Torino – Di rivolte, fuoco e solidarietà

fonte: Macerie

cenereQuando nelle ultime settimane riportavamo di un’aria vivace nel Centro di identificazione ed espulsione torinese è perché tra le righe di ciò che i reclusi raccontavano da dentro si subodorava una tensione crescente. Da quando il Cie è tornato a funzionare a metà regime, circa 90 posti, dopo le ristrutturazioni dell’inverno passato, è ripreso più opprimente il tran tran della macchina delle espulsioni: polizia che dà la sveglia all’alba ai reclusi trascinando via qualcuno per il rimpatrio, deportazioni di massa, pestaggi a chi prova ad allestire piccole forme di protesta individuale.

È la normalità nell’amministrazione pratica della detenzione dei senza-documenti e per questo c’è poco da stupirsi, come fingono invece di fare i politici umanitari di turno quando il discorso dei Centri rientra strumentalmente nelle loro piccole querelle da salotto buono o da poltrona conferenziale. Sono i casi in cui la figura del recluso assume un’aura sacrificale, costruita sull’immagine della vittima di un sistema che non funziona adeguatamente, o perlomeno che non assicura la giusta dignità durante il periodo di reclusione. Una dignità piccola, quella di cui parlano lorsignori, se si pensa che dovrebbe essere iscritta dentro a mura dalle quali non si può uscire e che è del tutto funzionale al loro rafforzamento.

Capita, però, che i conti non tornino come vorrebbero e alla fin fine l’immagine del recluso vessato non può che andare di pari passo con la realtà di una rabbia crescente, che si alimenta dei piccoli o grandi soprusi quotidiani, come un substrato carsico smuove e macina, e si manifesta talvolta con qualche piccola favilla di ribellione circoscritta a pochi ragazzi. A volte, invece, emerge con più foga e diventa azione collettiva e alle strutture detentive viene appiccato il fuoco. Basta un pretesto come quello di qualche giorni fa: a un recluso viene negato un colloquio con la moglie, lui si taglia le vene. Ma ciò che ha fatto la differenza, stavolta come nell’estate del 2014, è che i reclusi in un clima di solidarietà generale si sono organizzati per palesare che della dignità che si ferma davanti alle sbarre se ne fanno davvero poco.

E così sabato sera prima dall’area rossa, poi subitaneamente da quella bianca e da quella gialla si sono sollevate le colonne di fumo che in Corso Brunelleschi sono andate a confondersi con la prima nebbia novembrina. Nel Centro sono arrivati celermente gli agenti in anti-sommossa e presto anche il prefetto, per constatare il danno subìto e presumibilmente per cercare di gestire al meglio le conseguenze al più grande smacco dopo le ristrutturazioni invernali contro il centro detentivo torinese. I ragazzi sono stati portati fuori, all’umidità del campetto, e tenuti là in attesa di capire come riorganizzare i pochi spazi rimasti illesi. Non è mancata un’altra presenza, sicuramente più vicina negli intenti ai reclusi seppur oltre le mura: una trentina di solidali accorsi per far sentir loro il sostegno caloroso attraverso voci, botti e luci dei fuochi artificiali, luminose nonostante la foschia.

Nella notte, con la temperatura oramai pungente, i ragazzi dell’area rossa tenuti all’addiaccio hanno deciso ancora di non star fermi a subire le decisioni delle forze dell’ordine e hanno sfondato la rete che li separava dall’area gialla per rifugiarcisi dentro. Quale sia l’entità effettiva dei danni alle strutture e cosa deciderà la polizia e il gestore Gepsa riguardo al Cie bruciacchiato cercheremo di capirlo a breve. Di certo c’è che ad ora le aree interessate dagli incendi sono state dichiarate inagibili – pare siano andati distrutti oltre che gli arredi anche gli impianti elettrici – e l’operatività del Centro è stata notevolmente ridimensionata. Altra cosa certa è che all’indomani della rivolta mancava un recluso all’appello; le veline della questura ovviamente stanno ben attente a non riportarlo ma i ragazzi dentro non hanno dubbi: nella confusione qualcuno è riuscito a svignarsela e da allora è uccel di bosco.

Domenica si è svolto il presidio solidale indetto da qualche giorno ma sicuramente corroborato dalla notizia del Centro andato a fuoco poche ore prima.  Una cinquantina di persone si sono trovate in corso Brunelleschi e per qualche ora musica, saluti, slogan e interventi accorati hanno fatto compagnia ai reclusi, i quali hanno risposto con altrettanta calda energia; anche qualche momento per saluti personali da parte dei parenti dei due ragazzi rumeni portati giovedì al Cie dopo lo sgombero delle famiglie rom dall’ex caserma di via Asti. I due nonostante siano cittadini comunitari sono stati rinchiusi adducendo come motivazione la loro presunta “pericolosità sociale” e giusto sabato hanno incontrato il giudice che ha deciso per l’espulsione. Fuori dalle mura quella mattina un gruppetto di parenti, amici e solidali aveva atteso insieme notizie dall’avvocato e poi aveva dato vita a un saluto rumoroso prima di andarsene.

Non è sicuramente la prima volta che nel Cie ci finisce anche chi, con le carte in regola, viene definito “socialmente pericoloso”, né è la prima volta che occupanti di case trovati il giorno dello sgombero senza documenti vengano trasferiti al Cie e poi espulsi. Per i due ragazzi, dopo il via libera del giudice, i tempi stringono; non potrebbero, per legge, essere infatti trattenuti nel Cie e quindi, se nulla cambia, ci si aspetta l’espulsione a giorni.

Dopo gli incendi di sabato notte è arrivata la notizia degli arresti di due tunisini che hanno partecipato alla protesta. Le accuse sono di danneggiamento, resistenza, violenza e minacce a pubblico ufficiale. Proprio per questo, dismesso il presidio, i solidali hanno raggiunto il carcere delle Vallette per un altro sentito saluto a tutti i detenuti ma soprattutto a chi, colpevole di aver provato a distruggere una gabbia, è stato trasferito in un’altra.

Così, anche nell’estrema periferia che fa da cornice alla galera cittadina, all’imbrunire in molti hanno salutato i detenuti al grido di “libertà”.

Per aggiungere qualcosa in più a quello che vi abbiamo raccontato, vi proponiamo l’intervista fatta ieri ad una compagna durante la trasmissione di RadioBlackout “Bello come una prigione che brucia”.

This entry was posted in dalle Galere and tagged , , , , , , . Bookmark the permalink.