Roma – Sul rastrellamento al campo rom di Castel Romano

riceviamo e diffondiamo:

Questa mattina ingenti forze di Polizia e Polizia Roma Capitale, con volanti, fuoristrada , unità cinofile e camionette, si sono presentate al campo Rom di Castel Romano per dar via al tanto sbandierato censimento voluto dal ministro degli interni Salvini. Le modalità di esecuzione degli ordini sono state semplici: prelevare da tutti i container i residenti, radunare adulti e minori al centro del piazzale del campo e, documenti alla mano, fotografare stile foto segnaletica persona per persona. Il tutto è durato diverse ore, con i bambini piccoli rimasti nei container separati dalle mamme, con la polizia che bloccava chi doveva dirigersi al lavoro facendogli subire umiliazioni e mortificazioni ,ironizzando sul fatto che”uno zingaro lavorasse” . Infatti dal racconto di chi ha subito questa schedatura emergono provocazioni da parte delle forze dell’ordine, forti del fatto che ora ”c’è Salvini” come i gendarmi hanno spesso ripetuto nella mattinata.

Il campo Rom di Catel Romano è un’isola in mezzo al nulla, confinante con campi di terra bruciata e la strada regionale Pontina, voluto dall’ex sindaco di Roma Alemanno e praticamente condanna i suoi residenti a una realtà di emarginazione e ghettizzazione: non vi sono servizi adiacenti facilmente raggiungibili senza macchina e non vi è garantita nessun tipo di socialità.

L’isolamento geografico e sociale ha permesso che l’operazione di schedatura avvenisse lontano dagli occhi degli altri cittadini , anche se di questo se ne parlerà come un’operazione indolore e necessaria, come editto salviniano pretende.

Questo cosiddetto ”censimento” si inserisce nel puzzle della politica anti migrante del Ministro Salvini, con i cinquestelle al seguito che assecondano il carrozzone razzista. Una propaganda anti povero, più che anti straniero, che passa dai controlli e dai sequestri sulle spiagge dei venditori ambulanti, ai blocchi delle navi cariche di migranti naufraghi. Politica atta più a distogliere dalle vere cause della crisi che colpisce in base al ceto e non al colore della pelle, e dal fatto che il partito leghista della legge e dell’ordine debba restituire 50 milioni di euro di fondi pubblici trafugati dai suoi precedenti amministratori.

CondividiShare on FacebookTweet about this on Twitter
This entry was posted in dalle Frontiere and tagged , , , , . Bookmark the permalink.