San Ferdinando: basta espulsioni e false promesse!

Fonte: Comitato lavoratori delle campagne

Nelle ultime ore nella tendopoli di San Ferdinando in molti denunciano di aver ricevuto un foglio di espulsione da parte delle forze dell’ordine. La polizia si è presentata più volte chiedendo alle persone senza documenti di segnare il proprio nome promettendo regolarizzazioni per poi portarsi le persone in questura e comunicare l’obbligo di lasciare il paese. Allo stesso tempo, una persona che ieri sera si era recata in questura per fare richiesta di asilo è stata trattenuta e pare che verrà trasferita in un CPR anche se ancora non si hanno notizie certe. Proprio ieri notte la polizia si è ripresentata registrando nomi e cognomi per una eventuale risistemazione nelle nuove tende emergenziali di cui è in corso la costruzione dopo l’incendio che ha distrutto gran parte della tendopoli (nella foto) pretendendo però di identificare anche chi non ha i documenti. Apprendiamo dai giornali della volontà della regione di bonificare l’area della vecchia tendopoli, ma nessuno si cura di comunicare con i suoi abitanti. Denunciamo fermamente questa nuova ondata di pratiche repressive e di controllo che approfittano della confusione e dell’instabilità creata dall’incendio per effettuare arresti ed espulsioni.

Basta soluzioni repressive ed emergenziali, baste false promesse!

CondividiShare on FacebookTweet about this on Twitter
This entry was posted in dalle Frontiere and tagged , , , , , , , . Bookmark the permalink.