Spagna – Comunicato del sindacato dei venditori ambulanti di Barcellona dopo l’ultima retata poliziesca

Traduzione da: Tras la manta

Nel pomeriggio di ieri con il pretesto della “sicurezza” la Guardia Urbana (la polizia municipale di Barcellona ndt.) ed il Mossos de Escuadra (la polizia dello stato della Catalogna ndt.) hanno condotto una grande retata per arrestare, confiscare e multare i venditori ambulanti in Piazza Catalogna.

Alla luce di quanto accaduto il Sindacato popolare dei venditori ambulanti respinge con fermezza l’uso della polizia e le misure repressive da parte della Generalitat catalana e del Comune di Barcellona, che generano solo dolore, persecuzione e carcere per le nostre compagne e compagni che cercano solo di guadagnarsi la vita nel modo più dignitoso.

Ribadiamo, come in tutte le altre occasioni, che non siamo delinquenti, né ladri, né criminali, né violenti, che è come veniamo descritti dai media mainstream e dalle diverse amministrazioni, che sempre si mettono d’accordo per perseguitarci, in questo non hanno differenze.

Inoltre, anche se i media non lo raccontano, dobbiamo segnalare che queste operazioni sono sempre all’insegna di abusi, maltrattamenti e razzismo da parte degli agenti di polizia, che da molti anni hanno accettato l’idea che non siamo persone o esseri umani con dei diritti, e di conseguenza ci trattano come animali.

In questo momento stiamo raccogliendo informazioni dai nostri compagni per avere maggiori dettagli sul danno provocato.

D’altra parte rifiutiamo pubblicamente l’uso politico dei venditori ambulanti da parte sia della destra che della sinistra, per cercare di ottenere voti alle prossime elezioni, crediamo che sia immorale e non etico strumentalizzare i migranti poveri per i loro fini elettorali o per le loro lotte di potere, dove quelli che ci perdono siamo sempre noi, non lo permetteremo e lo denunciamo ogni giorno. Continue reading

Posted in General | Tagged , , , , , , | Commenti disabilitati su Spagna – Comunicato del sindacato dei venditori ambulanti di Barcellona dopo l’ultima retata poliziesca

Francia – Comunicato dal CRA n°2 di Mesnil Amelot: nei centri di detenzione la lotta si estende

Traduzione da: A Bas les CRA

Da alcuni giorni è iniziato uno sciopero della fame in due sezioni del CRA di Vincennes. La repressione degli scioperanti, le loro deportazioni o i loro trasferimenti verso altri CRA hanno quasi fatto cessare lo sciopero nell’edificio B2, mentre lo sciopero nella sezione A2 resiste ed è stato anche portato avanti da nuove persone all’indomani della manifestazione di solidarietà di lunedì sera!

 

Ieri siamo stati contattati dai detenuti del CRA 2 di Mesnil-Amelot che avevano appena iniziato lo sciopero della fame quasi all’unanimità!

Riportamo qui il loro comunicato e appello alla solidarietà:

Noi, reclusi del centro di detenzione amministrativa n° 2 di Mesnil Amelot (nei pressi dell’aeroporto Charles de Gaulle a Ile de France), abbiamo deciso prima della cena dell’8 gennaio di portare avanti uno sciopero della fame per almeno due giorni.

Abbiamo chiesto al CRA n° 3 e alla sezione femminile di fare la stessa cosa a partire da domattina.

Qui le condizioni di isolamento sono disastrose, il cibo è immondo; per andare in infermeria è necessario fare la fila e fa molto freddo a causa dell’inverno. Le infermiere sono arroganti e generalmente danno solo paracetamolo e quando hai qualcosa di rotto non ti bendano… ti danno solo una pomata. Continue reading

Posted in dalle Galere | Tagged , , , , , | Commenti disabilitati su Francia – Comunicato dal CRA n°2 di Mesnil Amelot: nei centri di detenzione la lotta si estende

Grecia – La polizia stupra due reclusi nel centro di detenzione di Petrou Ralli come rappresaglia per le proteste

Traduzione da: Athens Indymedia

Questa è una recente conversazione con una donna migrante che è stata detenuta nella prigione di Petrou Ralli per 3 mesi. Ci racconta la situazione terribile nella prigione. Per descriverla non ha voluto usare la parola “prigione” per Petrou Ralli, piuttosto la chiama “inferno”.

