte, invisibili e sottomesse.
Stiamo dalla parte di chi, con i suoi gesti, ci ricorda di restare umani.
Sosteniamo e solidarizziamo complici con le persone in sciopero della fame nel bunker di Camorino!
Sciopero come degna arma già adottata nelle carceri turche dalle/dai prigioniere/i curde/i e nei territori mapuche e ora intrapreso da compagne e compagni detenut* nel carcere dell’Aquila nel regime del 41 bis per opporsi alle vergognose condizioni detentive.
Ritroviamoci tutt* al presidio di solidarietà con le persone rinchiuse nel bunker di Camorino, stasera martedì 25 giugno dalle ore 19 a Camorino.

Libertà di movimento per ognun@!

CSOA il Molino

Riceviamo e diffondiamo il comunicato delle persone rinchiuse al bunker di Camorino:

Nuove leggi sconvolgenti e inaccettabili vengono introdotte ai rifugiati nel Canton Ticino, in Svizzera.

COMUNICATO DEI RIFUGIATI 

Il Cantone e la Croce Rossa stanno per imporre ai rifugiati una nuova legge che li costringe a lasciare il campo contro la loro volontà alle 6:00 del mattino e tornare alle 21:00.

Noi rifugiati abbiamo deciso di respingere questo ordine del Cantone perché sappiamo che ci stanno spingendo verso il muro in modo che siamo costretti a fare qualcosa fuori dagli schemi aprendo la strada alla Croce Rossa e al Cantone di deportarci dal paese. Questo non è altro che una semplice politica sporca che viene giocata con noi, rifugiati civili, e minacciati che stanno affrontando una persecuzione a casa.

Ci hanno già messo in uno stato di depressione. È ignoto che cosa vuole fare di più la Croce Rossa con noi? Il pensiero che attraversa le nostre menti è che sarebbe meglio prendere le nostre vite da soli piuttosto che essere perseguitati in modo disumano a casa, dove il Cantone sembra che ci vogliano mandare via.

Trovano sempre un nuovo modo di molestare tutti qui creando ostacoli e leggi e problemi spiacevoli. Ci hanno minacciato di chiamare la polizia. Ci minacciano e non ci lasciano uscire, non ci trasferiscono mai negli appartamenti. Se le molestie sono un crimine, allora perché è consentito contro i rifugiati in Svizzera?

Siamo stanchi del comportamento dello staff. Tuttavia, non faremo nulla di immotivato per danneggiare noi stessi o gli altri in modo che la Croce Rossa trovi una ragione per essere più dura. Abbiamo deciso di resistere a questa ingiustizia. Non usciremo dal campo seguendo questo orario forzato e imposto, anche se chiamano la polizia. Non stiamo facendo nulla di illegale. Ci sederemo in sciopero della fame, ci rifiuteremo di mangiare e protesteremo contro questa illogica imposizione di leggi insensate sui rifugi e seguiremo tutte le procedure pacifiche per evitarlo.

Chiediamo a tutti voi di prendere posizione con noi contro l’atto disumano del Cantone e la Croce Rossa.

New shocking and unacceptable laws are being introduced to refugees in the Canton of Ticino, Switzerland.

REFUGEE RELEASE

The canton and the Red Cross are about to impose a new law on refugees that forces them to leave the camp against their will at 6:00 a.m. and return at 9:00 p.m. Continue reading

Posted in Appuntamenti, dalle Galere | Tagged , , , , | Commenti disabilitati su Svizzera – Sciopero della fame al bunker di Camorino: una fiammata di dignità

Chiamata a resistere al confine franco-italiano. Necessità di sostegno all’Ex Casa Cantoniera di Oulx

Riceviamo e pubblichiamo. Per scriverci: hurriya [at] autistici.org

Chiamata a resistere al confine franco-italiano
Necessità di sostegno all’Ex Casa Cantoniera di Oulx

In un momento storico in cui la repressione è sempre più forte e la nostra capacità di azione sempre più limitata, sentiamo il bisogno di organizzarci meglio, cercando di ragionare insieme per reagire. Dalle lotte contro i CPR a quelle contro le retate, da quelle contro le deportazioni e il sistema di discriminazione e selezione delle persone, a quelle contro la repressione e il controllo dello stato e della polizia, la frontiera è ovunque. La condivisione di esperienze di lotta e metodi di azioni tra le diverse città e paesi è fondamentale.

