Israele – Attacco contro l’ufficio immigrazione di Tel Aviv in solidarietà con i/le richiedenti asilo africani che rischiano la deportazione

fonte: Insurrection News

Il 28 gennaio 2018 a Tel Aviv, l’ufficio del PIBA (Population, Immigration and Border Authority) è stato vandalizzato per protestare contro l’espulsione di immigrati/e africani/e.

Diverse teste mozzate di bambole, ricoperte di vernice rossa, sono state ritrovate fuori l’ufficio del PIBA a Tel Aviv. Tra le teste delle bambole e la vernice rossa c’erano volantini con scritto “il loro sangue è nelle vostre mani. questo è solo l’inizio”.

Lo scorso mese, la Knesset (il parlamento israeliano) ha approvato un emendamento della così detta “legge sugli infiltrati”, che apre la strada alle deportazioni forzate di migranti sudanesi e eritrei e richiedenti asilo a partire da marzo, così come la carcerazione a tempo indefinito per chi tra loro rifiuta di andarsene “volontariamente”.

Per approfondire, puoi leggere anche “Israele di prepara a vincere la guerra contro le/i rifugiati/e africani/e”

This entry was posted in dalle Frontiere and tagged , . Bookmark the permalink.