Sono una donna migrante che è stata reclusa a Petrou Ralli per 3 mesi. Le informazioni che condivido qui mi sono state riferite, mentre ero prigioniera, dalla moglie di un prigioniero che è stato stuprato dalla polizia.

A metà del novembre 2018, un gruppo di prigionieri, migranti, ha iniziato uno sciopero della fame per protestare contro la situazione a Petrou Ralli. Per almeno 4 giorni non hanno mangiato nulla, ma quando hanno realizzato che ai poliziotti non interessava niente, hanno interrotto lo sciopero della fame. Dopo pochi giorni gli stessi prigionieri in lotta hanno iniziato un altro sciopero della fame, contro il poco e terribile cibo che gli veniva dato in prigione.

Intorno al 20 novembre, nel settore Alpha 3 della prigione di Petrou Ralli, ovvero la sezione maschile, un poliziotto è stato picchiato in risposta alle condizioni brutali di prigionia.
Dopo questo episodio, le guardie hanno portato tutti i prigionieri, uno per uno, fuori dall’edificio e li hanno pestati duramente.
I due prigionieri accusati di aver picchiato il poliziotto sono stati costretti dalle guardie a togliersi tutti i vestiti e poi sono stati stuprati con i manganelli.

Ora non sono più nell’inferno di Petrou Ralli, sì è davvero un inferno. Mentre ero a Petrou Ralli pensavo che c’era una bella vita a aspettarmi fuori da quella prigione. Ma ora vedo la realtà e mi sbagliavo; sono senzatetto e sola in un altro inferno.

Posted in dalle Galere | Tagged , , , , | Commenti disabilitati su Grecia – La polizia stupra due reclusi nel centro di detenzione di Petrou Ralli come rappresaglia per le proteste

Francia – Nuovo comunicato dei reclusi in sciopero della fame nella prigione per stranieri di Vincennes

Traduzione da: A Bas les CRA

Continuano le lotte nel centro di detenzione per persone straniere di Vincennes. Il 14 dicembre scorso alcune delle persone detenute nel centro sono entrate in sciopero della fame chiedendo la liberazione di tutti i detenuti.

Il 3 gennaio 2019 i prigionieri hanno deciso di reagire per l’ennesima volta a una serie di deportazioni violente e nascoste, contro la violenza fisica e psicologica delle guardie.

Qui di seguito il comunicato dei prigionieri in lotta:

“Siamo i detenuti del centro di detenzione amministrativa di Vincennes nella banlieue di Parigi.

Chiediamo la liberazione di tutti i prigionieri, l’uguaglianza di tutti: siamo come tutti gli altri!

Oggi 3 gennaio 2019, noi, 27 detenuti del centro di detenzione (della sezione 2A) siamo entrati in sciopero della fame per domandare la liberazione immediata di tutte le persone.

Sappiamo che altre persone detenute, almeno in un’altra sezione, sono anch’esse in sciopero della fame (sembra siano almeno una quindicina).

Abbiamo tutti una storia differente, siamo lavoratori, studenti in Francia da poco tempo o persone che vivono qui da 20 anni. Abbiamo tutti il diritto di vivere qui, il posto in cui abbiamo dei legami. Tuttavia, noi siamo carcerati in questo centro di detenzione.

Se siamo in sciopero della fame è anche per denunciare tutto quello che succede in questa prigione.

In questi ultimi giorni ci sono stati tanti voli segreti e violenti. Degli “anziani” che stanno qui ci hanno raccontato che qui da anni la polizia è violenta.