Alla frontiera la situazione è in costante mutamento, ma sostanzialmente la stessa. La gente continua a cercare di attraversare queste montagne per raggiungere la Francia e altre parti d’Europa. La repressione della polizia è ancora presente e violenta. Di giorno, ai poliziotti piace vestirsi come escursionisti per fermare i migranti, di notte si nascondono nei boschi, spesso con binocoli termici e torce potenti, per sorprendere le persone che tentano di attraversare. Più volte hanno tirato fuori  le pistole minacciando di sparare alla gente se non si ferma.

E’ chiaro che la frontiera è un campo di addestramento per le forze di polizia e militari francesi per testare le loro tecnologie e tecniche repressive.

D’altro canto, aumentano l’alleanza e la cooperazione tra le forze di polizia italiane e francesi, così come la pressione su coloro che vogliono agire contro la follia delle frontiere.

Di fronte a tutto ciò, da diversi anni sono state messe in atto molte forme di solidarietà, resistenza e lotta. Luoghi di accoglienza e di lotta sono stati aperti nella regione di Briançon e nella Val di Susa. Le persone si stanno incontrando per cercare di rompere il sistema di controllo e selezione che è la frotiera (presenza in montagna, manifestazioni, blocchi, campeggi, Passamontagna, ecc….).

Tra questi luoghi, la Casa Cantoniera Occupata, spazio liberato a Oulx dopo lo sgombero del rifugio autogestito Chez Jésus a Claviere. Occupato a dicembre, è un luogo antirazzista, antisessista, antifascista, dove si combatte contro tutti gli autoritarismi, gli Stati, le loro frontere e le guardie che le controllano.  Oulx, crocevia obbligatorio sulla strada per la Francia, si trova a 10 km dal confine fisico. La Casa è un luogo autogestito per tutti coloro che vogliono organizzarsi contro il sistema delle frontiere, per chi vuole attraversarlo o distruggerlo.

Il rischio di sgombero rimane arbitrario, ma è sempre più presente. La casa è infatti una questione politica per le autorità italiane. Sorveglianza ed identificazione sono una quotidianità da parte della polizia italiana soprattutto alla stazione di Oulx, dove controlla i documenti di identità delle persone che passano il tempo alla Casa o che entrano in contatto con i migranti.

La stagione turistica estiva è alle porte, e sappiamo che gli interessi commerciali ed economici sono tra le priorità dell’ordine pubblico nella gestione delle frontiere. Non esiteranno quindi ad aumentare la repressione, a migliorare la sua logistica, a garantire che le miserie di una parte non ostacolino i privilegi di altri.

Qui, alla Casa Cantoniera occupata di Oulx, la lotta contro i confini è costante e continua, ma richiede sempre forze, idee ed energie aggiuntive.
Lanciamo un appello a tutti coloro che vogliono agire con noi ora e per tutta l’estate.
Al momento non siamo molto numerosx e ci sono molte cose da fare e a cui pensare.
Alla Casa, così come in altri luoghi di Briançon, c’è sempre spazio per dormire.
Se sai quando vuoi venire, faccelo sapere con un po’ di anticipo.
Non esitate a venire anche in gruppo e con la vostra auto: qui sono utili e preziose.
La comprensione del contesto  richiede tempo: è sempre meglio venire per almeno una o più settimane.

Nonostante tutte queste scintille, la frontiera non è ancora bruciata. Portate i vostri fiammiferi!

Per scrivere: info@passamontagna.info

Contro tutti gli Stati, tutte le frontiere e le divise che le proteggono.

APPEL A RESISTER A LA FRONTIERE FRANCO-ITALIENNE

Besoin de soutien à la Casa Cantoniera Occupata di Oulx Continue reading

Posted in Appuntamenti, dalle Frontiere | Tagged , , , , , | Commenti disabilitati su Chiamata a resistere al confine franco-italiano. Necessità di sostegno all’Ex Casa Cantoniera di Oulx

Torino – Inseguendo la chimera pt.5. Note a partire dall’operazione Scintilla

Fonte: Macerie

Dopo mesi concitati, nel tentativo di dare una degna risposta allo sgombero dell’Asilo e all’arresto di sei compagni e compagne, nel tentativo di mantenere viva la voglia di lottare in questa città, ci prendiamo ora il tempo di fare alcuni ragionamenti su questo teorema inquisitorio partorito dalla Questura, fatto proprio dalla Procura e avvallato da una GIP. Un teorema che per il momento non ha retto il primo impatto con il Tribunale del Riesame, dopo tre mesi sono infatti usciti dal carcere cinque compagni, ma che costringe ancora Silvia tra quelle mura e in condizioni di detenzione particolarmente afflittive.

