Roma – Sul presidio davanti il CIE di Ponte Galeria

Riceviamo e pubblichiamo.

chiudiamoIeri, 8 novembre, si è tenuto un presidio solidale davanti il CIE di Ponte Galeria.
Per due ore le grida dei reclusi e delle recluse si sono intrecciate con quelle dei/delle solidali nonostante l’ente gestore e le guardie avessero deciso, già dalle prime ore del mattino, d’intralciare la giornata di proteste chiudendo tutte le celle e non permettendo a nessuno d’incontrarsi.

Attraverso la comunicazione tra dentro e fuori le mura, veniamo comunque a sapere che, dopo il tentativo di fuga del 5 novembre, almeno 1 degli 11 ragazzi fermati dalle forze dell’ordine ha subito pesanti violenze.

Il presidio si è sciolto con saluti rumorosi e con la scelta di portare i racconti dei reclusi e delle recluse in città. I solidali hanno quindi fatto ritorno ad Ostiense per megafonare e volantinare al mercato tra la stazione e la metro Piramide.

Nel CIE di Ponte Galeria sono attualmente imprigionate circa 120 persone, le deportazioni sono all’ordine del giorno, così come i nuovi ingressi a causa delle continue retate in città.
L’ultima retata, di proporzioni agghiaccianti, è quella avvenuta all’Esquilino il 6 novembre. Il quartiere, da più di un mese, è sotto la pressione costante di associazioni, legate ad alcuni gruppi fascisti, che invocano quotidianamente l’azione repressiva delle forze dell’ordine con la retorica della lotta al degrado.

This entry was posted in dalle Galere and tagged , , , . Bookmark the permalink.