Ci sono stati dei compagni malmenati e poi deportati incappucciati, imbavagliati e legati con lo scotch. Ci sono stati dei compagni che sono stati sedati e che si sono svegliati deportati in un paese dove non conoscevano più nessuno.

Le guardie non rispettano la legge che quando è contro di noi, anche quando legalmente dovremmo essere liberati spesso il giudice se ne frega e la polizia deporta lo stesso.

La polizia come sempre se ne frega, e lo stato francese la aiuta. Se lo stato non fosse d’accordo e chi ci guadagna non facesse soldi, tutto ciò non potrebbe funzionare.

Questo centro di detenzione è sporco, i bagni e le docce fanno schifo. Il mangiare è immondo.

Noi rivendichiamo:

–          La liberazione di tutte le persone prigioniere

–          Il rispetto e il trattamento degno, non siamo dei cani

–          La chiusura di questo CRA, che ha dei grossi problemi d’igiene.

–          Il rispetto dell’uguaglianza di tutte le persone

–          La fine delle violenze delle guardie

–          La fine dei voli segreti e violenti

–          Buon cibo

–          Un vero accesso alle cure

Se siamo in sciopero della fame, è perché quando abbiamo consultato le associazioni per denunciare tutto, ci hanno risposto che non c’è nulla da fare. Noi continuiamo il nostro sciopero domani e nei prossimi giorni. Noi facciamo appello alle persone fuori di sostenerci. Non ce la facciamo più ad essere trattati come cani.

I detenuti della sezione 2A”.

Solidarietà per i prigionieri di Vincennes!

Presto daremo altre notizie dei compagni in lotta.

Posted in dalle Galere | Tagged , , , , , | Commenti disabilitati su Francia – Nuovo comunicato dei reclusi in sciopero della fame nella prigione per stranieri di Vincennes

Il Sudan è in rivolta. Breve cronologia delle lotte

Da due settimane, un movimento di rivolta senza precedenti infiamma il Sudan contro la dittatura trentennale del criminale Omar al-Bachir e per la caduta del suo regime. Sulla scia dei movimenti popolari che hanno imperversano nel cosiddetto “mondo arabo” a partire dal dicembre 2010 senza mai spegnersi completamente, la rivolta sudanese raggruppa individui e gruppi lontani dai partiti politici. Sebbene tutto sia nato dalla contestazione di alcune misure economiche, gli obiettivi politici delle e dei manifestanti sono chiari e molto precisi. Gli slogan gridati nelle strade, nei villaggi e nelle città di tutto il paese inneggiano a “libertà, pace e giustizia”, “il popolo vuole la caduta del regime”, “vattene Bashir”, “la rivoluzione è quello che vuole il popolo”. Finora la repressione brutale del regime e delle sue forze paramilitari ha assassinato più di 40 persone. Non si contano i feriti e gli arresti. Tutto ciò non ha però fermato la popolazione che continua a prendere l’iniziativa e a sfidare il governo violando lo stato d’emergenza, il coprifuoco, la repressione.

È importante sottolineare la complicità italiana ed europea con il regime di Bashir e la repressione contro chi si ribella. I gruppi paramilitari conosciuti come Rapid Support Forces responsabili del genocidio in Darfur, utilizzati dai sauditi nella guerra in Yemen e successivamente nel controllo delle frontiere del Sudan, e ora principali attori della repressione del regime di Bashir, sono finanziati da anni dall’UE (nel 2017 sono stati stanziati 215 milioni), al fine di “arginare le migrazioni e controllare le frontiere”.  Nel 2016 l’Italia, attraverso il capo della polizia Gabrielli, ha firmato un accordo con il Sudan sul tema del controllo dei flussi migratori che prevede anche la fornitura di supporto logistico a queste milizie.

Le/i sudanesi in lotta ci chiedono solidarietà!

