Francia – Informazioni dal CRA di Lesquin

fonte: abaslescra.noblogs.org

Venerdì, 13/03/2020, abbiamo appreso che almeno un caso di coronavirus è stato confermato all’interno del CRA. Sebbene la persona sia stata evacuata, non sono state prese misure per la nostra sicurezza riguardanti l’epidemia.
Gli agenti della polizia di frontiera (PAF) hanno guanti e maschere e noi non abbiamo nulla.
Abbiamo quindi deciso di non utilizzare più gli spazi collettivi del centro di detenzione, al fine di proteggerci, il che include anche il refettorio.
Noi non mangiamo più da tre giorni.
Altre conseguenze:
– L’associazione, solitamente presente per aiutarci ad affermare i nostri diritti, è assente. Come possiamo difenderci e informarci?
– Sono proibite anche le visite dei nostri parenti e dei nostri sostenitori, rafforzando il nostro isolamento.
– Molte udienze del giudice delle libertà e della detenzione sono rinviate, ed è in occasione di queste udienze che possiamo essere liberati. Non possiamo rimanere rinchiusi senza l’autorizzazione di un giudice.
– La maggior parte dei voli internazionali (soprattutto verso l’Italia e il Marocco) sono cancellati. Se in ogni caso non possiamo essere espulsi, che senso ha trattenerci?

Per la nostra sopravvivenza e il rispetto dei nostri diritti, chiediamo l’immediata libertà di tutte le persone rinchiuse nel CRA di Lesquin e in tutti i centri di detenzione!

This entry was posted in dalle Galere and tagged , . Bookmark the permalink.