UK – Le detenute di Yarl’s Wood in sciopero della fame

Traduzione da rabble.org

CsAlYVyW8AAwOaaIl 10 settembre le detenute di Yarl’s Wood hanno annunciato l’inzio di uno sciopero della fame. Yarl’s Wood è un centro di detenzione per migranti situato in Bedfordshire, gestito da Serco e con una capienza di 400 posti.

Lo sciopero della fame segue l’ennesima manifestazione ‘Shut down Yarl’s Wood’, organizzata da Movement for Justice nello stesso pomeriggio , dove centinaia di persone hanno circondato il centro facendo molto casino e comunicando con le detenute attraverso il telefono.

Mentre era in corso la manifestazione, i secondini hanno rinchiuso in cella le prigioniere al fine di indebolire la solidarietà, ma le donne hanno risposto con la loro resistenza.

Da Detained Voices:

Abbiamo deciso di entrare in sciopero della fame. È una scelta dell’ultimo minuto a causa di ciò che ci hanno fatto. Ci hanno rinchiuse. In tutte le sezioni siamo in sciopero della fame. Non siamo sicure per quanto tempo. Se dobbiamo andare avanti lo faremo anche domani. Abbiamo il diritto di fare una manifestazione pacifica. È nostro diritto, è la nostra libertà d’espressione.

Quando all’1:30 i/le manifestanti sono arrivat*, ci hanno rinchiuse in cella e non volevano farci gridare dalle finestre ai/alle solidali. Già siamo rinchiuse in questo centro e ci hanno rinchiuse di nuovo dentro. Non volevano che gridassimo all’esterno – noi siamo dalla parte opposta dell’edificio rispetto i/le manifestanti. Noi siamo rinchiuse nella sezione “Crane”. Le donne della sezione “Dove” sono state rinchiuse lì. Anche nella sezione “Avocet” è così. Dobbiamo tutte restare rinchiuse nelle nostre sezioni. È la prima volta che si comportano così.

Perché sono spaventati se pensano di non avere nulla da nascondere? Perché sono andati così nel panico?

Ci sono molti agenti, alcuni tra le differenti sezioni, alcuni nei corridoi, sorveglianti e agenti per controllare che nessuna possa né gridare né fare qualsiasi altra cosa. Non è mai succeso prima.

Volevamo ringraziare le persone che ci hanno dimostrato il supporto ma siamo state rinchiuse. Siamo trattate come oggetti e non come esseri umani.

Vedremo che ne risulterà da oggi e se continuare domani.

Abbiamo chiesto perché ci hanno rinchiuse. È la nostra libertà d’espressione. È un nostro diritto. Vogliamo una risposta.

Vorremmo vedere la fine di questa detenzione illimitata.

This entry was posted in General. Bookmark the permalink.