Qui di seguito una cronologia di quanto avvenuto in queste ultime settimane: Continue reading

Posted in dalle Frontiere | Tagged , , , , , | Commenti disabilitati su Il Sudan è in rivolta. Breve cronologia delle lotte

Salerno – Un altro suicidio di Stato

Riceviamo e pubblichiamo. Per scriverci e inviarci contributi hurriya[at]autistici.org

Aziz Alhini, trentasettenne marocchino, era agli arresti domiciliari presso la “Domus Misericordiae”, struttura gestita dalla Caritas e sita a Salerno nella frazione collinare di Brignano, quando si è tolto la vita.
La sua storia è stata segnata da un clamoroso errore giudiziario: il 14 febbraio del 2016 Alhini viene denunciato per il furto di un portafogli (in seguito ritrovato) e condannato alla pena di tre anni di carcere, che inizia a scontare presso la casa circondariale di Fuorni a Salerno per poi proseguirla agli arresti domiciliari a Brignano, essendo senza fissa dimora. Alhini avrebbe finito di scontare la pena il 13 gennaio 2019, ma gli viene comunicato che avrebbe dovuto presentarsi in Questura perché sarebbero state avviate le procedure di espulsione. Dopo una condanna che viveva come un’ingiustizia e il carcere, sarebbe stato quindi deportato in Marocco. Così arriviamo alla tragica decisione di Alhini di togliersi la vita la notte di Natale.

Decine di migliaia di persone sono etichettate dalle leggi italiane come “irregolari”, sono costrette a vivere ai margini e in modi considerati sempre “illegali”: trovarsi un tetto in un edificio abbandonato, costruirsi un riparo, chiedere l’elemosina, lavorare in nero, rubare per sopravvivere. A guardia della società che li ha resi irregolari per meglio dominare e sfruttare, c’è il carcere, il CPR e la minaccia della deportazione. E così nelle stesse 24 ore si viene arrestati come Jabre e Boundaung per aver preso della legna in un bosco per costruirsi una capanna nella baraccopoli di San Ferdinando, si muore suicidi come Aziz Alhini, si muore assiderati come il 36enne marocchino Nassid Fouad, sotto una tettoia all’ex scalo merci alla stazione di Montebelluna, o travolti da un tir al quale si era aggrappato, come il giovane afgano, del quale non si conosce il nome, nella zona del porto di Ancona.

Tutto questo ha dei responsabili ben precisi e noti, gli stessi che garantiscono lo sfruttamento e l’apartheid, incarcerano e costruiscono lager, deportano e rendono un inferno la vita di tante persone migranti, le stesse istituzioni responsabili delle stragi nel Mediterraneo e della chiusura delle frontiere. Per ricordare Aziz e tantx come lui che sono finitx in questo circuito repressivo rinnoviamo l’invito a costruire e rafforzare sempre di più la solidarietà con le lotte che le persone migranti portano avanti ogni giorno dentro i lager, nei centri di accoglienza, nelle nostre città e nelle campagne.

laboratoria no confini

Posted in dalle Frontiere | Tagged , , , | Commenti disabilitati su Salerno – Un altro suicidio di Stato

Francia – Comunicato dei prigionieri del CRA di Oissel

traduzione da à bas le CRA

In tutti i luoghi di detenzione la violenza è quotidiana, la prigione per stranierx di Oissel, vicino Rouen, è uno dei laboratori di sperimentazione della repressione.

Si lascia una squadra di sbirri, quelli del turno di giorno, agire come vogliono per far regnare l’ordine. Questa squadra ricorda a tutti e tutte le detenute l’altro obiettivo di questa galera: se non ti deportiamo, quando sei fuori chiudi la bocca e abbassa lo sguardo!

Lì da molto tempo si utilizza l’isolamento per fiaccare il morale e terrorizzare. Recentemente un compagno ci è rimasto per 6 giorni, cosa che ha provocato un movimento di solidarietà, uno sciopero della fame, da parte degli altri detenuti del CRA.

Dei compagni passati di là qualche anno fa ci hanno raccontato le medesime storie: una cella d’isolamento dove ti possono legare le mani e le gambe, vestito o no, e metterti un cappuccio in testa.. il tutto per diverse ore!