A indagini ancora aperte vale la pena spendere sopra queste carte qualche parola, tra le altre cose perché contiene alcune indicazioni che sono il segno dei tempi su come costringere certi anarchici al silenzio, seppur non del tutto nuove. Già quindici anni fa infatti si poteva leggere in un libretto, dal titolo ‘L’anarchismo al bando’, di come le strategie repressive mirassero a “togliere agli anarchici ogni possibilità di agire in gruppi di più persone articolando anche alla luce del sole il loro intervento, proprio in quanto finalizzato all’insurrezione generalizzata”.

Questo lavoro di analisi uscirà a puntate, una alla settimana, che si concentreranno su alcune specificità dell’operazione Scintilla e della lotta contro i Centri di detenzione per immigrati. A scriverle sono alcuni compagni, alcuni imputati e indagati in quest’inchiesta, altri no, che nel corso degli anni si sono battuti contro la detenzione amministrativa.

Gli strumenti di lotta al vaglio

Si dirà forse una sacra banalità al cospetto dell’occhio avvezzo alle dinamiche repressive: le carte tribunalizie che reggono l’operazione Scintilla si basano su tesi che dicono tanto sulla visione del mondo degli inquirenti, nulla di decifrabile invece delle tensioni individuali, dei ragionameni discussi e degli strumenti utilizzati da tanti compagni e compagne che negli anni hanno ruotato intorno all’Asilo occupato.
Si correrà allora qui il rischio dell’ovvietà, valutandolo poco in confronto ad alcune considerazioni e pratiche che nelle lotte si sono impreziosite e che, arcane a qualunque sbirro di divisa o di toga, possano essere carpite solo da coloro i quali desiderano vedere distrutti gli assetti sociali che stanno alla base dell’oppressione.

Come scritto in precedenza, l’argomentazione accusatoria che dovrebbe reggere la tesi dell’associazione sovversiva (Articolo 270 Codice penale ottobre 1930) è basata sul monitoraggio della lotta contro i Cpr (furono Cie) dal 2015, ammettendo che la detenzione amministrativa è un dispositivo strategico dell’ordine democratico dello Stato, e che di conseguenza lottare contro questa significa sovvertire sostanzialmente una delle colonne che reggono la baracca. Parole di carta che nel loro essere esplicite, pane al pane e vino al vino, smontano senza rima le orpellose teorie sull’essenza della democrazia postulate dai cavalieri della costituzione italiana e dagli accademici internazionali della simbiosi sociale. E sebbene questo intercettare telefonate e chiacchiere da caffè da parte di solerti poliziotti politici avesse lo scopo principale di catturare quanto più possibile riguardo ai Cpr, giocoforza al vaglio delle indagini è passata una mole gigante di conversazioni, a volte amicali, a volte più strutturate, sul funzionamento della politica, sugli aneliti di rivolta, su teorie e analisi patrimonio del pensiero rivoluzionario degli ultimi due secoli, quest’ultimo interpretato (o per meglio dire, presentato) dai fini inquirenti come interamente farina del sacco di alcuni compagni, e non come un’eredità, certo vivificata nelle vite di tanti e tante, ma di certo non un’invenzione di sana pianta. Continue reading

Posted in General | Tagged , , , | Commenti disabilitati su Torino – Inseguendo la chimera pt.5. Note a partire dall’operazione Scintilla

Francia – Sabato 22 giugno mobilitazione nazionale contro i rastrellamenti, i lager per migranti (CRA) e le frontiere

In Francia è stata lanciata una mobilitazione per manifestare in tutto il paese davanti ai CRA, i centri di detenzione per le persone immigrate, sabato 22 giugno.
Sono previste iniziative a Parigi, Rennes, Sète, Tolosa, Rouen, Marsiglia e in altre città dove hanno sede i 22 lager per migranti chiamati CRA.

Di seguito la traduzione della convocazione del presidio di Parigi.

Traduzione da: A bas les CRA

Presidio contro i rastrellamenti, i lager per migranti (CRA) e le frontiere, sabato 22 giugno alle 15, place de la Chapelle (Parigi)

Nel momento in cui il centro di detenzione per persone straniere di Saint-Jacques-de-la-Lande, vicino Rennes, vive la seconda rivolta collettiva da gennaio, scoppiata al momento di un’espulsione forzata in occasione di un volo segreto (una decina di detenuti hanno bruciato dei materassi, facendo diminuire di 15 posti la capienza del CRA), il collettivo di sostegno alle persone senza documenti di Rennes propone di manifestare simultaneamente contro tutti i centri di detenzioni amministrativa (CRA) di Francia, sabato 22 giugno. Questa data corrisponde anche all’anniversario dell’incendio del CRA di Vincennes nel 2008, conseguenza di una rivolta collettiva scoppiata in seguito alla morte di un detenuto. Poiché queste rivolte mandano in fumo dei posti nei CRA, rallentando la macchina delle espulsioni, noi rilanciamo l’appello a sostenerle. Continue reading

