Calais – Solidarietà significa lottare contro le frontiere.

200815jungle5

Traduzione da “Calais migrant solidarity”.

Nelle ultime settimane, migliaia di persone hanno alzato la testa davanti alla miseria causata dai confini. Cogliamo questa energia e facciamola crescere in un movimento di solidarietà e ribellione contro il sistema delle frontiere. Abbattiamo i muri.

Crediamo nella solidarietà, non nella carità. La carità è una relazione squilibrata. Una persona è il “donatore” attivo, l’altra è un beneficiario passivo. La carità, a Calais, tiene viva la divisione tra gli europei potenti, attivi, principalmente bianchi e con passaporto e gli africani e asiatici impotenti, passivi, vittime senza documenti. Inoltre aiuta a consolidare le profonde ineguaglianze di questo mondo fatto di Stati, frontiere, colonialismo e sfruttamento capitalista.

La solidarietà tende ad essere una relazione paritaria. Lottiamo al fianco l’uno dell’altro. Questo perchè, come afferma una frase famosa, “la tua liberazione è legata alla mia”. Sicuramente le frontiere colpiscono alcune persone più duramente di altre, ma sono un affronto per tutte e tutti noi, e parte del sistema malato che attacca tutti/e.

Un milione di coperte non possono coprire i problemi di Calais. La violenza e la miseria esistenti qui sono il diretto risultato della frontiera. Finché la Francia e l’Inghilterra continueranno ad utilizzare filo spinato, sbirri, manganelli, lacrimogeni, odio mediatico e altre armi per fermare le persone che provano a superare la frontiera, qui ci sarà sofferenza. L’unica strada per affrontare questo problema è quella di ribellarsi contro la frontiera.

Le azioni contro la frontiera possono avere tante forme. Ogni persona che l’attraversa indebolisce la frontiera. Ogni buco nelle reti mina i confini. Difendersi l’uno con l’altro davanti alla violenza della polizia aiuta a indebolire la frontiera. Scambiarsi informazioni e idee contribuisce a danneggiare la frontiera. Sfidare la propaganda razzista dei media e diffondere le nostre visioni di solidarietà e ribellione, aiuta ad indebolire la frontiera.

La frontiera non è solo qui a Calais. Le frontiere corrono lungo tutta l’Europa e non solo nei punti d’attraversamento ma ovunque ci sono le retate contro gli immigrati, i posti di blocco, i centri di detenzione, i centri di registrazione , controlli d’identità sui posti di lavoro o nelle case, attacchi razzisti etc. Molte persone ci stanno chiedendo: cosa possiamo fare? La nostra risposta è: lotta contro le frontiere ovunque tu sia. Cerca dove sono i controlli in frontiera e i punti caldi più vicino a te. Prendi l’iniziativa. Aiuta a creare una cultura della solidarietà, un mondo dove le frontiere sono inaccettabili. Un mondo dove nessuno venga attaccato o bloccato per il colore della pelle, il paese dove gli è capitato di nascere, o per il pezzo di carta che ha in tasca.

Incoraggiamo ogni individuo o gruppo ad agire contro le frontiere. Siamo inoltre interessati a prendere parte ad un un coordinamento con persone dalla Francia, dalla Gran Bretagna e dal resto d’Europa, per svolgere azioni e manifestazioni contro le frontiere. Contattateci con qualche proposta. E restate sintonizzati per i comunicati dei prossimi giorni.

 

Alcuni link e idee per azioni in Gran Bretagna:

“Bordered London” mappa delle agenzie e imprese coinvolte nella detenzione e deportazione a Londra

Alcune delle prossime iniziative in UK in solidarietà con Calais

Articolo con alcune altre idee riguardo la lotta contro il regime delle frontiere

Antiraids Network: resistenza contro le retate anti-migranti a Londra

Unity Centre: solidarietà con i migranti a Glasgow

SOAS detainee support: studenti londinesi in supporto alle persone detenute

Right to Remain: campagna in supporto alle persone che rischiano la deportazione

Movement for Justice: organizzazione con le persone di Yarl’s Wood altri centri detenzione per migranti

No Borders Leeds

 

This entry was posted in dalle Frontiere and tagged , . Bookmark the permalink.