Alcuni prigionieri del centro di detenzione di Oissel hanno deciso di scrivere un testo collettivo per denunciare le loro condizioni di detenzione e spiegare le loro rivendicazioni. Continue reading

Posted in dalle Galere | Tagged , , , , , , | Commenti disabilitati su Francia – Comunicato dei prigionieri del CRA di Oissel

Trapani – 28 dicembre 2018: 42 persone appena sbarcate recluse nel CPR. 28 dicembre 1999: la strage di stato nel CPT

Ieri, 28 dicembre 2018, 43 persone a bordo di una imbarcazione nei pressi di Pantelleria sono state intercettate da una motovedetta della guardia di finanza e fermate. Un ragazzo tunisino è stato fatto sbarcare a Pantelleria e portato in ospedale, le altre 42 persone sono state condotte nel porto di Trapani e da qui detenute nel CPR di Trapani-Milo.

19 anni fa: il 28 dicembre 1999, altre persone migranti dopo uno sbarco in Sicilia erano state portate nel CPT (Centro di Permanenza Temporanea) “Serraino Vulpitta” a Trapani. Questo campo di concentramento era stato da poco istituito, come altri 10, dalla legge “Turco-Napolitano” emanata nel 1998 dal Governo Prodi, con l‘appoggio e il voto favorevole di Rifondazione Comunista, dei Comunisti Italiani e della Federazione dei Verdi.

Dopo un tentativo di fuga, queste persone erano state catturate e rinchiuse in una cella, sprangata all’esterno con una sbarra di ferro. La protesta continua e si dà fuoco ad un materasso per essere liberati. I poliziotti invece non aprono la cella, non spengono l’incendio: muoiono bruciate vive 3 persone, altre 3 successivamente in seguito alle ferite, le altre rimangono ustionate. La morte di Rabah, Nashreddine, Jamel, Ramsi, Lofti e Nasim è la più grave strage avvenuta nei lager italiani chiamati CPT, CIE o CPR. I processi relativi alla strage di stato hanno visto assolti tutti i responsabili istituzionali.

Questo il racconto di uno dei sopravvissuti, Amin: Continue reading

Posted in dalle Galere | Tagged , , , , , , , , | Commenti disabilitati su Trapani – 28 dicembre 2018: 42 persone appena sbarcate recluse nel CPR. 28 dicembre 1999: la strage di stato nel CPT

Caltanissetta – Tentata evasione dal CPR di Pian del Lago

Dai media apprendiamo che nel pomeriggio di ieri c’è stato un tentativo di fuga di massa dal CPR di Pian del Lago.
Nel centro è intervenuta la celere che ha impedito l’evasione.

A quanto pare il CPR è tornato in funzione dopo la rivolta di un anno fa che lo distrusse con le fiamme. Per quella rivolta cinque reclusi furono trasferiti nel carcere di Malaspina con l’accusa di devastazione: in tre furono scarcerati immediatamente mentre, nell’udienza di novembre, dopo un anno di carcere, un ragazzo è stato condannato a 10 anni in primo grado mentre l’altro assolto.

Dopo la ristrutturazione il CPR è tornato immediatamente a essere teatro di lotte e resistenze. A conferma di ciò, la Questura di Caltanissetta, nel consueto resoconto delle attività del 2018, riporta di aver svolto ben 80 interventi nel CPR di Pian del Lago, per effettuare deportazioni e presumibilmente, in molti casi, per reprimere proteste e tentativi di fuga.

Posted in dalle Galere | Tagged , , | Commenti disabilitati su Caltanissetta – Tentata evasione dal CPR di Pian del Lago

Oulx – Capodanno contro le frontiere

Fonte: Chez Jesus -Rifugio Autogestito

A OULX 🔥🔥🔥
CAPODANNO CONTRO LE FRONTIERE
CAPOD-ANAS
Ex Casa Cantoniera Occupata

Dalle ore 19
Strada del Monginevro km 79, OULX

Posted in Appuntamenti | Tagged , , , | Commenti disabilitati su Oulx – Capodanno contro le frontiere