Posted in dalle Galere | Tagged , , , , , | Commenti disabilitati su Francia – Sabato 22 giugno mobilitazione nazionale contro i rastrellamenti, i lager per migranti (CRA) e le frontiere

Egitto – Morte per negligenza medica in carcere, misure cautelari e repressione

Il 17 giugno scorso, l’ex presidente Muhammad Morsi è morto di infarto mentre assisteva all’ennesimo processo che lo vedeva imputato. Morsi era malato da tempo, in isolamento da anni, molto di rado riusciva a ricevere qualche visita. Nelle sue stesse condizioni ci sono migliaia e migliaia di detenutx politicx e comuni. I rapporti di El-Nadeem Center da anni segnalano decine di casi di persone che ogni mese da anni muoiono per negligenza medica dietro le sbarre del regime amico di Italia e Unione Europea.

Così ieri (19 giugno) le famiglie delle persone rinchiuse nel carcere di Borg al-Arab prima di andare ai colloqui hanno chiamato la direzione carceraria per accertarsi di poter entrare, tuttavia una volta sul posto si sono viste rifiutata l’autorizzazione a visitare i detenuti politici.

Alaa Abdel Fattah, dopo aver scontato 5 anni di carcere si ritrova a doversi consegnare ogni giorno per 5 anni, al commissariato di appartenenza, per passare 12 ore della sua giornata (dalle 18:00 p.m alle 06:00 a.m) rinchiuso in una stanza in isolamento, dormendo per terra, totalmente isolato dal resto del mondo. Continue reading

Posted in dall'Egitto | Tagged , , , , | Commenti disabilitati su Egitto – Morte per negligenza medica in carcere, misure cautelari e repressione

Claviere – Danneggiamento terreno da golf, contro ogni frontiera

Riceviamo e pubblichiamo. Per scriverci: hurriya [at] autistici.org

Domenica notte é stato danneggiato il campo da golf Internazionale tra Monginevro e Claviere, proprietà della Lavazza, con vernice e diserbante.
In solidarietà con Anna, Silvia, e tutt* le detenut*, che siano rinchius* in carcere, o nei CPR, e alle lotte di questo territorio.

Comunicato :

CONTRO OGNI FRONTIERA

Contro la Lavazza che devasta e profitta

Su un campo dove di giorno i ricchi giocano a golf

Mentre i migranti vengono inseguiti e respinti

Contro questa selezione che uccide

Contro ogni forma di reclusione

In solidarità ad Anna, Silvia e tutt* Le/i compagn* in sciopero della

fame.

Per la chiusura della sezione AS2 dell’Aquila

TUTTI e TUTTE LIBERE ! Continue reading

Posted in dalle Frontiere | Tagged , , , , | Commenti disabilitati su Claviere – Danneggiamento terreno da golf, contro ogni frontiera

Belgio – Rivolta nel centre fermé di Bruges: 14 persone messe in isolamento

Centre fermé Bruges

Venerdì scorso, 14 giugno, verso le 23 un gruppo di detenuti dell’ala B e C del centre fermé di Bruges si è rivoltato contro secondini e direzione.

Secondo quanto riportato dal blog Getting the Voice Out  la sera di venerdì una ventina di detenuti guardava una partita di calcio e aveva avuto l’autorizzazione della direttrice di poterla seguire fino alla fine. Nonostante questo, i secondini hanno deciso di impedirglielo. I detenuti hanno allora cominciato a protestare e la direzione ha subito chiamato la polizia. 20 robocops sono subito arrivati al centro e hanno arrestato e poi messo in isolamento 4 persone indicate dalla direzione come “capi”.

Due di loro, dopo 36 ore di isolamento sono stati trasferiti nel lager di Vottem.

Altre fonti parlano di 14 persone messe in isolamento durante tutta la serata. I compagni di cella non vogliono raccontare al telefono (o non hanno la possibilità di farlo) quello che è successo. Probabilmente sono stati messi sotto pressione dalla direzione.

Ancora una volta regna la censura e ciò rende impossibile sapere cosa succede in queste zone “senza diritto”. Continue reading

Posted in dalle Galere | Tagged , , , , | Commenti disabilitati su Belgio – Rivolta nel centre fermé di Bruges: 14 persone messe in isolamento